Lista degli additivi alimentari

Acidificanti: aumentano l'acidità di un prodotto, e/o conferiscono ad esso un sapore aspro.
Addensanti: addensano, ovvero aumentano la viscosità di un prodotto alimentare. Vengono utilizzati in creme, budini, gelati, ecc.
Agenti di carica: aumentano il volume di un prodotto senza apportare modifiche significative al suo valore energetico.
Agenti di resistenza: rendono o mantengono saldi o croccanti tessuti dei frutti o degli ortaggi o interagiscono con agenti gelificanti per produrre o consolidare un gel.
Agenti di rivestimento: vengono di solito applicati alla superficie esterna di un prodotto conferendo un aspetto brillante, inoltre fungono da agenti protettivi.
Agenti di trattamento delle farine: vengono aggiunti per migliorare le qualità delle farine in lievitazione e cottura.
Agenti lievitanti: liberano gas aumentando il volume di un impasto (nel caso di pane e dolci) o di una pastella (nel caso di alimenti fritti), vedi cremore tartaro.
Amidi modificati: gli amidi alimentari vengono modificati con uno o più trattamenti chimici, fisici o enzimatici, per esempio possono essere sbiancati.
Lista additivi alimentari
Antiagglomeranti: riducono la tendenza di particelle individuali di aderire l'una con l'altra.
Antiossidanti: fungono da conservanti impedendo l'ossidazione, come l'irrancidimento dei grassi e la variazione di colore.
Antischiumogeni: impediscono o riducono la formazione di schiume.
Aromi o sostanze aromatizzanti: conferiscono ai cibi particolari aromi.
Coloranti: conferiscono un colore particolare ad un alimento.
Conservanti: prolungano il periodo di conservazione degli alimenti proteggendoli dal deterioramento provocato dai microorganismi.
Correttori di acidità: modificano o controllano l'acidità o l'alcalinità di un prodotto alimentare.
Edulcoranti: conferiscono un sapore dolce agli alimenti. Vengono utilizzati soprattutto nei prodotti dietetici a basso contenuto di calorie.
Emulsionanti: rendono possibile la formazione e il mentenimento di una miscela omogenea di due o più fasi immiscibili, come per esempio olio e acqua.
Enzimi: gli enzimi possono essere utilizzati come additivi o come coadiuvanti tecnologici, nel primo caso il loro utilizzo è accessorio e non indispensabile al processo tecnologico (per esempio, quando vengono usati per intenerire le carni). Il loro uso può non essere indicato in etichetta.
Esaltatori di sapidità: esaltano il sapore e/o la fragranza di un alimento. Il glutammato di sodio è il più utilizzato.
Gas di imballaggio: gas diversi dall'aria introdotti in un contenitore prima, durante o dopo l'inserimento del prodotto alimentare. Non è richiesta l'indicazione sull'etichetta, poiché non sono considerati ingredienti.
Gas propulsori o propellenti: gas diversi dall'aria che espellono un prodotto alimentare da un contenitore.
Lista degli additivi alimentari
Gelificanti: danno consistenza a un prodotto alimentare tramite la formazione di un gel.
Sali di fusione: disperdono le proteine contenute nel formaggio realizzando una distribuzione omogenea dei grassi e degli alitri componenti.
Sequestranti: formano complessi chimici con ioni metallici. Possono non essere menzionati in etichetta.
Stabilizzanti: rendono possibile il mantenimento dello stato fisico-chimico di un prodotto alimentare, inclusa la sua colorazione.
Umidificanti: impediscono l'essicazione degli alimenti o promuovono la dissoluzione di una polvere in acqua.

 

- Consiglia questo articolo su Google

 

 

 

Ultimi articoli sezione: Alimentazione


Dietidea: la dieta del riso Scotti del prof. Sorrentino

Dietidea è la nuova dieta del riso, ideata dal prof. Sorrentino in collaborazione con Scotti. Scopriamo i pro e i contro di questa dieta.


Come verificare l'attendibilità di uno studio scientifico?

L'attendibilità di uno studio scientifico si ha quando quest'ultimo rispetta diverse caratteristiche che rendono i risultati vicini alla verità.


Pollo da allevamento biologico

L'allevamento biologico del pollo, sia per la produzione di carne che per quella delle uova, richiede costi maggiori ma permette un prodotto di maggior qualità.


Polli allevati a terra o all'aperto: quali sono le differenze?

L'allevamento dei polli a terra o all'aperto presenta notevoli differenze, sia per quanto riguarda le modalità, sia per la salubrità degli alimenti prodotti.

 


Allevamento intensivo dei polli

L'allevamento intensivo dei polli è un metodo di produzione di carne e uova che nasconde diversi problemi, non solo per la salute degli animali, ma anche per quella umana.


Tenerezza della carne bovina

I tagli di carne più tenera: la tenerezza delle carni bovine secondo uno studio scientifico che valuta la qualità dei vari muscoli dei bovini.


Dieta volumetrica: dimagrire con la densità calorica

La dieta volumetrica si basa sul concetto promosso e utilizzato fin dall'inizio della mia attività nel campo dell'alimentazione, quello della densità calorica.


Il modello a calorie o sistema Atwater

Il modello a calorie è stato ideato da Atwater e colleghi che hanno studiato la quantità di energia fornita da carboidrati, proteine e grassi.