Lista degli additivi alimentari

Acidificanti: aumentano l'acidità di un prodotto, e/o conferiscono ad esso un sapore aspro.
Addensanti: addensano, ovvero aumentano la viscosità di un prodotto alimentare. Vengono utilizzati in creme, budini, gelati, ecc.
Agenti di carica: aumentano il volume di un prodotto senza apportare modifiche significative al suo valore energetico.
Agenti di resistenza: rendono o mantengono saldi o croccanti tessuti dei frutti o degli ortaggi o interagiscono con agenti gelificanti per produrre o consolidare un gel.
Agenti di rivestimento: vengono di solito applicati alla superficie esterna di un prodotto conferendo un aspetto brillante, inoltre fungono da agenti protettivi.
Agenti di trattamento delle farine: vengono aggiunti per migliorare le qualità delle farine in lievitazione e cottura.
Agenti lievitanti: liberano gas aumentando il volume di un impasto (nel caso di pane e dolci) o di una pastella (nel caso di alimenti fritti), vedi cremore tartaro.
Amidi modificati: gli amidi alimentari vengono modificati con uno o più trattamenti chimici, fisici o enzimatici, per esempio possono essere sbiancati.
Lista additivi alimentari
Antiagglomeranti: riducono la tendenza di particelle individuali di aderire l'una con l'altra.
Antiossidanti: fungono da conservanti impedendo l'ossidazione, come l'irrancidimento dei grassi e la variazione di colore.
Antischiumogeni: impediscono o riducono la formazione di schiume.
Aromi o sostanze aromatizzanti: conferiscono ai cibi particolari aromi.
Coloranti: conferiscono un colore particolare ad un alimento.
Conservanti: prolungano il periodo di conservazione degli alimenti proteggendoli dal deterioramento provocato dai microorganismi.
Correttori di acidità: modificano o controllano l'acidità o l'alcalinità di un prodotto alimentare.
Edulcoranti: conferiscono un sapore dolce agli alimenti. Vengono utilizzati soprattutto nei prodotti dietetici a basso contenuto di calorie.
Emulsionanti: rendono possibile la formazione e il mentenimento di una miscela omogenea di due o più fasi immiscibili, come per esempio olio e acqua.
Enzimi: gli enzimi possono essere utilizzati come additivi o come coadiuvanti tecnologici, nel primo caso il loro utilizzo è accessorio e non indispensabile al processo tecnologico (per esempio, quando vengono usati per intenerire le carni). Il loro uso può non essere indicato in etichetta.
Esaltatori di sapidità: esaltano il sapore e/o la fragranza di un alimento. Il glutammato di sodio è il più utilizzato.
Gas di imballaggio: gas diversi dall'aria introdotti in un contenitore prima, durante o dopo l'inserimento del prodotto alimentare. Non è richiesta l'indicazione sull'etichetta, poiché non sono considerati ingredienti.
Gas propulsori o propellenti: gas diversi dall'aria che espellono un prodotto alimentare da un contenitore.
Lista degli additivi alimentari
Gelificanti: danno consistenza a un prodotto alimentare tramite la formazione di un gel.
Sali di fusione: disperdono le proteine contenute nel formaggio realizzando una distribuzione omogenea dei grassi e degli alitri componenti.
Sequestranti: formano complessi chimici con ioni metallici. Possono non essere menzionati in etichetta.
Stabilizzanti: rendono possibile il mantenimento dello stato fisico-chimico di un prodotto alimentare, inclusa la sua colorazione.
Umidificanti: impediscono l'essicazione degli alimenti o promuovono la dissoluzione di una polvere in acqua.

 

- Consiglia questo articolo su Google

 

 

 

Ultimi articoli sezione: Alimentazione


Colesterolo nella carne | Bianca o rossa? | Quale la migliore?

Tutti sanno che per abbassare il colesterolo bisogna mangiare meno carne... Ma siamo sicuri che sia vero?


Il vino fa bene o male?

Il vino fa bene o male? A basse dosi sembra essere benefico, ma le ultime ricerche lo stanno mettendo in dubbio. Una cosa è certa: l'alcol è cancerogeno, a qualsiasi dose.


Meglio il vino bianco o rosso? | Calorie | Colesterolo

È più salutare il vino bianco o quello rosso? Quale fa ingrassare di più? Purtroppo il vino fa sempre male, a prescindere dal colore...


Quante calorie ha la pizza?

Quante calorie ha una pizza? Sebbene sia un alimento variabile, è possibile risalire con abbastanza precisione alle calorie totali sia di una margherita che di una pizza condita.

 


Fa ingrassare più la pizza o la piadina?

La pizza e la piadina sono due alimenti abbastanza critici per la linea. Ma quale dei due fa ingrassare di più?


La pizza fa ingrassare?

La pizza fa ingrassare? Scopriamo, dati alla mano, se può essere considerata solo uno sgarro alimentare da concedersi ogni tanto, o se è possibile assumerla più di frequente.


Fa ingrassare più la pasta o la pizza?

Fa ingrassare più la pasta o la pizza? In questo caso la risposta non è "dipende", ma possiamo tranquillamente dire che la pizza fa ingrassare di più!


Fa ingrassare più la pasta o il riso?

Questa domanda è particolarmente gettonata e la risposta è tutt'altro che scontata: fa ingrassare più la pasta o il riso?

Accedi ai servizi gratuiti

Se sei già registrato, clicca qui per accedere ai servizi gratuiti:

  • Database Alimenti
  • Calcola Ricetta
  • Slot Machine

Altrimenti, clicca qui per registrarti gratuitamente.