Cioccolato di Modica

Il cioccolato di Modica è uno dei prodotti più interessanti della gastronomia siciliana, è un cioccolato che si differenzia da tutti i tipi di cioccolato in commercio comunemente conosciuti. Il cioccolato di Modica ha una sua forte identità e una storia consolidata, fattori che lo hanno reso famoso in tutta Italia e anche nel resto del mondo.

 

 

Per chi non lo avesse mai assaggiato, il cioccolato di Modica ha una consistenza "granulosa", friabile sotto i denti, non è vellutato, è sgarbato, è ruvido, quando lo si mastica si sentono i granellini di zucchero sotto i denti, poiché è ottenuto con una lavorazione a freddo, unica nel suo genere, che lo differenzia dagli altri tipi di cioccolato...è questa è la sua vera caratteristica distintiva.

Ma andiamo con ordine.

Storia e lavorazione del cioccolato modicano

Modica è una piccola cittadina situata sulla punta meridionale della Sicilia che si è affermata negli ultimi secoli come una delle città italiane più specializzate nella produzione di dolci. Modica è, difatti, un paese pieno di pasticcerie e di laboratori artigianali dedicati alla produzione di dolci e alla lavorazione del cioccolato (come un po' tutta la Sicilia del resto...).

 

 

Modica

Modica è sempre stata una città ricca e il cioccolato, si sa, è un tipico bene di lusso che a Modica ha trovato la culla ideale per svilupparsi. Lo stesso scrittore siciliano Leonardo Sciascia ha sottolineato questo forte legame territoriale tra la città di Modica e la produzione del cioccolato.

La differenza del cioccolato rispetto a quello tradizionale è l'assenza del concaggio, l'operazione inventata da Lindt nell'800 che ha consentito di ottenere il cioccolato come lo conosciamo oggi. Nel cioccolato modicano la lavorazione è a freddo, prevede cioè di mescolare a basse temperature (intorno ai 40°C) la pasta di cacao insieme allo zucchero semolato o di canna, facendo in modo che i cristalli di zucchero non si sciolgano e che l'impasto finale rimanga granuloso in bocca. Inoltre, il cioccolato di Modica non è spiccatamente dolce, ma mantiene una nota amarognola e anche una nota sapida.

 

 

Oltre che al naturale, il cioccolato di Modica viene commercializzato anche aromatizzato: imperdibile quello al peperoncino ma sono ottime anche le varianti alla vaniglia, al pistacchio, allo zenzero, alla cannella, al pepe nero, all'arancia o al limone. Le spezie vengono aggiunte alla lavorazione nel momento in cui si aggiunge lo zucchero, alla temperatura di circa 40°C, mantenendo così intatto il loro sapore che poi si sprigionerà in bocca.

In vendita, al di fuori della Sicilia, si può trovare nei negozi di delicatessen, nelle enoteche e in qualche bar-pasticceria.

Cioccolato di Modica IGP

Cioccolato Modica modicano

Chiamato "ciucculatta muricana" al femminile, in dialetto siciliano, il cioccolato di Modica ha ottenuto il riconoscimento come PAT (Prodotto Agroalimentare Tradizionale regionale), nel 2003 è stato costituito il consorzio di tutela che nel 2017 ha avviato le procedure per richiedere la certificazione europea IGP, ottenuta poi nel 2018. 

Attualmente fanno parte del Consorzio di Tutela del cioccolato modicano una ventina di produttori artigianali.

Nel 2014 è stato creato il Museo del Cioccolato a Modica e ogni anno in città si organizza una manifestazione dedicata al cioccolato, chiamata Chocomodica.

 

- Consiglia questo articolo su Google

 

 

 

Ultimi articoli sezione: Alimentazione


Hamburger

L'hamburger, il tipico panino da fast food più famoso del mondo.


Cibi ultra-processati: fanno davvero male?

I cibi ultra-processati sono definiti dalla classificazione NOVA che ne sconsiglia il consumo, appoggiata da diversi paesi. Rimane da capire come sostituirli in modo efficace.


Caffeina

La caffeina è la sostanza psicoattiva più consumata al mondo, contenuta in diverse piante come caffè, cacao, tè, cola, guaranà e mate.


Quanta caffeina (e caffè) al giorno?

La quantità di caffeina considerata sicura dipende dalle condizioni patologiche e fisiologiche del soggetto, ma anche dalla tollerabilità individuale.

 


Pasta di legumi: utile solo per la celiachia

La pasta di legumi è utile solo in caso di patologie che richiedano l'eliminazione del glutine dalla dieta, per diverse ragioni che vedremo in questo articolo.


Prosciutto cotto senza conservanti (nitriti)

Il prosciutto cotto senza conservanti (nitriti) si sta oggi diffondendo grazie a nuove tecniche non sempre rese note dalle aziende produttrici.


Gli alimenti trasformati o processati: la classificazione NOVA

I cibi processati o trasformati sono classificati secondo la classificazione NOVA che li distingue in base al tipo di processo di produzione a cui sono sottoposti.


Arachidi

Le arachidi, una specie di leguminose tipica dei Paesi sudamericani.