Carne polacca per risparmiare

Indice delle risposte pubblicate

Gentilissimi, avrei bisogno cortesemente di un informazione, vorrei sapere se la carne proveniente dalla POLONIA che viene venduta nel nostro paese si può acquistare con tranquillità....??? Vicino al mio paese c'è una macelleria dove la carne proveniente appunto dalla POLONIA viene venduta a circa 7 euro al kg.......qualsiasi taglio, e visto che oggi risparmiare sulla spesa significa poter arrivare a fine mese, vorrei grazie al Vs. aiuto sapere se posso risparmiare offrendo ai miei figli una carne sicura e di qualità..!! Confido in una Vs. gentile e sollecita risposta... Ringrazio anticipatamente, e cordialmente saluto.

 

 

La carne è un prodotto critico dal punto di vista della salubrità, come ho più volte avuto modo di dire. Purtroppo non è un prodotto come altri, in cui basta leggere l'etichetta nutrizionale per avere la quasi certezza che il prodotto sia salubre, nel caso della carne è molto difficile capire se c'è il rischio della presenza di antibiotici, ormoni o altro.

Premetto che la carne polacca l'ho provata e mi è piaciuta, e ha senso credere che in Polonia i bovini vengano allevati all'aperto e in modo naturale, visto il grande spazio a disposizione.

Capisco la tua esigenza di risparmiare, ma personalmente preferisco adottare approcci diversi: per esempio, io mangio molto raramente carni bovine a breve cottura, costosissime (scamone, fesa, filetto, costata, fiorentina, ecc), e punto invece su quelle a lunga cottura (la cosiddetta gommosa soprattutto copertina di spalla o cappello del prete), che dal mio macellaio di fiducia, che sceglie e macella personalmente capi di bestiame selezionati sul territorio da allevamenti locali, pago 7-8 euro al kg. Con questa carne faccio stracotti, bolliti, o spezzatini. La stessa carne di razze selezionate (per esempio la Romagnola IGP, o la piemontese), al supermercato la puoi trovare a prezzi inferiori ai 5 euro al kg: non stiamo parlando di carne supersicura, ma certamente meglio della carne polacca venduta dal macellaio sotto casa.

 

 

Altra strategia, l'uso di carni meno costose del vitellone: la carne di maiale, che acquisto da un produttore di salumi, che vende solo carni di suino pesante, adatte alla produzione di salumi e quindi alimentate in modo migliore rispetto ai "magroni" in vendita al supermercato... Se escludi il filetto, polpa di coscia, braciole e coppa le pago meno di 6 euro al kg.

Il pollo, quando non riesco ad andare dal mio produttore di fiducia, lo compro da Esselunga, il Naturama, che segue un disciplinare di produzione più rigido dei classici polli di batteria e, tutto sommato, costa circa 4 euro al kg.

Ma soprattutto: varia le fonti di approvvigionamento. Un cibo di pessima qualità assunto una volta al mese molto difficilmente può farci male. Il discorso cambia se 4 volte la settimana consumiamo lo stesso tipo di alimento, che se contiene sostanze nocive, alla lunga il danno si accumula fino a manifestarsi. 

 

- Consiglia questo articolo su Google

 

 

 

Ultimi articoli sezione: Posta dei visitatori


La dieta Lemme: geniale o banale?

Dieta Lemme: la dieta del farmacista di Desio basata su spaghetti insipidi a colazione.


Eritritolo: un nuovo dolcificante

Ho trovato un prodotto che mi ha incuriosita, il Lakanto, un dolcificante usato e proveniente dal Giappone...


Uova a colazione

Uova a colazione: per tutta la vita ho trovato disgustosa la colazione all'italiana fatta di marmellate, cornetti, latte ecc...


Alimentazione e sport serale

Che tipo di cena potrebbe fare per poter avere una "veloce" digestione dopo lo sport serale?

 


Facciamo confusione...

Come se già non ce ne fosse abbastanza. E poi ci si lamenta se crescono i problemi dovuti al rapporto tra la persona e il proprio peso.


Qualità del gelato

Ultimamente faccio caso alla tabella degli ingredienti ormai presente in molte gelaterie artigianali...


Alimentazione per crescita muscolare

La giusta alimentazione per la crescita muscolare senza incappare in pregiudizi alimentari.


Il miele fa bene... Ma non per la tosse!

Salve ho letto il vostro articolo e sono andata anche nel sito dell'istituto nazionale apicoltura, che avevate sottolineato...