Acido ossalico: una sostanza tossica presente in alcuni cibi

L'acido ossalico (H2C2O4), o ossalato, è un acido bicarbossilico che si presenta sottoforma di granuli bianchi, o cristalli incolori.

 

 

È una sostanza nociva per l'uomo, utilizzata dall'industria per diversi scopi, ma potenzialmente presente in diversi alimenti.

Utilizzi

L'acido ossalico viene utilizzato per diversi scopi.

A livello industriale viene utilizzato per produrre sbiancanti e antiruggine e nei prodotti per il trattamento superficiale del legno, anche per combattere i tarli.

Viene anche usato nelle concerie e nelle industrie tessili, come purificante; e nella produzione di detersivi e inchiostri; trova utilizzo anche nella produzione della gomma e nella lucidatura del marmo.

In apicoltura viene utilizzato per combattere la varroa, il temibile parassita in grado di uccidere le api.

Cos'è e dove si trova

È in grado di legarsi fortemente al calcio (i calcoli renali sono perlopiù composti da ossalato di calcio).

 

 

L'ossalato è il metabolita tossico di alcuni funghi (come Aspergillus niger), ed è contenuto in quantità elevate, talora pericolose, in diverse specie vegetali, che elenchiamo di seguito.

  • rabarbaro, il rabarbaro alpino o dei frati, falso rabarbaro;
  • acetosella, o alleluja, pancuculo e altri vegetali della famiglia Oxalis, da cui è derivato il nome acido ossalico, le quantità contenute sono davvero importanti (circa il 16% in peso);
  • la fitolacca comune, detta anche amaranto, sanguinella, vite di Spagna;
  • lo spinacio e la bietola, che contengono anche una quantità importante di nitrati;
  • Halogeton glomeratus, un’erba spontanea delle aree freddo-aride degli Stati Uniti, pericolosa per il bestiame al pascolo;
  • frutti e verdure, come la patata e un particolare tipo di ribes, Ribes grossularia, inizialmente coltivato su larga scala per la ricchezza di vitamina C.

Effetti tossici dell'acido ossalico

Acido ossalico

L'acido ossalico può avere effetti tossici acuti, di tipo corrosivo nei confronti della bocca e del tratto intestinale, con possibilità di emorragie, convulsioni, coliche renali.

Gli effetti cronici sono dovuti al fatto che si lega con diversi importanti minerali (ferro, magnesio e calcio), impedendone l'assorbimento e determinando, alla lunga, stati di carenza che possono portare allo sviluppo di patologie come osteoporosi e anemia.

In letteratura si riportano alcuni casi non chiari di intossicazione da ossalati, e altri palesi come quello di una casalinga incinta americana, intossicata da acido ossalico assunto tramite il consumo di rabarbaro, che per questo perse il figlio.

Sebbene il rischio di intossicazione sia remoto, sarebbe comunque opportuno evitare il consumo in eccesso di vegetali ricchi di ossalato, soprattutto tra quelli più comuni come spinaci e bietola, che tra l'altro contengono anche elevate quantità di nitrati, anch'essi potenzialmente nocivi. Questo ovviamente non significa non mangiarli mai, è sufficiente non consumarli con regolarità, seguendo la stagionalità e cercando di non inserire queste verdure tra quelle abitualmente presenti sulla nostra tavola.

 

 

 

 

Ultimi articoli sezione: Alimentazione

Smen (burro fermentato)

Lo smen è il burro salato e fermentato tipico della cucina mediorientale e magrebina. È un prodotto affine al ghee indiano e al niter kibbeh della cucina etiope.

Riso venere: un riso tutto italiano, esclusiva Scotti dal 2021

Il riso venere: un particolare tipo di riso dal chicco nero di origine asiatica ma coltivato anche in Italia.

Fecola di patate: a cosa serve, sostituti e caratteristiche

La fecola di patate viene usata per ricette dolci e salate anche in campo industriale, apprezzata per le sue proprietà addensanti.

Amido di mais o maizena: ricette e proprietà

L'amido di mais, o maizena, viene usato come addensante in diversi prodotti alimentari, ma anche come ingrediente di altri prodotti non alimentari.

 

Amido - Cos'è - Struttura - Tipologie

L'amido si estrae da mais, patate, riso, tapioca e frumento ed è un polisaccaride.

Alimenti ricchi di grassi "buoni"

i grassi buoni sono quelli vegetali e quelli del pesce. Ma è davvero così? In realtà a volte anche i grassi buoni possono diventare cattivi.

Grassi saturi e grassi vegetali

I grassi saturi: dove sono contenuti e perché non vanno demonizzati.

Pesca sostenibile - MSC, Friend of the Sea - Davvero sostenibili?

La pesca sostenibile: il moderno concetto di pesca, per tutelare la salute del mare e delle risorse ittiche.

Accedi ai servizi gratuiti

Se sei già registrato, clicca qui per accedere ai servizi gratuiti:

  • Database Alimenti
  • Calcola Ricetta
  • Slot Machine

Altrimenti, clicca qui per registrarti gratuitamente.