Tagliatelle agli scampi e pomodorini - Ricetta

Dopo i gamberi, gli scampi sono i crostacei più diffusi e amati. In questo articolo vi proponiamo un primo piatto con gli scampi, particolarmente ricco e saporito grazie all'utilizzo della cosiddetta bisque, ovvero il brodo preparato con le teste e i carapaci: le tagliatelle agli scampi e pomodorini

 

 

Scampi freschi o surgelati?

Gli scampi costano di più rispetto ai gamberi e se li acquistiamo freschi, magari pescati nel nostro mar Mediterraneo, i prezzi vanno facilmente alle stelle, superando abbondantemente i 60 euro al kg. A quelle cifre, si possono tranquillamente acquistare crostacei ancor più pregiati, come le magnose, gli astici o le aragoste.

Per spendere molto meno possiamo puntare sugli scampi surgelati, che vengono pescati e immediatamente congelati a bordo della nave. Questi prodotti non hanno molto da invidiare a quelli freschi, con il vantaggio di costare la metà, o addirittura meno della metà.

 

 

Sì o no?

Ritengo abbastanza inutile declinare in versione leggera questo tipo di ricetta: l'utilizzo di una quantità di olio importante (20-25 g a persona) è fondamentale per rendere la ricetta appetitosa, e questo vale per tutti i primi piatti a base di pesce, o quasi.

Non stiamo comunque parlando di una bomba calorica: si tratta di un primo piatto senza molta verdura, quindi di base sarà piuttosto calorico, ma c'è di molto peggio. Se ci limitiamo a mangiare un piatto di tagliatelle agli scampi, e non aggiungiamo nient'altro, tutto sommato non stiamo mettendo in pericolo il bilancio calorico giornaliero. Basterà puntare su piatti con una densità calorica più bassa (vedi qualche esempio), negli altri pasti della giornata.

Tagliatelle con scampi e pomodorini

Ricetta delle tagliatelle agli scampi e pomodorini

Attenzione al peso della pasta: se utilizzate tagliatelle secche (quelle confezionate), dovete utilizzarne 80 g a testa ma se le tagliatelle sono fresche (quelle fatte in casa o acquistate presso il pastificio), dovrete utilizzarne 100 g a testa. Vedi anche: differenza tra pasta fresca e pasta secca.

Se volete mettere su ogni piatto uno o due scampi in bellavista, teneteli da parte quando li sguscerete per preparare il brodo, rosolateli insieme agli altri all'inizio della preparazione e uniteli agli altri alla fine della preparazione. Io preferisco non farlo, perché poi sgusciarli e mangiarli è sempre complicato per i commensali.

 

 

Autore: 

Tempo di preparazione: 

Tempo di cottura:30

Tempo totale:

Ingredienti per 4 persone

  • 320 g di tagliatelle secche (o 400 g di tagliatelle fresche)
  • 16 scampi grossi (o 24 medio-piccoli)
  • 400 g di pomodori datterini
  • 100 g di olio extravergine di oliva
  • 120 g di vino bianco secco
  • 2 spicchi di aglio
  • una cipolla bianca
  • una costa di sedano
  • timo, rosmarino, prezzemolo
  • sale, pepe

Preparazione

Preparare il brodo di scampi. Rimuovere le teste e i carapaci, mettere da parte la parte edibile. In una casseruola, versare un cucchiaio di olio e soffriggere teste e carapaci per un paio di minuti, a fuoco alto, quindi aggiungere acqua a coprire, portare ad ebollizione, unire la cipolla tagliata in due parti e la costa di sedano tagliata a pezzi, coprire parzialmente e cuocere a fuoco medio-basso per almeno 20 minuti (massimo 30).

Nel frattempo, tritare l'aglio, tagliare in due parti i pomodorini e preparare il trito di rosmarino, timo e prezzemolo. Scaldare bene una padella antiaderente di 28-32 cm, versarvi due cucchiai di olio, rosolare gli scampi sgusciati in precedenza per un minuto circa, girandoli da tutti i lati, quindi salare e metterli da parte. Unire il resto dell'olio e soffriggervi l'aglio per 30 secondi, sfumare col vino, portare ad ebollizione e spegnere la fiamma.

Bollire mezzo litro di acqua in una casseruola. Quando il brodo sarà pronto, filtrarlo e unirlo nella padella del sugo, salare e portare ad ebollizione a fuoco alto, quando bolle unire la pasta e i pomodorini e continuare a cuocere a fuoco medio-alto. Se la pasta è secca e quindi è a "nidi", attendere un paio di minuti, girandoli dopo un minuto, quindi iniziare a mescolare la pasta gentilmente, per cercare di "srotolarla". Premurarsi del fatto che la pasta sia sempre immersa quasi completamente nel liquido, altrimenti aggiungere acqua bollente poca alla volta.

Continuare a cuocere a fuoco medio-alto, mescolando molto spesso, finché il sugo non sarà ridotto a sufficienza e le tagliatelle saranno pronte. Unire gli scampi precedentemente messi da parte, le erbe aromatiche tritate, assaggiare e regolare di sale e pepe, mescolare bene, far riposare un minuto, quindi servire.

Informazioni nutrizionali per porzione

Energia

614 kcal - 2567 KJoule

 

Proteine ad alto VB 

15 g

Proteine

27 g - 17%

Carboidrati

68 g - 43%

Grassi

28 g - 40%

di cui

 

saturi

3.7 g

monoinsaturi

18.4 g

polinsaturi

2.2 g

Fibre

4 g

Colesterolo

244 mg

Sodio

181 mg

 

 

 

 

Ultimi articoli sezione: Cucina

Frittelle di mele - Gonfie e soffici

Le frittelle di mele sono un dolce tipico della regione Trentino Alto Adige, ma diffusa in tutta Italia. Scopri come farle gonfie e soffici!

Scapece

Scapece ovvero la marinatura in aceto ed erbe aromatiche di verdure o pesci fritti tipica del Meridione.

Alici marinate - Ricetta classica e veloce con aceto

Le alici marinate sono un piatto semplice, ma è importante adottare alcuni accorgimenti per essere sicuri del risultato. Scopriamo questa ricetta con aceto, vino e limone.

Pasta con pesto di pistacchi e gamberi

Pasta con pesto di pistacchi e gamberi: una raffinata e gustosa ricetta di origine siciliana, patria tanto dei gamberi, quanto dei pistacchi.

 

Zeppole di San Giuseppe

Zeppole di San Giuseppe: i dolci tipici campani, diffusi un po' in tutto il sud Italia, a base di pasta per bignè che però viene fritta, dopo un passaggio in forno.

Ziti alla genovese - Origini e ricetta napoletana

Ziti alla genovese: la ricetta originale napoletana di questo primo piatto a base di cipolle e carne di manzo.

Gulasch (o gulash) : ricetta originale e light

Il gulasch, il famoso piatto ungherese qui proposto con la ricetta originale, ma anche rivisitato in chiave dietetica.

Pici all'aglione - Ricetta toscana

I pici all'aglione sono un piatto di origine toscana, preparato con un particolare aglio molto grosso come dimensioni, ma più delicato.

Accedi ai servizi gratuiti

Se sei già registrato, clicca qui per accedere ai servizi gratuiti:

  • Database Alimenti
  • Calcola Ricetta
  • Slot Machine

Altrimenti, clicca qui per registrarti gratuitamente.