Aldosterone

L'aldosterone è il più importante tra i mineralcorticoidi, ormoni secreti dalla corticale delle surrenali, due ghiandole situate sopra il polo superiore del rene.

 

 

La sua funzione è quella di regolare la concentrazione di due importantissimi elettroliti del nostro organismo: il sodio e il potassio e di controllare di conseguenza il volume dei liquidi extracellulari e quindi la pressione sanguigna.

Ogni volta che il flusso ematico del rene è ridotto, viene stimolata la secrezione di renina e il conseguente rilascio di angiotensina II che stimola direttamente le cellule della zona glomerulare del surrene a produrre aldosterone.

A livello renale, l'aldosterone aumenta infatti il riassorbimento del sodio (Na+) da parte del tubulo distale e del dotto collettore del rene e aumenta l'eliminazione del potassio (K+) e degli idrogenioni (H+).

Aldosterone

La funzione biologica dell'aldosterone è quella di riequilibrare l'omeostasi idroelettrolitica in condizioni di elevata concentrazione in circolo di potassio (iperkaliemia) e/o di ridotta concentrazione di sodio (iponatremia).

Come già detto in precedenza, l'aldosterone agisce a livello renale, legandosi ai recettori che si trovano nei tubuli contorti distali e nei dotti collettori.

I valori normali di aldosterone nel plasma variano a seconda che il prelievo si svolga da sdraiati o in piedi.

I livelli indicativi per il prelievo in clinostatismo è di 20 - 160 pg/ml, mentre in ortostatismo è di 40 – 310 pg/ml

 

 

I livelli di aldosterone invece nelle urine (raccolte nelle 24 ore) si aggirano intorno ai 5 -30 μg/24h.

Ovviamente esistono delle malattie che possono provocare un aumento della secrezione di aldosterone e si suddividono in aldosteronismo primario (nel quale l'ipersecrezione deriva da tumori della corteccia surrenale aldosterone-secernenti, come la sindrome di Conn) e in aldosteronismo secondario (nel quale lo stimolo alla secrezione di aldosterone è di origine extra-surrenale).

 

- Consiglia questo articolo su Google

 

 

 

Ultimi articoli sezione: Salute


Medicina alternativa o complementare

La medicina alternativa comprende una tipologia variegata di discipline che si basano su terapie la cui efficacia non sempre viene dimostrata con metodo scientifico.


Chiropratica: che cos'è, controindicazioni e applicazioni

La chiropratica è una disciplina usata per la terapia del dolore ma non solo, che si basa sulle manipolazione a livello della colonna vertebrale.


Osteopatia: è efficace?

L'Osteopatia è una medicina complementare che si basa sulle manipolazioni per giungere ad una guarigione. Risulta ancora oggi difficile capire se l'efficacia sia reale o meno.


Omotossicologia: un derivato placebo dell'Omeopatia

L'Omotossicologia nasce dall'Omeopatia di cui usa gli stessi principi, ampliandone la farmacopea e usando alcuni principi della medicina convenzionale.

 


Medicina tradizionale cinese: una lunga tradizione senza conferme scientifiche

La medicina tradizionale cinese ha una lunga tradizione millenaria alle spalle e ha basi filosofiche con diversi tipi di cure, non ancora però confermate scientificamente.


Medicina ayurvedica: un'antica pratica dalla dubbia efficacia

La medicina ayurvedica è un'antica pratica nata in India, di cui non è ancora certa l'efficacia. Nei preparati ayurvedici è stata riscontrata la presenza di metalli tossici.


Medicina antroposofica: una storica terapia che non funziona

La medicina antroposofica è una pseudoscienza creata dopo la prima guerra mondiale, ma di cui non si hanno prove scientifiche circa la sua reale efficacia.


Omeopatia o medicina omeopatica: la pseudoscienza dell'effetto placebo

L'omeopatia è una pseudoscienza che fa parte della medicina alternativa. Ad oggi non vi sono studi che dimostrino una sua efficacia se non nell'indurre un effetto placebo.

Accedi ai servizi gratuiti

Se sei già registrato, clicca qui per accedere ai servizi gratuiti:

  • Database Alimenti
  • Calcola Ricetta
  • Slot Machine

Altrimenti, clicca qui per registrarti gratuitamente.