Alfa 1-Antitripsina

L'Alfa 1-Antitripsina è una glicoproteina che inibisce gli enzimi proteolitici (proteasi) che scindono le proteine come la collagenasi o l’elastasi. Fa parte del gruppo elettroforetico ematico delle alfa-globuline.

 

 

L'Alfa 1-Antitripsina viene prodotta soprattutto dalle cellule del fegato, dai macrofagi e dalle cellule epiteliali respiratorie e successivamente immessa nel circolo sanguigno.

Il gene che codifica per l'alfa 1-antitripsina si trova sul cromosoma 14.

Molto importante è la funzione dell'L'Alfa 1-Antitripsina a livello polmonare, dove costituisce un importantissimo sistema di difesa delle vie respiratorie inferiori.

I valori normali di concentrazione di questo enzima nel sangue sono: 190 - 350 mg/100 ml.

Valori superiori possono essere causati da collagenopatie, neoplasia, gravi infezioni, AIDS e uso di contraccettivi orali (pillola).

Valori inferiori possono essere causati invece causati da carenza congenita (vedi sotto), enfisema polmonare, cirrosi epatica, ulcera peptica e gravi ustioni.

Deficit alfa 1-antitripsina

Alfa 1-Antitripsina

Il deficit dell’alfa 1-antitripsina è causato da una mutazione genetica ereditaria a livello del cromosoma 14 che predispone il soggetto allo sviluppo di patologie come l’enfisema polmonare e la cirrosi epatica.

Questo deficit può essere dovuto ad una insufficiente produzione dell’alfa 1-antitripsina oppure ad una produzione di questa proteina alterata da parte delle cellule del fegato che non riescono a smaltirla (in quanto alterata) e si accumula al loro interno portando, nei casi molto gravi e non trattati, alla cirrosi epatica.

 

 

Per quanto invece riguarda i problemi polmonari, il deficit di alfa 1-antitripsina può portare all’insorgenza dell’enfisema polmonare, malattia caratterizzata da una progressiva distruzione degli alveoli polmonari e conseguente insufficienza respiratoria.

Da sottolineare il fatto che il rischio di insorgenza di enfisema per chi ha questo deficit è enormemente aumentato nei pazienti che fumano, in quanto le sostanze contenute nel fumo di sigaretta danneggiano il tessuto polmonare ed inoltre non hanno la protezione del tessuto da parte della proteina di cui sono deficitari.

Alcune sostanze presenti nell’aria che respiriamo, il fumo di sigaretta o le infezioni delle basse vie respiratorie provocano un’infiammazione del tessuto polmonare stimolando la produzione di enzimi come l’elastasi da parte dei nostri globuli bianchi che tentano così di proteggerci dagli stimoli irritativi che infiammano il tessuto causando però, se liberi di agire, allo stesso tempo un danno.

È qui che entra in gioco il ruolo protettivo dell'alfa1-antitripsina, che blocca l’'azione dannosa dell'elastasi sul tessuto polmonare e quindi in caso di deficit di questa proteina i polmoni sono più esposti allo sviluppo dell’enfisema.

Ecco perché i pazienti affetti da questo deficit non dovrebbero assolutamente fumare per non peggiorare la loro situazione.

 

- Consiglia questo articolo su Google

 

 

 

Ultimi articoli sezione: Salute


Banane mature e cura dei tumori: una bufala lunga 10 anni

L'idea che le banane mature possano curare il tumore risale ad una ricerca di 10 anni fa che è stata mal interpretata e che presentava risultati solo preliminari.


Funghi allucinogeni: effetti positivi e negativi

I funghi allucinogeni sono funghi con sostanze attive a livello psicologico, fra cui la psilocibina, che ha potenziali effetti terapeutici ancora da confermare.


Medicina tibetana: dall'antico Oriente la cura personalizzata

La medicina tibetana è molto antica e conosciuta. Propone un approccio personalizzato alla terapia e un'attenzione verso la prevenzione della malattia.


Coppettazione: cosa significa, storia ed efficacia

La coppettazione è una tecnica antica tipica della medicina tradizionale cinese ma anche di altri paesi. Il suo effetto non è stato, però, ancora dimostrato da prove scientifiche valide.

 


Acqua idrogenata o acqua all'idrogeno: funziona davvero?

L'acqua idrogenata è un'acqua addizionata di gas a base di idrogeno a cui sono attribuiti diversi effetti benefici. La sua efficacia non è, però, ancora accertata con sicurezza.


Reiki: dal Giappone la tecnica placebo dell'energia

Il Reiki è una tecnica giapponese molto antica, che si basa sul fluire dell'energia universale da un soggetto ad un altro, ma gli effetti sembrano solo placebo.


Talassoterapia: promettente terapia ancora da confermare

La talassoterapia è un'insieme di terapie che usano il mare, il suo clima e i suoi prodotti per ricavarne un effetto terapeutico. L'azione positiva resta però ancora da confermare.


Naturopatia: l'unione di tecniche dall'efficacia non dimostrata

La naturopatia è una medicina che usa tecniche di altre medicine alternative e che propone un ritorno alla connessione con la natura. La sua efficacia non è però dimostrata.

Accedi ai servizi gratuiti

Se sei già registrato, clicca qui per accedere ai servizi gratuiti:

  • Database Alimenti
  • Calcola Ricetta
  • Slot Machine

Altrimenti, clicca qui per registrarti gratuitamente.