Patate duchessa

Guarda il video >>

Le patate duchessa o patate duchesse sono un contorno a base di patate lesse, uova e burro di origine francese. Il nome originale in francese è pommes duchesse.

 

 

La peculiarità delle patate duchessa è quella di essere croccanti fuori e morbide all'interno, grazie ad una cottura in forno molto caldo (circa 200°C) per pochi minuti (15 min).

Si presentano come piccole montagnette rigate dalla doratura esterna, forma data dalla punta a stella della sac-a-poche.

La ricetta italiana il più delle volte arricchisce quella francese aggiungendo tra gli ingredienti il Parmigiano Reggiano grattugiato.

Rimangono pressochè invariate, invece, le spezie usate: noce moscata e pepe bianco, che danno un tocco pungente ad una ricetta in cui gli altri ingredienti sono tutti a tendenza dolce.

Ricetta delle patate duchessa

Autore:

Tempo di preparazione:

Tempo di cottura:

Tempo totale:

 

 

Patate Duchessa

Preparare le patate duchessa è molto semplice, si tratta di lessare le patate e farne un purè, quindi di trasferirlo in una sac-a-poche e di trasferirlo su una teglia formando le proprie patate duchessa, di sicuro impatto scenografico per gli ospiti!

Aggiungo che questa è una ricetta indicata anche per vegetariani e per celiaci

Ingredienti per 4 persone:

  • 600 g di patate farinose a pasta bianca
  • 3 uova grandi
  • 50 g di burro
  • 60 g di Parmigiano-Reggiano
  • una spolverata di noce moscata
  • sale e pepe bianco q.b.

 

 

Procedimento: sbucciare e lavare le patate, quindi lessarle "all'inglese", ossia mettendole in una pentola con acqua fredda salata, portando ad ebollizione e cuocendo finchè non saranno tenere (circa 30 minuti, dipende dalle dimensioni).

Scolare le patate e, appena si intiepidiscono, passarle nello schiacciapatate o in un passaverdura.

Alla purea aggiungere il pepe bianco, la noce moscata, il burro ammorbidito ed amalgamare bene, per ultime unire le uova.

Una volta ottenuto un composto liscio e omogeneo trasferirlo dentro un sacchetto da pasticceria, usare una punta a stella di medie dimensioni e formare le proprie patate duchessa in una teglia ricoperta da carta da forno (nidi di rondine, roselline, montagnette, ciambelle...).

Cuocere a 200°C per 15 minuti, finchè le patate non si saranno dorate esternamente e servire calde, magari come accompagnamento di arrosti di carne o di pesce.

Informazioni nutrizionali per porzione

 

Energia

330 kcal - 1379 KJoule

 

Proteine ad alto VB 

10 g

Proteine

13 g - 16%

Carboidrati

22 g - 28%

Grassi

20 g - 56%

di cui

 

saturi

9.9 g

monoinsaturi

5.0 g

polinsaturi

0.9 g

Fibre

2 g

Colesterolo

193 mg

Sodio

175 mg

 

 

 

Ultimi articoli sezione: Cucina

Ricette stufato di carne con il Multicooker Moulinex

Lo stufato di carne può essere preparato in maniera tradizionale oppure avvalendosi del Multicooker per accorciare i tempi di preparazione.

La Putana (torta vicentina ricetta originale)

La putana è una torta di origine vicentina, fatta con pane raffermo, farina di mais, farina di frumento, burro, latte, e altri ingredienti ad insaporire.

Tradizioni natalizie a Roma: 5 usanze

Questa guida vi porterà alla scoperta di cinque usanze tipiche romane che rendono il Natale nella Città Eterna un'esperienza da vivere almeno una volta nella vita.

Pasta salsiccia peperoni e funghi

Le pasta con salsiccia peperoni e funghi è un primo piatto molto gustoso e abbastanza facile da preparare. Scopriamone tutti i segreti iniziando dall'aspetto nutrizionale.

 

Sovracosce di pollo in umido light

Le sovracosce di pollo sono una parte del pollo molto interessante, perché non sono stoppose come il petto, non sono grasse e poco carnose come l'ala.

Pancake senza uova - Ricetta

Le pancake senza uova sono una variante dei pancake adatta per chi non può mangiare le uova, perché allergico.

Marmellata di more senza semi | Poco Zucchero | Con Fruttapec

Marmellata di more senza semi: scopri il trucco per eliminare i semi e preparare una marmellata con poco zucchero.

Gli italiani in tavola, cosa mangiano davvero?

Gli italiani in tavola, cosa mangiano davvero?