Cognac e l'armagnac

Il cognac è una bevanda alcolica ottenuta dalla distillazione del vino. È probabilmente il distillato francese più conosciuto al mondo, insieme al meno noto armagnac, il fratello gemello del cognac, ma prodotto in una regione più a sud, nel dipartimento del Gers, delle Landes e del Lot e Garonne.

 

 

Dove si produce il cognac

La zona di produzione del cognac comprende una grande parte del dipartimento del Charente, di tutto il Charente Maritime e di alcune zone del Dordogne e del Deux-Sèvres. Nel cuore della regione si trova Jarnac, Segonzac e Cognac (che si trova 465 chilometri a sud-ovest di Parigi e 120 chilometri a nord di Bordeaux), che ha dato il relativo nome alla bevanda. Le coltivazioni di uva per la produzione di Cognac si estendono su una superficie di 80.000 ettari, 15.000 piantagioni, delle quali la varietà principale è la Ugni. Questa varietà di uva a maturazione lenta è molto resistente alle malattie e produce un vino che ha due qualità vitali: una acidità elevata e di un basso livello di alcool.

Produzione del cognac

Cognac

L'uva viene raccolta appena matura, e viene prodotto un vino che subisce una fermentazione di 3 settimane, arrivando a una gradazione alcolica di circa 8 gradi. A questo punto si procede con la distillazione del Cognac, che avviene in due fasi, chiamate "chauffes".

La prima "chauffe" dura fra 8 e 10 ore e produce un liquido chiamato "brouillis", con un contenuto di alcool di 24 - 30 %vol. Il "brouillis" viene distillato nuovamente con un processo chiamato "la bonne chauffe" che dura circa 12 ore.

A questo punto il distillatore separa "il cuore" del distillato dalla testa e dalla coda, con un processo chiamato taglio. La testa e la coda di distillazione sono mescolate con il vino o i brouillis per essere distillati nuovamente. Così soltanto il cuore, uno spirito avente una gradazione alcolica tra il 68% e il 72%, è fatto invecchiare fino a diventare Cognac.

Invecchiamento del cognac

 

 

Lo spirito che diventerà cognac invecchia in barili di quercia da 270 - 450 litri. Il livello naturale di umidità nelle cantine è uno dei fattori che influenza l'invecchiamento del Cognac, a causa del suo effetto sull'evaporazione. Il legno tradizionalmente utilizzato è quello delle foreste del Limousin e di Tronçais. La foresta di Tronçais, nel reparto di Allier della Francia, fornisce legno morbido, con una granulosità fine che lo rende particolarmente poroso all'alcol. La foresta del Limousin produce un legno di granulosità media, più duro ed ancor più poroso. Durante questo invecchiamento, il cognac perde fra 3 e 4 % del suo volume ogni anno.

Durante i primi 5 anni), il cognac diventa meno aggressivo, il colore diventa ambrato e si sviluppa l'odore di legno. Dopo, il gusto diventa più piacevole e più rotondo, vengono fuori i profumi dei fiori e della vaniglia. Oltre 10 anni, il cognac raggiunge la maturità ed ha un colore molto più scuro.

Esistono 5 diversi tipi di cognac, chiamati "vintages", che si differenziano a seconda della zona di produzione, e che hanno caratteristiche diverse proprio in funzione della diversità del terreno in cui viene coltivata l'uva: Grande champagne, Petite champagne, Borderies, Fin bois, Bon bois et Bois ordinaries.

 

 

 

Ultimi articoli sezione: Alimentazione

Polli allevati a terra o all'aperto: quali sono le differenze?

L'allevamento dei polli a terra o all'aperto presenta notevoli differenze, sia per quanto riguarda le modalità, sia per la salubrità degli alimenti prodotti.

Meduse in cucina

Le meduse in cucina: una novità per noi Occidentali, entrate a far parte dell'elenco dei "novel foods", ma una tradizione in Asia.

Fitoplancton come alimento

Il fitoplancton marino: l'alimento del futuro, il cibo che più sta destando curiosità tra i grandi chef.

Dieta per le gengive infiammate

La dieta per le gengive infiammate consiste in cibi e nutrienti che possono prevenire e rallentare l'infiammazione, bisogna inoltre evitare alcuni alimenti.

 

Caffè espresso

Caffè espresso: la preparazione del classico caffè italiano con la macchina da caffè espresso

Storia del caffè in Italia: tra leggenda e reali innovazioni

Il caffè è diventato simbolo di un'abitudine tutta italiana ma la sua origine è in Oriente. Nel corso del tempo è diventato simbolo di socialità ma la sua diffusione ha avuto ostacoli.

Riso

Il riso è il cereale più diffuso al mondo e originario dell'Asia.

Mindful eating: alimentarsi in ottica mindfulness

Negli ultimi anni si è assistito a un crescente interesse per mindfulness, una pratica che sarebbe alquanto riduttivo definire in poche parole.