Quaglia

La quaglia è un uccello appartenente alla famiglia delle Phasianidae, il cui nome scientifico è Coturnix coturnix, diffusa principalmente in Europa e in Nord Africa. Esiste anche la Coturnix japonica, la quaglia giapponese che è poi quella che viene maggiormente commercializzata nelle nostre zone.

 

 

La quaglia è un piccolo uccello commestibile, appartenente alla categoria della cacciagione da piuma (carne cosiddetta nera), ma in realtà è più conosciuta per le sue uova, piccolissime e saporite, che per le sue carni.

La quaglia si presenta in natura come un uccello dalla forma rotondeggiante, dal manto striato bianco, marrone e nero, delle dimensioni di circa 18-20 cm e del peso variabile tra 90 e 130 grammi.

Non è particolarmente accentuato il suo dimorfismo sessuale: il maschio, infatti, ha il mento e la fronte bianchi (nella foto è l'esemplare in alto). 

La quaglia è una specie terrestre, non particolarmente idonea al volo, si nutre di insetti e semi ed è una specie migratoria che predilige passare gli inverni al Sud.

Oltre ad essere frequentemente cacciata, dato che non appartiene alle specie protette o in via di estinzione, la quaglia viene anche allevata, soprattutto, come accennato, quella giapponese, di dimensioni leggermente inferiori rispetto a quella europea selvatica, poichè si riproduce molto più facilmente.

La quaglia in cucina

Quaglia carne

La carne di quaglia è ricca di proteine e povera di lipidi, quindi è particolarmente adatta ai vincoli della Cucina Sì, a patto di non eccedere con i condimenti. 

Nonostante sia considerata carne nera come la selvaggina, la quaglia non necessita di frollatura nè di marinature prolungate prima della cottura.

Può essere preparata in vari modi: stufata, al cartoccio, arrosto, ripiena, in padella, può inoltre arricchire risotti e primi piatti.

Non ha bisogno di lunghi tempi di cottura e rimane tenera e delicata.

 

 

L'unico neo potrebbe essere il fatto che le sue carni risultano un po' asciutte ma non stoppose, per questo si cerca sempre nelle ricette di renderle più umide aggiungendo qualche grasso, olio o pancetta.

In molte zone dell'Italia, la quaglia è una carne che viene consumata durante il periodo pasquale. 

Uova di quaglia

Le uova di quaglia sono facilmente distinguibili sia per le loro dimensioni ridotte (10-15 g, circa 1/4 - 1/5 rispetto alle uova di gallina) sia per la tipica marezzatura del guscio.

Di solito vengono preparate sode, tenendo conto che i tempi di cottura saranno molto più brevi rispetto a quelli delle classiche uova (2 minuti con acqua in ebollizione possono bastare). Una volta sode si presentano tali e quali alle altre uova con l'albume bianco e il tuorlo giallo-aranciato.

Sono utilizzate anche per preparare frittate o tortini, mentre è più difficile cucinarle alla coque o affogate.

 

 

 

Ultimi articoli sezione: Alimentazione

Polli allevati a terra o all'aperto: quali sono le differenze?

L'allevamento dei polli a terra o all'aperto presenta notevoli differenze, sia per quanto riguarda le modalità, sia per la salubrità degli alimenti prodotti.

Meduse in cucina

Le meduse in cucina: una novità per noi Occidentali, entrate a far parte dell'elenco dei "novel foods", ma una tradizione in Asia.

Fitoplancton come alimento

Il fitoplancton marino: l'alimento del futuro, il cibo che più sta destando curiosità tra i grandi chef.

Dieta per le gengive infiammate

La dieta per le gengive infiammate consiste in cibi e nutrienti che possono prevenire e rallentare l'infiammazione, bisogna inoltre evitare alcuni alimenti.

 

Caffè espresso

Caffè espresso: la preparazione del classico caffè italiano con la macchina da caffè espresso

Storia del caffè in Italia: tra leggenda e reali innovazioni

Il caffè è diventato simbolo di un'abitudine tutta italiana ma la sua origine è in Oriente. Nel corso del tempo è diventato simbolo di socialità ma la sua diffusione ha avuto ostacoli.

Riso

Il riso è il cereale più diffuso al mondo e originario dell'Asia.

Mindful eating: alimentarsi in ottica mindfulness

Negli ultimi anni si è assistito a un crescente interesse per mindfulness, una pratica che sarebbe alquanto riduttivo definire in poche parole.