Il potere della conoscenza

Indice delle risposte pubblicate

Ciao, ti ringrazio per la tua gentilezza nel rispondermi, io non seguo nessuna dieta e non peso gli alimenti perchè è una cosa che mi deprime. Io ho perso 7 KG in circa due mesi facendo bicicletta mediamente 1,30 / 2,00 ore e ultimamente ho cominciato anche a correre a piedi 1 ora e di solito in 1 ora faccio 8/10 km a seconda di come mi sento in quel momento avevo già avuto uno stop di 15/20 giorni quando ho cominciato a pedalare dopo aver perso in circa 20 giorni 3 kg poi ne ho persi altri 4 e adesso è già parecchio che sono fermo a circa 80 kg.

 

 

Un soggetto sedentario e in sovrappeso di 10 kg non fa molta fatica a dimagrire 3-4 kg, è sufficente fare attività fisica e mangiare un po' meno. Questo approccio, tuttavia, non funziona perché il soggetto non capisce il perché delle cose. E infatti, quando il peso smette di scendere, molti sperimentano una sorta di panico perché, nonostante i sacrifici, non vedono miglioramenti. Il panico scatta proprio perché non si vedono i risultati in risposta a un sacrificio che fino ad ora ha funzionato e non si riesce a spiegare il motivo di tutto ciò.

Altre persone (soprattutto donne con grandissima forza di volontà) gestiscono il loro peso nutrendosi di cibi a bassissimo apporto calorico, praticamente digiunando, perché hanno "paura" di qualunque cibo contenga calorie. Non sapendo come gestirsi, nel dubbio mangiano insalata e petto di pollo, gli unici due cibi che sanno avere poche calorie! In questo caso il panico è ancora maggiore quando il peso non scende più, perché è evidente che non si può mangiare meno... Di "quasi niente"!

 

 

Tu dici che il calcolo delle calorie ti deprime, ma in realtà non c'è nulla che rende più liberi e tranquilli di conoscere quante calorie ha il cibo che ci sta di fronte. L'ignoranza ha un effetto ansiogeno, la conoscenza ha un effetto rassicurante e questo durante una dieta è fondamentale.

Il cambiamento è difficile, perché l'uomo ha una naturale tendenza ad essere pigro, a "sedersi" su abitudini consolidate e ad avere una naturale repulsione al cambiamento di tali abitudini. Ora ritieni deprimente il calcolo delle calorie, ma se leggi l'articolo sulla tabella semplice e sulla matematica scoprirai che è molto meno difficile di quanto si possa credere, nel giro di un mese si impara a farlo senza tabelle e volendo anche senza bilancia.

Di fronte a un cambiamento che migliora la qualità di vita, in genere ci si butta a capofitto: dai la possibilità a questo strumento di dimostrarti che può cambiarti in meglio la vita, e da noioso e deprimente diventerà stimolante e risolutivo.

PS: la situazione di stallo in cui ti trovi è ovviamente dovuta al fatto che le calorie che consumi sono uguali a quelle che assumi, quindi devi mangiare meno calorie se vuoi continuare a dimagrire. Fino ad ora lo facevi "mangiando meno", ora devi adottare una strategia più precisa. L'alternativa al calcolo delle calorie è quella di ridursi a petti di pollo e insalata!

 

- Consiglia questo articolo su Google

 

 

 

Ultimi articoli sezione: Posta dei visitatori


La dieta Lemme: geniale o banale?

Dieta Lemme: la dieta del farmacista di Desio basata su spaghetti insipidi a colazione.


Eritritolo: un nuovo dolcificante

Ho trovato un prodotto che mi ha incuriosita, il Lakanto, un dolcificante usato e proveniente dal Giappone...


Uova a colazione

Uova a colazione: per tutta la vita ho trovato disgustosa la colazione all'italiana fatta di marmellate, cornetti, latte ecc...


Alimentazione e sport serale

Che tipo di cena potrebbe fare per poter avere una "veloce" digestione dopo lo sport serale?

 


Facciamo confusione...

Come se già non ce ne fosse abbastanza. E poi ci si lamenta se crescono i problemi dovuti al rapporto tra la persona e il proprio peso.


Qualità del gelato

Ultimamente faccio caso alla tabella degli ingredienti ormai presente in molte gelaterie artigianali...


Alimentazione per crescita muscolare

La giusta alimentazione per la crescita muscolare senza incappare in pregiudizi alimentari.


Il miele fa bene... Ma non per la tosse!

Salve ho letto il vostro articolo e sono andata anche nel sito dell'istituto nazionale apicoltura, che avevate sottolineato...