Olio di cartamo

L'olio di cartamo è un olio vegetale poco conosciuto e molto simile all'olio di girasole. Il cartamo (Carthamus tinctorius in latino e safflower in inglese) è una pianta appartenente alla famiglia delle Asteracee, la stessa del girasole, del carciofo e del cardo per intenderci.

 

 

Il cartamo, oltre che per estrarne l'olio dai semi, viene utilizzato dall'industria alimentare anche per ricavarne dai fiori la cartamina, un colorante che ricorda vagamente lo zafferano e per questo viene chiamata "zafferano bastardo" o "zafferanone", diffusa soprattutto nella cucina araba e indiana, ma dal prezzo decisamente inferiore.

La coltivazione di cartamo ai fini di produrne l'olio è concentrata principalmente in Kazakistan, che da solo detiene il 24% del mercato mondiale, in India e negli Stati Uniti. La produzione annua di cartamo è di circa 720 tonnellate (dati aggiornati al 2013). La resa produttiva è pari al 60%.

Oltre che come olio da cucina, a livello industriale l'olio di cartamo viene usato per produrre margarina, per produrre vernici bianche e resine (il suo colore è molto scarico, quasi trasparente) e anche biodiesel.

Olio cartamo

Gli acidi grassi dell'olio di cartamo

Esistono due varietà di cartamo, una produce un olio ad elevato tenore di grassi monoinsaturi (acido oleico), l'altra un olio ad alto tenore di grassi polinsaturi (acido linoleico). Quella più utilizzata per produrre olio è la prima.

L'olio di cartamo altoleico è simile come composizione all'olio di girasole altoleico, con pochi grassi saturi, una quantità relativamente bassa di grassi polinsaturi e la maggioranza di grassi monoinsaturi.

Acidi grassi Quantità (g)
Grassi saturi totali 8.50
C4:0\÷C10:0 0.00
C12:0 (laurico) 0.00
C14:0 (miristico) 0.00
C16:0 (palmitico) 4.80
C18:0 (stearico) 3.50
C20:0 (arachidico) 0.00
C22:0 (beenico) 0.00
Grassi monoinsaturi totali 76.00
C14:1 (miristoleico) 0.00
C16:1 (palmitoleico) 0.00
C18:1 (oleico) 76.00
C20:1 (eicosaenoico) 0.00
C22:1 (erucico) 0.00
Grassi polinsaturi totali 16.20
C18:2 W6 (linoleico) 16.00
C18:3 W3 (linolenico) 0.00
C20:4 W6 (arachidonico) 0.20
C20:5 W3
(eicosapentaenoico - EPA)
0.00
C22:6 W3
(docosaesaenoico - DHA)
0.00
Rapporto Polinsaturi/Saturi 2.10

L'olio di cartamo in cucina

 

 

L'olio di cartamo viene utilizzato in cucina soprattutto nei paesi in cui viene prodotto, prevalentemente dall'industria alimentare.

In Europa è rarissimo trovarlo nei prodotti alimentari, in commercio si trova, e viene venduto con claims puramente salutistici, che mirano ad attirare le persone che cercano nei cibi proprietà medicamentose.

L'olio di cartamo non raffinato non ha un costo molto elevato, si trova a circa 20 euro al litro.

 

- Consiglia questo articolo su Google

 

 

 

Ultimi articoli sezione: Alimentazione


Cibi ultra-processati: fanno davvero male?

I cibi ultra-processati sono definiti dalla classificazione NOVA che ne sconsiglia il consumo, appoggiata da diversi paesi. Rimane da capire come sostituirli in modo efficace.


Caffeina

La caffeina è la sostanza psicoattiva più consumata al mondo, contenuta in diverse piante come caffè, cacao, tè, cola, guaranà e mate.


Quanta caffeina (e caffè) al giorno?

La quantità di caffeina considerata sicura dipende dalle condizioni patologiche e fisiologiche del soggetto, ma anche dalla tollerabilità individuale.


Pasta di legumi: utile solo per la celiachia

La pasta di legumi è utile solo in caso di patologie che richiedano l'eliminazione del glutine dalla dieta, per diverse ragioni che vedremo in questo articolo.

 


Prosciutto cotto senza conservanti (nitriti)

Il prosciutto cotto senza conservanti (nitriti) si sta oggi diffondendo grazie a nuove tecniche non sempre rese note dalle aziende produttrici.


Gli alimenti trasformati o processati: la classificazione NOVA

I cibi processati o trasformati sono classificati secondo la classificazione NOVA che li distingue in base al tipo di processo di produzione a cui sono sottoposti.


Arachidi

Le arachidi, una specie di leguminose tipica dei Paesi sudamericani.


Cosa mangiare durante lo sport

Troppi atleti mangiano a sproposito durante gli allenamenti. In realtà dovrebbe mangiare solo chi fa allenamenti molto lunghi.

Accedi ai servizi gratuiti

Se sei già registrato, clicca qui per accedere ai servizi gratuiti:

  • Database Alimenti
  • Calcola Ricetta
  • Slot Machine

Altrimenti, clicca qui per registrarti gratuitamente.