Acetosella

L'acetosella (Oxalis acetosella) è una pianta della famiglia delle Ossidalaceae. Il nome acetosella deriva dal termine "Oxalis", dal greco oxys=acuto, pungente e da hals=sale, per il suo sapore acido che ricorda l'aceto.
È una pianta erbacea perenne alta 8-15 cm, molto comune soprattutto nelle zone temperate e fredde dell'Europa, dell'Asia e del Nordamerica. In italia è diffusa dappertutto tranne che sulle coste e le isole. L'acetosella trova il suo habitat naturale nei boschi, nei luoghi ricchi di ombra, ad altitudini fino a 2000 metri e ama un terreno ricco di humus.
Le foglie dell'acetosella sono simili a quelle del trifoglio: trilobate, con un picciolo rosso. Fiorisce ad aprile-maggio, con un unico fiore con petali bianchi o rosati che presentano sottili venature violette. Il frutto è una capsula allungata mentre i semi sono immersi in una massa mucillagginosa. Per essere diffusi nell'ambiente, vengono indirizzati attraverso una fessura stretta ed elastica che è in grado di contrarsi in modo repentino, esplosivo, in grado di spingendoli lontano. La radice è composta da un piccolo fusto, che si divide creando una fitta rete nel suolo.

 

 

Acetosella

Proprietà dell'acetosella

Le foglie dell'acetosella sono diuretiche, rinfrescanti, decongestionanti, depurative, astringenti e abbassano la febbre. Hanno un forte sapore acidulo causato dalla presenza di acido ossalico (in concentrazioni anche maggiori dell'1%). Per questo bisogna fare attenzione: un uso eccessivo può causare problemi ai reni e portare addirittura alla morte. Dalle foglie si possono ricavare infusi, una bevanda dissetante simile alla limonata, mentre consumate crude possono essere utilizzate per disinfettare le piccole ulcere del cavo orale.

 

 

L'acetosella è controindicata per chi soffre di disturbi gastrici, intestinali, epatici, di calcoli renali e biliari, di gotta, soprattutto a causa del biossalato di potassio e della mucillagine in essa contenuti.

Per uso esterno, è da sempre utilizzata per lenire le pelli infiammate.

Nella pratica quotidiana l'acetosella era utilizzata per pulire oggetti di cuoio, rame e bronzo, per smacchiare la biancheria e per disincrostare oggetti di metallo. Il cosiddetto "sale di acetosella", che oggi viene prodotto dalle industrie, veniva un tempo preparato dai droghieri.

Acetosella in cucina

L'acetosella può essere usata sia cruda per insaporire le insalate, che cotta insieme ad altre verdure stufate o bollite come gli spinaci. Insieme ad altre erbe selvatiche viene utilizzata per produrre svariati tipi di salse.

 

- Consiglia questo articolo su Google

 

 

 

Ultimi articoli sezione: Alimentazione


Dieta e cortisolo - Cortisol Connection Diet

The cortisol connection diet è una dieta che imputa all'eccesso di cortisolo la causa del sovrappeso e pretende di controllarne la secrezione.


Cassis o ribes nero

Il cassis o il ribes nero, lo sciroppo di cassis per preparare il kir, l'aperitivo tipico francese.


Pesce rossetto (e bianchetti)

Il pesce rossetto (Aphia minuta): le caratteristiche, la pesca, gli usi in cucina e le differenze con i bianchetti e il pesce ghiaccio.


6 regole per rinforzare il sistema immunitario

Il sistema immunitario è un vero e proprio apparato difensivo che protegge il nostro organismo dagli attacchi di diverse sostanze estranee.

 


Luccio

Il luccio: pesce di acqua dolce. La pesca, la preparazione, le ricette, le curiosità.


Datteri di mare

I datteri di mare sono molluschi simili alle cozze di cui la pesca in Italia è vietata dal 1998.


Tenerezza della carne bovina

I tagli di carne più tenera: la tenerezza delle carni bovine secondo uno studio scientifico che valuta la qualità dei vari muscoli dei bovini.


Fico d'India

Fico d'India, tipico del Meridione, è il frutto di una particolare tipologia di cactus.

Accedi ai servizi gratuiti

Se sei già registrato, clicca qui per accedere ai servizi gratuiti:

  • Database Alimenti
  • Calcola Ricetta
  • Slot Machine

Altrimenti, clicca qui per registrarti gratuitamente.