Pagello e pagello fragolino

I pagellus sono dei pesci di mare appartenenti alla famiglia degli Sparidi. Ne esistono numerose specie (pagellus acarne, pagellus affinis, pagellus bellottii, pagellus bogaraveo o besugo, pagellus natalensis e pagellus erythrinus). La specie di cui andrò a trattare in questo articolo è l'ultima, il pagellus erythrinus, chiamato comunemente pagello o pagello fragolino, il più comune nei mari italiani.

 

 

Come la maggior parte degli sparidi anche il pagello ha un corpo ovale e allungato, compresso ai lati e un sistema di riproduzione ermafrodita proterogino (ovvero nasce femmina per diventare maschio durante la crescita). Le sue particolarità sono il suo colore di un rosa molto intenso, privo di fasce, ma costellato di piccole macchie azzurre nella parte dorsale e sopra gli occhi, e l'unica pinna dorsale che ha raggi duri come aculei. Le sue dimensioni massime raggiungono i 50 cm di lunghezza e i 3 chili di peso, ma è più comune trovarlo di 20 cm e 400 grammi.

Zone di diffusione del pagello

Pagello

Il pagello fragolino vive nel mar Mediterraneo, nell'Oceano Atlantico tra la Manica e l'Angola e nel mar Nero. In Italia è diffuso nell'Adriatico e in Sicilia. Vive in prossimità delle coste dai 20 ai 100 metri di profondità, e predilige i fondali sabbiosi.

La pesca del pagello

Il pagello fragolino viene pescato in tutto il Mediterraneo principalmente con reti a strascico, reti a traino pelagico, reti da posta, palangari di fondo, nasse e lenze a mano. In Italia è pescato soprattutto nei mari attorno alla Sicilia ed in Alto Adriatico.

Il pagello in cucina

 

 

Il pagello viene commercializzato fresco o surgelato nei banconi del pesce italiani. Ha carni buone, sode e saporite, è un pesce bianco, magro e facilmente digeribile, ricco di sali minerali, fra i quali potassio, calcio e magnesio. Il pagello è ottimo alla brace, al cartoccio, al forno, in padella e si abbina bene con i capperi.

 

- Consiglia questo articolo su Google

 

 

 

Ultimi articoli sezione: Alimentazione


Cibi ultra-processati: fanno davvero male?

I cibi ultra-processati sono definiti dalla classificazione NOVA che ne sconsiglia il consumo, appoggiata da diversi paesi. Rimane da capire come sostituirli in modo efficace.


Caffeina

La caffeina è la sostanza psicoattiva più consumata al mondo, contenuta in diverse piante come caffè, cacao, tè, cola, guaranà e mate.


Quanta caffeina (e caffè) al giorno?

La quantità di caffeina considerata sicura dipende dalle condizioni patologiche e fisiologiche del soggetto, ma anche dalla tollerabilità individuale.


Pasta di legumi: utile solo per la celiachia

La pasta di legumi è utile solo in caso di patologie che richiedano l'eliminazione del glutine dalla dieta, per diverse ragioni che vedremo in questo articolo.

 


Prosciutto cotto senza conservanti (nitriti)

Il prosciutto cotto senza conservanti (nitriti) si sta oggi diffondendo grazie a nuove tecniche non sempre rese note dalle aziende produttrici.


Gli alimenti trasformati o processati: la classificazione NOVA

I cibi processati o trasformati sono classificati secondo la classificazione NOVA che li distingue in base al tipo di processo di produzione a cui sono sottoposti.


Arachidi

Le arachidi, una specie di leguminose tipica dei Paesi sudamericani.


Cosa mangiare durante lo sport

Troppi atleti mangiano a sproposito durante gli allenamenti. In realtà dovrebbe mangiare solo chi fa allenamenti molto lunghi.

Accedi ai servizi gratuiti

Se sei già registrato, clicca qui per accedere ai servizi gratuiti:

  • Database Alimenti
  • Calcola Ricetta
  • Slot Machine

Altrimenti, clicca qui per registrarti gratuitamente.