Baci di dama

I baci di dama sono dei biscottini di forma sferica inframezzati da un ripieno di cioccolata, come fossero dei piccoli paninetti, e sono originari del Piemonte, in particolare della zona di Tortona dove nacquero a fine Ottocento. Oggi i "baci di dama di Tortona" appartengono alla lista dei prodotti agroalimentari tradizionali della regione Piemonte.

 

 

Il loro nome, baci di dama, deriverebbe probabilmente dalla forma composta da due semisfere che si congiungono proprio come due bocche in un bacio.

La ricetta originale tortonese dei baci di dama prevede l'uso delle mandorle, anche se nel limitrofo cuneese venivano prodotti con le nocciole delle Langhe, frutta più economica e meno sofisticata delle mandorle, che all'epoca aveva dei costi elevatissimi.

Una versione dei baci di dama più recente, di origine ligure, invece, aggiunge il cacao anche all'impasto della frolla, creando così dei baci di dama neri. 

Ricetta dei baci di dama

Baci dama

Sono numerose le varianti dei baci di dama, c'è chi aggiunge la scorza di arancia, chi li farcisce con la marmellata, chi usa il cacao nell'impasto etc... Quella che propongo vuole essere una ricetta il più possibile fedele a quella originale tortonese, quindi con le mandorle, anche  se possono essere sostituite tranquillamente dalle nocciole, secondo i gusti. Il procedimento è molto semplice e veloce.

Ingredienti per circa 40 baci di dama

  • 200 g di farina per dolci
  • 200 g di mandorle tritate
  • 200 g di zucchero
  • 200 g di burro
  • 1 tavoletta di cioccolato fondente (60-70%)
  • zucchero a  velo q.b.

Procedimento

 

 

Far ammorbidire il burro a bagnomaria. In una ciotola capiente unire tutti gli ingredienti (tranne il cioccolato) ed amalgamarli bene con le mani o, in alternativa, usare un'impastatrice. Quando l'impasto sarà omogeneo avvolgerlo in un panno umido e lasciarlo riposare per almeno 2 ore in luogo fresco o in frigorifero.

Quindi formare delle piccole palline (del diametro di una moneta) e appiattirle da un lato con l'aiuto di una spatola. Appoggiarle su una teglia imburrata o ricoperta di carta da forno dal lato più piatto e infornarle a 150°C per circa 15 minuti. Una volta tolte dal forno lasciarle raffreddare.

Nel frattempo sciogliere il cioccolato fondente a bagnomaria e quando sarà liquido versarne una goccia su ogni lato piatto dei biscottini, quindi unire due semisfere tra di loro facendo aderire bene i bordi. Attenzione a dosare bene il cioccolato, se se ne mette troppo si rischia che strabordi tutto, se se ne mette troppo poco i baci di dama risulteranno poco gustosi.

Infine appoggiare i biscotti su un vassoio e spolverarli con dello zucchero a velo.

 

- Consiglia questo articolo su Google

 

 

 

Ultimi articoli sezione: Alimentazione


Cibi ultra-processati: fanno davvero male?

I cibi ultra-processati sono definiti dalla classificazione NOVA che ne sconsiglia il consumo, appoggiata da diversi paesi. Rimane da capire come sostituirli in modo efficace.


Caffeina

La caffeina è la sostanza psicoattiva più consumata al mondo, contenuta in diverse piante come caffè, cacao, tè, cola, guaranà e mate.


Quanta caffeina (e caffè) al giorno?

La quantità di caffeina considerata sicura dipende dalle condizioni patologiche e fisiologiche del soggetto, ma anche dalla tollerabilità individuale.


Pasta di legumi: utile solo per la celiachia

La pasta di legumi è utile solo in caso di patologie che richiedano l'eliminazione del glutine dalla dieta, per diverse ragioni che vedremo in questo articolo.

 


Prosciutto cotto senza conservanti (nitriti)

Il prosciutto cotto senza conservanti (nitriti) si sta oggi diffondendo grazie a nuove tecniche non sempre rese note dalle aziende produttrici.


Gli alimenti trasformati o processati: la classificazione NOVA

I cibi processati o trasformati sono classificati secondo la classificazione NOVA che li distingue in base al tipo di processo di produzione a cui sono sottoposti.


Arachidi

Le arachidi, una specie di leguminose tipica dei Paesi sudamericani.


Cosa mangiare durante lo sport

Troppi atleti mangiano a sproposito durante gli allenamenti. In realtà dovrebbe mangiare solo chi fa allenamenti molto lunghi.

Accedi ai servizi gratuiti

Se sei già registrato, clicca qui per accedere ai servizi gratuiti:

  • Database Alimenti
  • Calcola Ricetta
  • Slot Machine

Altrimenti, clicca qui per registrarti gratuitamente.