Coriandolo

Il coriandolo è una pianta erbacea annuale della stessa famiglia del prezzemolo (è anche chiamato prezzemolo cinese), del cumino e dell'anice.

 

 

È originario dell'Oriente, ed è conosciuto fin dall'antichità: lo utilizzavano gli Egizi, i Greci e i Romani.

Il coriandolo si coltiva bene in tutta l'Europa meridionale e orientale. Si utilizzano i frutti, rotondi e di colore giallo paglierino, che vengono essicati appendendo la pianta in luogo fresco e arieggiato, e conservati interi.

I semi di coriandolo andrebbero macinati al momento con un frullatore o un mortaio, poiché se ridotti in polvere tendono a perdere il loro aroma molto velocemente.

Del coriandolo vengono utilizzate sia le foglie che i frutti chiamati impropriamente semi di coriandolo. Questi vengono usati come spezia, hanno un aroma agrumato, fresco, simile al limone. Molto usati nella cucina indiana e orientale in genere, sono uno degli ingredienti fondamentali del garam masala.

Coriandolo

I semi di coriandolo si trovano facilmente nei negozi di alimenti orientali, oppure nei negozi che vendono spezie e sementi in genere. Si possono facilmente ridurre in polvere con l'aiuto di un mortaio o di un macinaspezie. Se non si possiede nessuno di questi due strumenti, conviene acquistare il coriandolo in polvere: perde molto del suo aroma, ma è l'unico modo per utilizzarlo.

Il mortaio non garantisce la perfetta macinazione, questo può dare molto fastidio nei piatti in cui i residui grossolani di seme di coriandolo non possono essere mascherati (per esempio nelle vellutate, nelle zuppe e in alcuni sughi).

 

 

I semi di coriandolo macinati sprigionano un intenso aroma fresco, simile alla scorza degli agrumi, per questo motivo vengono utilizzati soprattutto nei vari curry (miscele di spezie) per contrastare spezie calde come il cumino, la noce moscata o la cannella.
Da soli, possono essere utilizzati in tutte le preparazioni che necessitano di un tocco di fresco: carni o pesci grassi dal gusto un po' stucchevole come il salmone, l'agnello o la carne di maiale grassa, oppure con alcune verdure come i cavoli.

Nelle ricette in lingua inglese, occorre fare attenzione ai nomi: con il termine coriander si intende in genere il coriandolo in semi (come spezia), con il termine cilantro si intende il coriandolo come erba aromatica (le foglie), infatti spesso viene indicato come fresh cilantro.

Le foglie del coriandolo hanno un aroma molto intenso e pungente, ma abbastanza sgradevole, ricordano infatti l'aroma che sprigionano le cimici quando vengono schiacciate.

 

- Consiglia questo articolo su Google

 

 

 

Ultimi articoli sezione: Alimentazione


Frutta esotica: elenco completo e come sceglierla

Colorata, dalle forme strane e con un gusto molto gradito, la frutta esotica esiste di moltissime tipologie, alcune delle quali crescono anche in Italia.


Migliori diete del 2020: la classifica americana

La classifica delle migliori diete del 2020 è stata stilata da un portale americano di informazione, servendosi del supporto di esperti del settore salute.


Glifosato nel grano: tra bufale ed accordi internazionali

Il glifosato nel grano, specie in quello canadese, è stato oggetto di diversi dossier che si sono rivelati poi delle bufale.


Glifosato negli alimenti: dove si trova e come evitarlo

Il glifosato è un erbicida usato in agricoltura che potrebbe causare il cancro nell'uomo: ecco in quali alimenti si trova e come evitarlo.

 


Clinto: storia e caratteristiche del vino proibito

Il Clinto non appartiene alla specie solitamente usata per la produzione del vino comune. La sua diffusione è ostacolata da leggi italiane ed europee.


Uva fragola: caratteristiche e proprietà dell’uva dei climi freddi

L’uva fragola ha sapore e profumo molto particolari ma la legislazione italiana ne impedisce la diffusione, specie del vino da essa derivato: il Fragolino.


Coppiette di maiale romane: storia e come si mangiano oggi

Le coppiette di maiale romane sono un’antica ricetta romana diffusasi poi oggi in tutta Italia. Nascono per l’esigenza di conservare la carne.


Dieta nordica o dei Vichinghi: la sfida alla dieta Mediterranea

La dieta nordica è molto simile a quella mediterranea e si basa sul minor consumo di alimenti animali, privilegiando quelli vegetali e locali.

Accedi ai servizi gratuiti

Se sei già registrato, clicca qui per accedere ai servizi gratuiti:

  • Database Alimenti
  • Calcola Ricetta
  • Slot Machine

Altrimenti, clicca qui per registrarti gratuitamente.