Albumina

E' una importante proteina del sangue prodotta dal fegato, ma contenuta anche nel latte e nell'albume dell'uovo, dalla quale prende il nome.

 

 

È importantissima per il nostro organismo perché rappresenta il 60% di tutte le proteine circolanti nel nostro sangue.

Funzioni dell'albumina

La sua principale funzione è quella di mantenere costante il valore della pressione oncotica, cioè la pressione necessaria al nostro organismo per mantenere una distribuzione dei liquidi corretta nei tessuti e nei vasi sanguigni.

Infatti quando i livelli di albumina nel sangue scendono, i liquidi vescono dai vasi sanguigni e si distribuiscono nei tessuti interstiziali causando quindi edema (gonfiore).

Caratteristica è la pancia gonfia e tesa dei bambini malnutriti: a causa infatti della malnutrizione, non vengono introdotte le proteine con il cibo, ne risulta un'ipoalbuminemia che causa passaggio di acqua dai vasi sanguigni agli spazi interstiziali, e si accumula principalmente nella pancia.

Oltre a questa importantissima funzione, l’albumina è una proteina trasportatrice nel sangue degli ormoni della tiroide e altri ormoni steroidei, della bilirubina non coniugata, di alcuni farmaci, degli acidi grassi e degli ioni calcio.

Cause di ipoalbuminemia

Albumina

La concentrazione di albumina nel sangue (albuminemia) è di circa 3,5-5g/dL.

L'ipoalbuminemia, ovvero la ridotta concentrazione di albumina nel sangue, può essere causata da ridotta sintesi, da aumentata perdita o aumentata distruzione (catabolismo).

La ridotta sintesi di albumina è dovuta principalmente a malattie del fegato, organo deputato alla sua sintesi. Ricordiamo quindi la cirrosi, le epatiti acute e croniche, l'abuso di alcol e l'emocromatosi.

A volte però può essere causata anche da anomalie genetiche che portano alla sintesi di albumine difettose, carenze nutrizionali (Kwashiorkor) o malattie che causano malassorbimento intestinale (Chron o celiachia).

 

 

Anche l'aumento delle perdite, come nel caso di ustioni molto estese, sindrome nefrosica o enteropatie proteino-disperdenti possono causare ipoalbuminemia, così come l'aumentata distruzione negli stati febbrili, nella cachessia, nelle neoplasie, nell'ipertiroidismo, nella sindrome di Cushing e in molte altre patologie.

La gravidanza può portare alla diminuzione dell'albumina per le modificazioni ormonali che avvengono e causano alterata permeabilità vasale.

Cause di iperalbuminemia

 

 

L'iperalbuminemia consiste nella maggiore concentrazione di albumina nel sangue rispetto ai valori normali.

Può essere determinata da disidratazione (dovuta a vomito e diarrea profusi, ustioni estese, morbo di Addison), sarcoidosi, tromboangioite o morbo di Bürger.

Albuminuria

Consiste nella presenza di albumina nelle urine.

In condizioni normali, l'albumina è una proteina con carica negativa, esattamente come il glomerulo del rene. Dalla fisica, sappiamo che due cariche negative si respingono, l'albumina non viene filtrata dal rene e non è quindi presente nelle urine.

Nelle malattie che coinvolgono il rene, in particolare nella sindrome nefrosica, questa caratteristica carica negativa viene persa e quindi l'albumina compare nelle urine, dando appunto albuminuria.

Se l'albuminemia (concentrazione di albumina nel sangue) viene usata, insieme ad altri parametri, per valutare la funzionalità del fegato, l'albuminuria invece è un importante marcatore della funzionalità renale (insieme alla creatininemia).

Solitamente valori lievi di albumina nelle urine possono essere dovute a gravidanza, attività fisica importante o un dieta troppo ricca di proteine.

Valori elevati invece sono legati alle sindromi nefrosiche, al diabete nella fase avanzata, all'insufficienza renale o alle glomerulonefriti.

 

- Consiglia questo articolo su Google

 

 

 

Ultimi articoli sezione: Salute


Banane mature e cura dei tumori: una bufala lunga 10 anni

L'idea che le banane mature possano curare il tumore risale ad una ricerca di 10 anni fa che è stata mal interpretata e che presentava risultati solo preliminari.


Funghi allucinogeni: effetti positivi e negativi

I funghi allucinogeni sono funghi con sostanze attive a livello psicologico, fra cui la psilocibina, che ha potenziali effetti terapeutici ancora da confermare.


Medicina tibetana: dall'antico Oriente la cura personalizzata

La medicina tibetana è molto antica e conosciuta. Propone un approccio personalizzato alla terapia e un'attenzione verso la prevenzione della malattia.


Coppettazione: cosa significa, storia ed efficacia

La coppettazione è una tecnica antica tipica della medicina tradizionale cinese ma anche di altri paesi. Il suo effetto non è stato, però, ancora dimostrato da prove scientifiche valide.

 


Acqua idrogenata o acqua all'idrogeno: funziona davvero?

L'acqua idrogenata è un'acqua addizionata di gas a base di idrogeno a cui sono attribuiti diversi effetti benefici. La sua efficacia non è, però, ancora accertata con sicurezza.


Reiki: dal Giappone la tecnica placebo dell'energia

Il Reiki è una tecnica giapponese molto antica, che si basa sul fluire dell'energia universale da un soggetto ad un altro, ma gli effetti sembrano solo placebo.


Talassoterapia: promettente terapia ancora da confermare

La talassoterapia è un'insieme di terapie che usano il mare, il suo clima e i suoi prodotti per ricavarne un effetto terapeutico. L'azione positiva resta però ancora da confermare.


Naturopatia: l'unione di tecniche dall'efficacia non dimostrata

La naturopatia è una medicina che usa tecniche di altre medicine alternative e che propone un ritorno alla connessione con la natura. La sua efficacia non è però dimostrata.

Accedi ai servizi gratuiti

Se sei già registrato, clicca qui per accedere ai servizi gratuiti:

  • Database Alimenti
  • Calcola Ricetta
  • Slot Machine

Altrimenti, clicca qui per registrarti gratuitamente.