Mangiare fuori casa

Indice delle risposte pubblicate

[...] Dato che è da qualche mese che cerco di seguire lo stile di vita che te proponi (lo trovo molto valido e giusto per chiunque) volevo chiederti come fai a calcolare le calorie mangiando fuori o a casa di altri. So che te l'hanno già chiesto un'infinità di volte ma io proprio faccio fatica anche perchè non so come la gente o i ristoratori cucinano le pietanze e le calorie potrebbero variare di molto. Ad essere sincere il problema non è al ristorante (lì posso decidere quindi mi posso regolare) ma quando mangio a casa di mia suocera o altri familiari che è un pochino problematico....ieri ha fatto il purè di fave ad esempio (stessa cosa con la parmigiana di melanzane), come faccio a calcolare le calorie di quei piatti? Una parmigiana se cucinata bene può anche avere poche calorie ma dipende sempre..... Grazie della risposta.

 

 

Mangiare fuori casa

Molte persone non riescono a dimagrire o a mantenere il peso forma proprio perché non riescono a gestire i pranzi fuori casa.

I problemi delle occasioni conviviali sono due:

  1. le calorie dei cibi consumati;
  2. il tempo di permanenza a tavola.

Il primo punto è importante, perché un conto è mangiare piatti Sì e un conto è mangiare piatti della cucina tradizionale, molto più calorici. Tutto sommato, però, conoscendo sé stessi, e questo è possibile dopo qualche anno di alimentazione controllata, non importa sapere esattamente quante calorie ha un piatto, si può andare a "sensazione".

 

 

Come spiego nell'articolo sul mangiare fuori casa, il reale problema è il tempo di permanenza a tavola, molto superiore rispetto al normale.

Dunque, se la cena dai suoceri è una occasione conviviale, allora la devi gestire come tale... Inserendola nel conto delle occasioni conviviali e valutando se ne vale la pena. Io preferisco mangiare con gli amici e quindi dai suoceri non ci vado mai a mangiare, oppure ci vado ma in giornate normali, durante la settimana, quando si sta a tavola 30 minuti, si saluta e si va via e soprattutto senza tanto preavviso, altrimenti ci si ritrova con un pranzo matrimoniale di 7 portate e allora sono dolori.

Prima di andare a mangiare dai miei mi sincero sempre che non ci siano solo salsiccia e costolette, ma che ci sia sempre verdura e qualcosa di buono e sano da mangiare.

Spesso non si va volentieri a mangiare dai suoceri, ma ci si va per fare un favore al coniuge oppure per abitudine o convenzione sociale: io preferisco mettere le cose in chiaro e non frequentare persone con cui non amo passare il mio (poco e prezioso) tempo... Risolvendo (parzialmente) anche il problema del mangiare troppo fuori casa.

Lo stesso vale per gli amici: io frequenterei volentieri un gruppo di amici che però hanno uno stile di vita incompatibile col mio, visto che si ritrovano sempre al ristorante, a orari incompatibili con i miei, spendendo cifre che non sono disposto a spendere. Non frequentarli mi dispiace, ma la mia qualità di vita peggiorerebbe ergo...

 

- Consiglia questo articolo su Google

 

 

 

Ultimi articoli sezione: Posta dei visitatori


La dieta Lemme: geniale o banale?

Dieta Lemme: la dieta del farmacista di Desio basata su spaghetti insipidi a colazione.


Eritritolo: un nuovo dolcificante

Ho trovato un prodotto che mi ha incuriosita, il Lakanto, un dolcificante usato e proveniente dal Giappone...


Uova a colazione

Uova a colazione: per tutta la vita ho trovato disgustosa la colazione all'italiana fatta di marmellate, cornetti, latte ecc...


Alimentazione e sport serale

Che tipo di cena potrebbe fare per poter avere una "veloce" digestione dopo lo sport serale?

 


Facciamo confusione...

Come se già non ce ne fosse abbastanza. E poi ci si lamenta se crescono i problemi dovuti al rapporto tra la persona e il proprio peso.


Qualità del gelato

Ultimamente faccio caso alla tabella degli ingredienti ormai presente in molte gelaterie artigianali...


Alimentazione per crescita muscolare

La giusta alimentazione per la crescita muscolare senza incappare in pregiudizi alimentari.


Il miele fa bene... Ma non per la tosse!

Salve ho letto il vostro articolo e sono andata anche nel sito dell'istituto nazionale apicoltura, che avevate sottolineato...