Amilasi

L'amilasi è un enzima digestivo prodotto dal pancreas (e in minor quantità dalle ghiandole salivari, soprattutto la parotide, reni e intestino tenue), la cui funzione è quella di idrolizzare (sciogliere) i legami glucosidici di poli- e oligosaccaridi (come il glicogeno o l'amido) dando origine quindi a dei monosaccaridi (come il glucosio o il fruttosio).

 

 

Nel sangue la concentrazione di amilasi è bassa, in quanto viene per la maggior parte riversato nel duodeno per la digestione del cibo.

I valori normali nel sangue si aggirano intorno a 20-110 U/l.

Amilasi

I valori superiori a quelli di riferimento possono essere dovuti a problemi pancreatici (come una pancreatite acuta o cronica, trauma o tumore pancreatico, calcoli dei dotti pancreatici), o a problemi extra-pancreatici come calcolosi biliare, colecistiti, parotite, infarto mesenterico, peritonite, appendicite acuta, alcolismo, epatiti e cirrosi, insufficienza renale cronica (IRC), ulcera peptica, ustioni gravi, ipetiroidismo e uso di farmaci come i FANS (antinfiammatori non steroidei), la codeina, la morfina o i diuretici.

Valori inferiori a quelli di riferimento possono essere causati da cirrosi epatica, da epatite acuta virale, da intossicazione, da esteri fosforici, da necrosi del pancreas.

 

 

Il dosaggio dell'amilasi (amilasemia) associato a quello della lipasemia (concentrazione di lipasi nel sangue), consente una diagnosi differenziale di patologia a carico del pancreas.

Infatti aumenti di 5 volte della amilasi e di 3 volte della lipasi sono fortemente indicativi di pancreatite acuta.

Per il dosaggio dell'amilasi bisogna sospendere l'assunzione di alcolici e farmaci che possono interferire (morfina, codeina, clorotiazina, corticosteroidi, contraccettivi orali).

 

- Consiglia questo articolo su Google

 

 

 

Ultimi articoli sezione: Salute


Banane mature e cura dei tumori: una bufala lunga 10 anni

L'idea che le banane mature possano curare il tumore risale ad una ricerca di 10 anni fa che è stata mal interpretata e che presentava risultati solo preliminari.


Funghi allucinogeni: effetti positivi e negativi

I funghi allucinogeni sono funghi con sostanze attive a livello psicologico, fra cui la psilocibina, che ha potenziali effetti terapeutici ancora da confermare.


Medicina tibetana: dall'antico Oriente la cura personalizzata

La medicina tibetana è molto antica e conosciuta. Propone un approccio personalizzato alla terapia e un'attenzione verso la prevenzione della malattia.


Coppettazione: cosa significa, storia ed efficacia

La coppettazione è una tecnica antica tipica della medicina tradizionale cinese ma anche di altri paesi. Il suo effetto non è stato, però, ancora dimostrato da prove scientifiche valide.

 


Acqua idrogenata o acqua all'idrogeno: funziona davvero?

L'acqua idrogenata è un'acqua addizionata di gas a base di idrogeno a cui sono attribuiti diversi effetti benefici. La sua efficacia non è, però, ancora accertata con sicurezza.


Reiki: dal Giappone la tecnica placebo dell'energia

Il Reiki è una tecnica giapponese molto antica, che si basa sul fluire dell'energia universale da un soggetto ad un altro, ma gli effetti sembrano solo placebo.


Talassoterapia: promettente terapia ancora da confermare

La talassoterapia è un'insieme di terapie che usano il mare, il suo clima e i suoi prodotti per ricavarne un effetto terapeutico. L'azione positiva resta però ancora da confermare.


Naturopatia: l'unione di tecniche dall'efficacia non dimostrata

La naturopatia è una medicina che usa tecniche di altre medicine alternative e che propone un ritorno alla connessione con la natura. La sua efficacia non è però dimostrata.

Accedi ai servizi gratuiti

Se sei già registrato, clicca qui per accedere ai servizi gratuiti:

  • Database Alimenti
  • Calcola Ricetta
  • Slot Machine

Altrimenti, clicca qui per registrarti gratuitamente.