Smoothie

Con il termine smoothie si indica un particolare dolce di tradizione statunitense composto da un frullato di frutta a cui vengono aggiunti dei latticini, gelato o yogurt, e del ghiaccio.

 

 

Lo smoothie, quindi, è molto simile al frappè italiano e solo negli ultimi anni sta prendendo piede in Italia, soprattutto dopo che l'Algida nel 2007 ha lanciato il Solero Smoothie, a base di banana e fragola o banana e mora.

Lo smoothie ha la particolarità di essere preparato con tanti tipi di frutta fresca diversi abbinati tra loro, solitamente viene consumato in estate come snack o come sostitutivo del pranzo ed è facile da preparare anche in casa.

Oltre alla frutta fresca, ai latticini e al ghiaccio si possono aggiungere anche il cioccolato, il burro di arachidi, la vaniglia, la cannella, il miele, il caffè e chi più ne ha più ne metta: preparare uno smoothie è divertente e creativo, scegliendo bene gli ingredienti, inoltre, si può creare uno smoothie naturale e salutare, adatto alla Cucina Sì.

 

 

Storia e tradizione dello smoothie 

Smoothie

Lo smoothie è nato negli anni Quaranta negli USA, quando la sua ricetta apparì per la prima volta nel catalogo delle istruzioni di come usare il Blender (un mixer da cucina) commercializzato da Waring Blendor. Il termine "smooth" veniva usato allora comunemente per indicare qualsiasi composto ottenuto con un mixer, e in italiano potremmo tradurlo con gli aggettivi "cremoso", "vellutato", "ben amalgamato".

Con gli anni Sessanta la popolarità degli smoothies divenne sempre più grande, soprattutto tra i vegetariani, i macrobiotici e i vegani che utilizzavano molto il mixer per frullare i loro cibi, non solo frutta, ma anche verdura.

Gli smoothies erano una bevanda molto in voga anche tra gli hippy degli anni Settanta, e così via ogni decennio ha visto gli smoothies protagonisti negli USA come moda dei gruppi più disparati, sportivi e amanti del fitness inclusi.

Oggi lo smoothie è una bevanda molto popolare sia negli Stati Uniti che nel resto del mondo, dove stanno proliferando gli "Smoothie bar" a tema, dove tutto è passato al frullatore e il metodo smoothie si usa anche per fare cocktail.

Anche la cucina mediorientale fa largo uso degli smoothie, si pensi ad esempio allo sharbat indiano, un frullato a base di yogurt, miele e frutta fresca, o al tota puri mango, un frullato di mango, ghiaccio e zucchero di canna.

 

 

In USA lo smoothie si trova anche al supermercato già confezionato in bottiglie di plastica o in contenitori tetrapak, come bevanda analcolica.

Ricetta dello smoothie

Come già accennato il mondo degli smoothies è vastissimo, possono essere preparati con gli ingredienti più disparati, frutti più o meno esotici, ortaggi quali carote, cetrioli, pomodori, yogurt o gelato, latte di soia, tofu etc...

In questa ricetta propongo una versione estiva di un classico smoothie alla frutta, comunque ricordo che non esistono regole codificate per prepararli, basta munirsi di un frullatore e giocare di fantasia!

Ingredienti per 4 smoothie

  • 2 vasetti di yogurt bianco dolce (250 g)
  • 4 pesche 
  • 8 albicocche
  • qualche fogliolina di menta
  • il succo e la buccia grattugiata di un lime
  • 12 cubetti di ghiaccio

Procedimento

Sbucciare le pesche e le albicocche, togliere il torsolo e farle a pezzetti. Mettere la frutta, lo yogurt, il succo e la buccia grattugiata del lime e le foglioline di menta in un frullatore e azionare per qualche minuto, fino a che non si otterrà un composto omogeneo e cremoso. Versare nei bicchieri tre ghiaccioli, lo smoothie e, infine, decorare con una cannuccia. Volendo si può preparare lo smoothie in anticipo e poi tenerlo in frigorifero prima di servirlo.

 

- Consiglia questo articolo su Google

 

 

 

Ultimi articoli sezione: Alimentazione


Colesterolo nella carne | Bianca o rossa? | Quale la migliore?

Tutti sanno che per abbassare il colesterolo bisogna mangiare meno carne... Ma siamo sicuri che sia vero?


Il vino fa bene o male?

Il vino fa bene o male? A basse dosi sembra essere benefico, ma le ultime ricerche lo stanno mettendo in dubbio. Una cosa è certa: l'alcol è cancerogeno, a qualsiasi dose.


Meglio il vino bianco o rosso? | Calorie | Colesterolo

È più salutare il vino bianco o quello rosso? Quale fa ingrassare di più? Purtroppo il vino fa sempre male, a prescindere dal colore...


Quante calorie ha la pizza?

Quante calorie ha una pizza? Sebbene sia un alimento variabile, è possibile risalire con abbastanza precisione alle calorie totali sia di una margherita che di una pizza condita.

 


Fa ingrassare più la pizza o la piadina?

La pizza e la piadina sono due alimenti abbastanza critici per la linea. Ma quale dei due fa ingrassare di più?


La pizza fa ingrassare?

La pizza fa ingrassare? Scopriamo, dati alla mano, se può essere considerata solo uno sgarro alimentare da concedersi ogni tanto, o se è possibile assumerla più di frequente.


Fa ingrassare più la pasta o la pizza?

Fa ingrassare più la pasta o la pizza? In questo caso la risposta non è "dipende", ma possiamo tranquillamente dire che la pizza fa ingrassare di più!


Fa ingrassare più la pasta o il riso?

Questa domanda è particolarmente gettonata e la risposta è tutt'altro che scontata: fa ingrassare più la pasta o il riso?

Accedi ai servizi gratuiti

Se sei già registrato, clicca qui per accedere ai servizi gratuiti:

  • Database Alimenti
  • Calcola Ricetta
  • Slot Machine

Altrimenti, clicca qui per registrarti gratuitamente.