Molo (moletto)

Il pesce molo, o moletto o merlango, nome scinetifico Merlangius merlangus, è un pesce osseo della famiglia delle Ganidae. Il molo è diffuso prinicpalmente nell'Oceano Atlantico settentrionale, nel Mar del Nord, nell'Alto Adriatico, nel Mar Nero e nel Mar Baltico.

 

 

Il pesce molo può raggiungere una lunghezza massima di 70 cm, anche se viene pescato quando è più piccolo perchè così si adatta meglio ad essere cucinato fritto ed è per questo che lo si conosce prevalentemente con il suo diminutivo "moletto".

Ha 3 pinne dorsali e 2 pinne anali, la testa è molto piccola e presenta un barbiglio sul mento.

Il colore della livrea dorsale è scuro, bruno, blu o verde, mentre il ventre è di colore argentato.

Una delle sue caratteristiche distintive è la presenza di una macchiolina nera alla base di ogni pinna pettorale.

Predilige fondali sabbiosi o fangosi e vive fino ad una profondità di 100 metri.

Il molo è un pesce carnivoro che si ciba di gamberetti e piccoli pesci.

Pesca e commercio dei moletti

Moletti

I moletti vengono pescati in maniera massiva con reti a strascico, palamite o anche con la lenza nella pesca sportiva. Questa specie, in passato, almeno fino al 2000, veniva considerata di poco pregio e venduta a prezzi irrisori, tanto da venir usata per produrre una farina con cui tagliare la farina di grano, al tempo più cara. Nel Mar Nero la pesca invasiva dei moli ha portato a dichiarare questa specie in stato vulnerabile.
Questo non è ancora successo nei nostri mari dove comunque il moletto sta conoscendo una nuova epoca di valorizzazione e lo si trova facilmente nelle pescherie soprattutto nelle coste del Veneto, della Romagna e delle Marche.

 

 

I moletti in cucina

Il molo ha carni bianche, dal sapore delicato, simile a quello del nasello. Nella cucina marinara tradizionale il moletto si presta a tre tipi di cottura: privato della testa, impanato e fritto per affiancare zanchetti, triglie e sardoncini nel fritto di paranza; aperto in due, deliscato e cotto al forno o sulla brace; oppure usato nelle zuppe come il brodetto.

Nulla vieta, se si acquistano dei moli abbastanza grandi, di cuocerli al vapore, sfilettarli e servirli in insalata.

 

- Consiglia questo articolo su Google

 

 

 

Ultimi articoli sezione: Alimentazione


Dieta Shibboleth: controversa mossa pubblicitaria

La dieta Shibboleth è una dieta che sembra efficace ma non ha prove scientifiche a supporto. Vi sono, inoltre, diversi aspetti negativi.


Dieta Dubrow: una strategia utile ma non adatta a chiunque

La dieta Dubrow che unisce il digiuno intermittente con le diete low-carb. Non per tutti, ma potenzialmente efficace.


Dieta per rafforzare il sistema immunitario: quando e se ha senso

L'alimentazione può essere utile in un'ottica di prevenzione nel lungo periodo per rafforzare il sistema immunitario, ma non ha un ruolo terapeutico.


Foraging: l’arte di andar per erbe

Il foraging riprende la pratica antichissima di raccogliere cibi spontanei, ma diventa oggi pratica di pochi che la sfruttano in corsi e ristoranti stellati.

 


La carne rossa è cancerogena?

La carne rossa è cancerogena? Scopriamo cosa c'è di vero, e se è giustificata una riduzione del consumo di carne rossa e insaccati.


Quanta carne a settimana? Rossa o bianca?

Il consumo di carne, spesso demonizzato, è in realtà vincolato alla qualità dl prodotto scelto più che alla quantità.


Ricci di mare

I ricci di mare: più di 900 specie di questi animali marini di cui si mangiano le prelibate uova crude.


Vertical farming: cos’è, costi e tipologie

Il vertical farming è la nuova frontiera dell’agricoltura, diffusa in tutto il mondo potrebbe apportare diversi vantaggi anche per l’ambiente.