Zucchero a velo

Lo zucchero a velo, o zucchero al velo, è un tipo di zucchero tritato tanto finemente da assumere l'aspetto di una polvere impalpabile e setosa.  

 

 

Lo zucchero a velo viene generalmente usato per decorare e guarnire dolci, per esempio spolverato sopra le torte con l'aiuto di un setaccio fine, oppure come sostituto dello zucchero semolato nella preparazione di alcuni dolci ai quali riesce a conferire una consistenza più fine e cremosa. Inoltre, è un ingrediente imprenscindibile nella preparazione della pasta di zucchero

Lo zucchero a velo ha le stesse calorie dello zucchero semolato: può determinare un risparmio calorico, ma solo per la capacità di dare dolcezza con una minor quantità (vedi il paragrafo sotto). La densità calorica dello zucchero a velo è sempre 400 kcal/hg, come quella dello zucchero.

Produzione dello zucchero a velo industriale

Zucchero a velo

Lo zucchero a velo viene prodotto a livello industriale tritando lo zucchero semolato secondo diversi gradi di finezza: il più comune è il XXX, ma ne esitono anche di più fini come il XXXX, il 10X o il Xs, il più fine di tutti.

A livello industriale i produttori di zucchero a velo usano vari espedienti per rendere lo zucchero così setoso, visivamente brillante e idrorepellente, così da fare in modo che non si crei una patina umida sulla superficie delle torte. Vengono usati, infatti, alcuni additivi come il fosfato di calcio (potenzialmentwe nocivo per la sua capacità di legare il calcio e dunque di sottrarlo all'organismo) e alcune farine, come quella di mais, o proteine del latte (entrambi innocui), per rendere il prodotto finale più appetibile e di lunga conservazione.

 

 

Questo fa sì che alla fine un alimento come lo zucchero, generalmente privo di lattosio e glutine, diventi poi un prodotto rischioso, ma solo per chi è affetto da allergie o da intolleranze.

Lo zucchero a velo viene commercializzato in due varianti principali, quello privo di aroma e quello addizionato con l'aroma vaniglia (l'aroma chimico vanillina), e cioè lo zucchero vanigliato; bisogna fare molta attenzione a quale zucchero si acquista perché quello vanigliato può rovinare il gusto di alcune preparazioni, perché troppo aromatico.

Utilizzo dello zucchero a velo

Lo zucchero a velo è utilizzato principalmente per la finitura dei dolci: grazie alla sua granulometria fine è perfetto per spolverare i dolci migliorando l'estetica e donando una dolcezza molto concentrata, ma senza caricare troppo di zuccheri e calorie. La sensazione di dolcezza è data infatti proprio dalla granulometria fine, che rende lo zucchero a velo molto solubile: si scioglie all'istante in bocca e dona quindi una sensazione immediata, e intensa, di dolcezza.

 

 

In moltissime ricette si consiglia di utilizzare lo zucchero a velo, ma a sproposito, perché si potrebbe tranquillamente utilizzare lo zucchero semolato (il normale zucchero da cucina): per esempio nella meringa e nella pasta frolla dove l'uso di zucchero a velo non è necessario. Lo zucchero a velo in pasticceria è da utilizzare solo nelle preparazioni in cui viene aggiunto a freddo e vi è la necessità di farlo sciogliere senza mescolare in modo deciso, per esempio nella pasta frolla montata.

Zucchero a velo senza additivi e fai da te

In commercio esistono anche prodotti senza additivi, per esempio lo zucchero a velo a marchio Sudzucker. Inoltre, volendo, si può tranquillamente fare a casa propria uno zucchero a velo fai da te, semplicemente triturando lo zucchero semolato, meglio se grezzo, per qualche minuto, fino che non abbia assunto l'aspetto e la consistenza dello zucchero a velo. Ovviamente senza un mixer potente è difficile raggiungere la granulometria fine dei prodotti commerciali.

 

- Consiglia questo articolo su Google

 

 

 

Ultimi articoli sezione: Alimentazione


Colesterolo nella carne | Bianca o rossa? | Quale la migliore?

Tutti sanno che per abbassare il colesterolo bisogna mangiare meno carne... Ma siamo sicuri che sia vero?


Il vino fa bene o male?

Il vino fa bene o male? A basse dosi sembra essere benefico, ma le ultime ricerche lo stanno mettendo in dubbio. Una cosa è certa: l'alcol è cancerogeno, a qualsiasi dose.


Meglio il vino bianco o rosso? | Calorie | Colesterolo

È più salutare il vino bianco o quello rosso? Quale fa ingrassare di più? Purtroppo il vino fa sempre male, a prescindere dal colore...


Quante calorie ha la pizza?

Quante calorie ha una pizza? Sebbene sia un alimento variabile, è possibile risalire con abbastanza precisione alle calorie totali sia di una margherita che di una pizza condita.

 


Fa ingrassare più la pizza o la piadina?

La pizza e la piadina sono due alimenti abbastanza critici per la linea. Ma quale dei due fa ingrassare di più?


La pizza fa ingrassare?

La pizza fa ingrassare? Scopriamo, dati alla mano, se può essere considerata solo uno sgarro alimentare da concedersi ogni tanto, o se è possibile assumerla più di frequente.


Fa ingrassare più la pasta o la pizza?

Fa ingrassare più la pasta o la pizza? In questo caso la risposta non è "dipende", ma possiamo tranquillamente dire che la pizza fa ingrassare di più!


Fa ingrassare più la pasta o il riso?

Questa domanda è particolarmente gettonata e la risposta è tutt'altro che scontata: fa ingrassare più la pasta o il riso?

Accedi ai servizi gratuiti

Se sei già registrato, clicca qui per accedere ai servizi gratuiti:

  • Database Alimenti
  • Calcola Ricetta
  • Slot Machine

Altrimenti, clicca qui per registrarti gratuitamente.