Lucullo

Lucullo (Lucio Licicinio Lucullus) fu un militare romano che visse dal 117 a.C. al 56 a.C., in questa sede ci occupiamo di Lucullo non tanto per la sua attività militare, quanto perchè è passato alla storia per essere un grande gastronomo, che amava organizzare banchetti sontuosi e lussuosi con ogni prelibatezza conosciuta alla sua epoca.

 

 

Il termine luculliano, ancora ai nostri giorni, indica, infatti, un pranzo fastoso e magnificente anche con l'accezione di trattamento luculliano da parte di ristoratori e ospiti.

Un aneddoto racconta di quando Cicerone e Pompeo si fecero invitare a pranzo a casa di Lucullo, che sempre declamava l'abbondanza dei suoi pasti, senza avvisare, però, i cuochi, per riuscire a capire se, anche quando era da solo, Lucullo facesse preparare per sé questi fantomatici banchetti. Lucullo avvisò i suoi maggiordomi che venisse preparata la sala di Apollo, che era il linguaggio in codice per indicare alla sua servitù che c'erano ospiti e che venisse servito un banchetto speciale.

Cicerone e Pompeo, quindi, si sono trovati di fronte ad un effettivo pasto lussuoso.

Un altro aneddoto, invece, ci mostra Lucullo rimproverare bonariamente i suoi cuochi alla vista di un banchetto più misero proprio perchè era da solo a mangiare e disse: "Come, non sai che oggi Lucullo cena con Lucullo?". 

 

 

Le novità portate da Lucullo

Lucullo

Lucullo era un uomo molto istruito, conosceva sia il latino che il greco, e portò grandi novità nell'ambito della gastronomia. Durante i suoi viaggi per scopi militari nelle varie parti dell'Impero riportò a Roma alcune piante prima sconosciute quali il ciliegio, l'albicocco e un particolare cultivar di bietole (chiamata in suo onore Beta lucullus). Inoltre, si distinse anche per aver avviato il primo impianto di acquacoltura conosciuto nella storia, almeno in quella occidentale, nella zona di Sabaudia in provincia di Latina.

 

 

I suoi banchetti comprendevano una grande varietà di cibi, con una particolare attenzione anche alla dieta, Lucullo era, infatti, un uomo atletico e magro al contrario di quello che ci si potrebbe aspettare.

Ecco un suo menù tipo, descritto da Plutarco: frutti di mare, asparagi, scampi, pasticcio d'ostrica, porchetta, pesce, anitra, lepre, pavoni, pernici, tordi (la sua carne preferita), murene, storione di Rodi, dolci e vini.

Lucullo potè dedicarsi a questa vista sfarzosa e solitaria dopo che ebbe un diverbio con Cesare che lo minacciò pesantemente e lo accusò di essere un traditore e un corrotto. Lucullo giurò, quindi, all'imperatore, che si sarebbe ritirato per sempre a vita privata in cambio della sua pietà e così fece.

A Lucullo è dedicato un piatto, oggi in realtà quasi introvabile nei ristoranti, ma si può  provare a farlo in casa se non si teme di alleggerire troppo il portafoglio: l'aragosta alla Lucullo, un'aragosta spaccata a metà e gratinata in forno, quindi servita con salsa di ostriche e acciughe.

 

 

 

 

Ultimi articoli sezione: Cucina

Pizzoccheri della Valtellina

I pizzoccheri, il tradizionale primo piatto a base di grano saraceno tipico della Valtellina.

Sciatt - Ricetta originale valtellinese

Gli sciatt sono frittelle di grano saraceno tipiche della Valtellina, che racchiudono al loro interno un cuore di formaggio fuso.

Mousse al limone - Ricetta veloce senza uova

Mousse al limone: la ricetta veloce, senza uova, fatta solo con panna, succo di limone, zucchero e gelatina.

Crema catalana (senza panna e senza cannello)

La crema catalana, versione tradizionale e light: di origine spagnola è una crema pasticcera con uno strato di zucchero caramellato in superficie.

 

Bavarese alle fragole - Ricetta

La torta bavarese, o la bavarese, è un dessert di origine francese composto da crema inglese, gelatina e panna montata: oggi vi presentiamo la versione alle fragole.

Marmellata di fichi

La marmellata di fichi è di facile realizzazione e non richiede per forza la pectina: scopriamo come farla con poco zucchero.

Marmellata di fragole con aceto balsamico

Marmellata di fragole con aceto balsamico: scelta della frutta, quantità di zucchero, uso della pectina, cottura e invasettamento.

Marmellata di fragole con poco zucchero

Marmellata di fragole con poco zucchero: scelta della frutta, quantità di zucchero, uso della pectina, cottura e invasettamento.

Accedi ai servizi gratuiti

Se sei già registrato, clicca qui per accedere ai servizi gratuiti:

  • Database Alimenti
  • Calcola Ricetta
  • Slot Machine

Altrimenti, clicca qui per registrarti gratuitamente.