Acido urico

L'acido urico è un prodotto di scarto del fegato che deriva dalla distruzione delle cellule del corpo. Circola nel sangue in parte libero ed in parte legato a proteine di trasporto, viene eliminato dal nostro organismo attraverso i reni e quindi si ritrova nelle urine (valori normali 340-500 mg/giorno).

 

 

Tuttavia, quando c'è qualche problema nell'escrezione di questo acido urico, aumenta la sua concentrazione nel sangue.

La concentrazione di acido urico nel sangue, quando supera i 7 mg/dl, viene definita uricemia e si verifica a causa o di una diminuita eliminazione oppure per una aumentata produzione di acido urico.

Per valutare l'uricemia, basta un normale prelievo di sangue, effettuato in un paziente a digiuno da almeno 8-10 ore.

Acido Urico

I valori di riferimento sono per le femmine 2,4-6,5 mg/dl, mentre per i maschi 3,4-7 mg/dl.Ovviamente esistono delle lievi variazioni che dipendono dal laboratorio di analisi che esegue l'indagine.

Valori superiori a quelli di riferimento possono essere causati da diabete mellito, anemia perniciosa, digiuno, emolisi, leucemia, linfomi, policitemia, alcolismo, psoriasi, morbo di Paget, ustioni, iperparatiroidismo, farmaci (citostatici, diuretici, salicilati) ma soprattutto da malattie come la gotta e l'insufficienza renale cronica (IRC).

Valori inferiori possono essere determinati da epatite acuta, malattia di Wilson,  linfoma di Hodgkin, mieloma multiplo, sindrome di Fanconi,  gravidanza, farmaci (FANS, gli steroidi, estrogeni, allopurinolo, dicumarolici).

 

 

Come già detto in precedenza, l'acido urico dovrebbe essere eliminato per via urinaria dall'organismo, ma quando questo non succede si accumula nel sangue.

Essendo poco solubile, tende a precipitare formando dei cristalli che si accumulano soprattutto a livello delle componenti articolari (tendini, cartilagini e legamenti), dell’orecchio e del rene, con la formazione dei calcoli renali.

La tipica malattia correlata con l'aumento dei livelli di acido urico nel sangue (livelli superiori a  10 mg/dl) è la gotta.

 

- Consiglia questo articolo su Google

 

 

 

Ultimi articoli sezione: Salute


Integratori salini - Sali minerali per sportivi

Gli integratori salini sono supplementi di sali minerali che vengono utilizzati spesso in eccesso, ma sono invece consigliati solo in alcuni casi particolari.


Yersinia enterocolitica

La Yersinia enterocolitica è un patogeno emergente che contamina gli alimenti di origine animale e quelli di origine vegetale di quarta gamma.


Ipertermia maligna: la rara complicanza degli anestetici

L'ipertermia maligna è una rara complicanza di predisposizione genetica, che si ha sopratutto in seguito all'anestesia generale. Difficile da diagnosticare, vi sono però delle precauzioni.


Alcolismo

L'alcolismo è una malattia costituita da un abuso cronico di alcol. Rappresenta un modello di consumo di alcol che porta a disagio o compromissione clinicamente significativi.

 


Morso (puntura) di zecca: come riconoscerlo, terapia e prevenzione

Il morso, o puntura, della zecca può portare alla trasmissione di malattie infettive diverse a seconda della specie di zecca e dell'ospite in cui essa è stata in precedenza.


Bioflavonoidi o flavonoidi

I bioflavonoidi, o flavonoidi, sono una classe di composti polifenolici a basso peso molecolare che si trovano in frutti e fiori delle piante e che svolgono moltissime funzioni.


Equilibrio idrosalino, rene, ormoni e apparato urinario

L'equilibrio idrosalino è regolato dal rene, in stretta connessione con l'apparato circolatorio, ma anche dalla sudorazione e dall'ipotalamo, attraverso la stimolazione delle sete.


Coma etilico - Sintomi - Valori - Cosa fare

Il coma etilico è una grave conseguenza derivante da un'eccessiva assunzione di bevande alcoliche e che deve essere trattato come una vera e propria emergenza per evitare conseguenze gravi.

Accedi ai servizi gratuiti

Se sei già registrato, clicca qui per accedere ai servizi gratuiti:

  • Database Alimenti
  • Calcola Ricetta
  • Slot Machine

Altrimenti, clicca qui per registrarti gratuitamente.