Aptoglobina

L'aptoglobina è una proteina di trasporto sintetizzata dal fegato formata da due subunità.

Si trova nel sangue ed ha l'importante funzione di legare l'emoglobina (Hb) libera nel sangue che altrimenti andrebbe persa per via urinaria insieme al ferro in essa contenuto.

 

 

Normalmente l'emoglobina è contenuta all'interno degli eritrociti (globuli rossi), ed è una molecola importantissima per il trasporto di ossigeno ai tessuti del nostro organismo.

Quando i globuli rossi senescenti vengono rimossi dal circolo sanguigno (la vita di un eritrocita è di circa 120 giorni), liberano l'emoglobina in essi contenuta che viene così legata irreversibilmente dall'aptoglobina.

In questo modo il ferro non viene perso ma riciclato in modo da essere unito ad un'altra molecola di emoglobina in via di formazione. L'aptoglobina con l'emoglobina legata arriva infatti a livello del fegato, il ferro viene preso e legato ad un'altra proteina (transferrina) che lo porta nel midollo osseo, sede dell'eritropoiesi, ovvero della nascita dei nuovi globuli rossi.

Aptoglobina

I valori normali di riferimento dell'aptoglobina libera sono di 50-150 mg/dl.

Questa quantità è capace di legare circa 3 gr di emoglobina. Quanto tuttavia per fenomeni di emolisi, vengono distrutti tantissimi globuli rossi, la quantità di emoglobina libera nel sangue è elevatissima e la capacità di legame dell'aptoglobina viene saturata, rimanendo dell'emoglobina libera nel sangue che, se in quantità eccessive, può comparire nelle urine dando il caratteristico quando di emoglobinuria (presenza di emoglobina nelle urine).

Valori aumentati di aptoglobina si evidenziano soprattutto in caso di problemi infiammatori ed infettivi acuti e cronici (che portano ad un aumento di leucociti, complemento, PCR, VES, fibrinogeno), tumori metastatizzanti, infarto del miocardio, ustioni diffuse e malattie del collagene.

 

 

Anche farmaci come i corticosteroidi, e gli androgeni possono determinare un rialzo dei valori di aptoglobina.

Valori diminuiti di aptoglobina si evidenziano soprattutto in caso di malattie epatiche (cirrosi, epatiti, tumori), anemie emolitiche, mononucleosi infettiva, sindrome nefrosica ed enteropatie proteino-disperdenti.

In condizioni normali la concentrazione nel sangue di aptoglobina è proporzionale alla sintesi e alla sua eliminazione. Se il fegato funziona bene e gli indici epatici sono normali, ma troviamo una bassa concentrazione di aptoglobina, è perché probabilmente siamo di fronte ad un'anemia emolitica, dove aumenta appunto la distruzione dei globuli rossi e l'emoglobina libera va a legarsi all'aptoglobina saturandola.

Noi infatti con gli esami del sangue andiamo a valutare la concentrazione di aptoglobina libera nel sangue e non quella legata all'emoglobina.

Le principali cause di anemia emolitica sono le talassemie, l'anemia falciforme, le anemie autoimmuni, la sferocitosi, l'anemia da trauma o da reazione trasfusionale.

 

- Consiglia questo articolo su Google

 

 

 

Ultimi articoli sezione: Salute


Banane mature e cura dei tumori: una bufala lunga 10 anni

L'idea che le banane mature possano curare il tumore risale ad una ricerca di 10 anni fa che è stata mal interpretata e che presentava risultati solo preliminari.


Funghi allucinogeni: effetti positivi e negativi

I funghi allucinogeni sono funghi con sostanze attive a livello psicologico, fra cui la psilocibina, che ha potenziali effetti terapeutici ancora da confermare.


Medicina tibetana: dall'antico Oriente la cura personalizzata

La medicina tibetana è molto antica e conosciuta. Propone un approccio personalizzato alla terapia e un'attenzione verso la prevenzione della malattia.


Coppettazione: cosa significa, storia ed efficacia

La coppettazione è una tecnica antica tipica della medicina tradizionale cinese ma anche di altri paesi. Il suo effetto non è stato, però, ancora dimostrato da prove scientifiche valide.

 


Acqua idrogenata o acqua all'idrogeno: funziona davvero?

L'acqua idrogenata è un'acqua addizionata di gas a base di idrogeno a cui sono attribuiti diversi effetti benefici. La sua efficacia non è, però, ancora accertata con sicurezza.


Reiki: dal Giappone la tecnica placebo dell'energia

Il Reiki è una tecnica giapponese molto antica, che si basa sul fluire dell'energia universale da un soggetto ad un altro, ma gli effetti sembrano solo placebo.


Talassoterapia: promettente terapia ancora da confermare

La talassoterapia è un'insieme di terapie che usano il mare, il suo clima e i suoi prodotti per ricavarne un effetto terapeutico. L'azione positiva resta però ancora da confermare.


Naturopatia: l'unione di tecniche dall'efficacia non dimostrata

La naturopatia è una medicina che usa tecniche di altre medicine alternative e che propone un ritorno alla connessione con la natura. La sua efficacia non è però dimostrata.

Accedi ai servizi gratuiti

Se sei già registrato, clicca qui per accedere ai servizi gratuiti:

  • Database Alimenti
  • Calcola Ricetta
  • Slot Machine

Altrimenti, clicca qui per registrarti gratuitamente.