Birra trappista e d'abbazia

La birra trappista e la birra d'abbazia sono due tipi di birra diversi, ma accomunate da una storia secolare che le lega strettamente ai monaci e alla produzione medievale di birra all'interno dei monasteri, soprattutto del Nord Europa (Belgio, Germania e Olanda).

 

 

Sia le Abbazia che le Trappiste sono birre ottenute con un processo di alta fermentazione, possono avere varie tonalità di colore, dal dorato carico all'ambrato al bruno scuro, sono ricche di corpo e di struttura, hanno un grado alcolico elevato (dai 6 ai 10%) e un gusto speziato ed aromatico, che in molti casi ricorda il caffè, il caramello, il cioccolato.

Si servono ad una temperatura di 12-16°C in bicchieri con stelo molto ampi, tipo baloon, per apprezzarne meglio gli aromi.

Le birre Abbazia o Abbaye

Le birre d'abbazia sono quelle birre che hanno una connessione storica con i metodi artigianali in uso nelle numerose abbazie belghe durante il Medioevo, abbazie che ormai o sono scomparse o sono state cedute a proprietà laiche vendendo anche la ricetta della propria birra.

Il termine Abbazia è quindi un termine generico, che vuole solo indicare la provenienza antica e monasteriale del metodo con il quale queste birre vengono anche oggi prodotte: un processo che prevede un'alta fermentazione (a circa 15-25°C), una o più rifermentazioni in bottiglia e un prodotto finale molto corposo con grado alcolico variabile tra i 6% e i 9%.

A seconda di quante rifermentazioni ha subito, la birra d'abbazia può essere classificata in Dubbel (doppia rifermentazione), Tripel (tripla rifermentazione) o Quadrupel (quadrupla rifermentazione).

In Belgio esistono circa 70 marche di birra d'abbazia, dedicate a monasteri, chiese, santi o altre comunità religiose, anche se, ricordo, la loro produzione è totalmente laica e commerciale.

Tra le marche più conosciute e rinomate ricordo: la Leffe, la Grimbergen, la Abbaye de Cambron, la Tripel Kameliet, la Watou. 

Birre trappiste

Le birre trappiste

Le birre trappiste sono quelle birre prodotte da secoli e ancora oggi dai monaci trappisti.

L'Ordine dei monaci trappisti nasce in Francia nel monastero cistercense di La Trappe (da cui il nome) durante il Seicento. Tra tutti i vari ordini monasteriali, sicuramente i trappisti furono sempre quelli più attivi nella produzione della birra e quelli che raggiunsero più successo a livello europeo.

Anche se in passato esistevano numerose abbazie trappiste in Francia, Belgio, Olanda, Germania e Austria, oggi ne sono rimaste solo 8, dislocate quasi esclusivamente in Belgio, solo una è in Olanda e un'altra in Germania, ma quest'ultima non produce birra.

 

 

Queste 7 abbazie sono le uniche al mondo a poter produrre birra trappista e nel 1997 si sono riunite nell'Associazione Trappista Internazionale (ITA) che si propone di rispettare un'etica di produzione e di commercializzazione molto rigida, nonchè di tutelare il marchio "Authentic Trappist Product" concesso solamente ai seguenti produttori.

  • Chimay: prodotta dall'Abbazia De Notre-Dame de Scourmont (Belgio), nelle varianti Red cap (7%), White cap (8%) o Blue cap (9%);
  • Orval: prodotta dall'Abbaye Notre-Dame d’Orval (Belgio) in un'unica versione, ha 6,2%;
  • Westmalle: è la più venduta in Belgio, prodotta nell'abbazia di Westmalle in due varianti la Dubbel (7%) e la Tripel (9,5%);
  • Rochefort: dell'Abbaye Notre-Dame de Saint-Remy (Belgio), è commercializzata in 3 versioni, Rochefort 6 (7,5%), Rochefort 8 (9,2%) e Rochefort 10 (11,3%);
  • Achel: dell'abbazia Notre-Dame di Sant-Benoît al confine tra Belgio e Olanda, è venduta in 3 versioni Blonde (8%), Brune (8%) ed Extra (9,5%);
  • Westveleteren: dell'abbazia di Saint-Sixtus, in Belgio, viene prodotta come Westvleteren Blonde (5,8°), Westvleteren 8 (8%) e Westvleteren 12 (10,2%);
  • La Trappe: prodotta in Olanda nell'abbazia di Onze Lieve Vrouw a Koningshoeven nelle varianti La Trappe Blonde (6,5%), La Trappe Dubbel (7%), La Trappe Tripel (8%), La Trappe Quadrupel (10%), La Trappe Witte (5,5%), La Trappe Bockbier (7%), La Trappe Isid’Or (7,5%), La Trappe Puur  (4,7%) e La Trappe Quadrupel Oak Aged (10%), è la più commerciale tra le trappiste, tanto che le è stato revocato il diritto di fregiarsi del marchio trappista, poiché ha stretto un accordo commerciale con un colosso della birra, la Bavaria olandese, poi riconferitogli nel 2005.

 

- Consiglia questo articolo su Google

 

 

 

Ultimi articoli sezione: Alimentazione


Cocomero

Il cocomero o anguria è un frutto originario dell'Africa dalla polpa rossa e dai molti semi neri e gialli.


Frutta esotica: elenco completo e come sceglierla

Colorata, dalle forme strane e con un gusto molto gradito, la frutta esotica esiste di moltissime tipologie, alcune delle quali crescono anche in Italia.


Migliori diete del 2020: la classifica americana

La classifica delle migliori diete del 2020 è stata stilata da un portale americano di informazione, servendosi del supporto di esperti del settore salute.


Glifosato nel grano: tra bufale ed accordi internazionali

Il glifosato nel grano, specie in quello canadese, è stato oggetto di diversi dossier che si sono rivelati poi delle bufale.

 


Glifosato negli alimenti: dove si trova e come evitarlo

Il glifosato è un erbicida usato in agricoltura che potrebbe causare il cancro nell'uomo: ecco in quali alimenti si trova e come evitarlo.


Clinto: storia e caratteristiche del vino proibito

Il Clinto non appartiene alla specie solitamente usata per la produzione del vino comune. La sua diffusione è ostacolata da leggi italiane ed europee.


Uva fragola: caratteristiche e proprietà dell’uva dei climi freddi

L’uva fragola ha sapore e profumo molto particolari ma la legislazione italiana ne impedisce la diffusione, specie del vino da essa derivato: il Fragolino.


Coppiette di maiale romane: storia e come si mangiano oggi

Le coppiette di maiale romane sono un’antica ricetta romana diffusasi poi oggi in tutta Italia. Nascono per l’esigenza di conservare la carne.