Ventricina abruzzese e ventricina di Guilmi

La ventricina è un salume "povero" molto speziato prodotto esclusivamente nelle regioni di Abruzzo e Molise, in particolare nell'entroterra di Vasto dove si è affermata per fama, più che per caratteristiche organolettiche peculiari, la ventricina di Guilmi, un comune di meno di 500 abitanti in cui l'economia più fiorente è proprio quella legata all'allevamento di suini e alla produzione di salumi e in cui un'industria salumiera ha immesso sul mercato nazionale un tipo di ventricina, denominata appunto "di Guilmi", aumentandone così la fama.

 

 

In realtà la ventricina di Guilmi non è molto diversa da quella abruzzese, perchè tutti i produttori di ventricina del Vastese, sia industriali che artigianali, devono seguire un disciplinare relativamente rigido, non è certo dettagliato come quello per le DOP o IGP, ma è molto severo soprattutto nel proibire l'uso di additivi o conservanti al di fuori delle spezie e nel consentire un massimo del 5% di parte grassa sul totale dell'impasto. La ventricina, quindi, risulta un salume salubre, di qualità, naturale e molto più magro dei salumi comuni.

Non a caso sia nel 2009 che nel 2011 la ventricina del vastese ha vinto il Campionato Italiano dei Salami.

Ventricina

Origine e produzione della ventricina

In origine la ventricina veniva prodotta con gli scarti del maiale, era infatti totalmente a base di guanciale, e veniva insaccata nello stomaco del maiale, da cui il nome, da ventre = ventricina. Oggi, per aumentarne l'appetibilità, i salumifici e gli artigiani produttori di ventricina l'hanno resa più magra utilizzando anche coppa, filetto, lonza e altre parti magre del suino. Le carni vengono tagliate al coltello, manualmente e in maniera grossolana, in tranci da circa 50-100 grammi, in modo da lasciar intravedere i diversi pezzi anche a salume finito. Per aromatizzare la ventricina si usano, oltre il sale che funge da conservante, molte spezie: principalmente il peperoncino sia dolce che piccante, ma anche pepe nero, pepe bianco, rosmarino, scorza d'arancia, fiori di finocchio e aglio. La ventricina può quindi essere più o meno piccante, a seconda del grado di piccantezza del misto di peperoncini utilizzato.

 

 

Le carni vengono lasciate ad insaporire con il misto di aromi per almeno 24 ore, poi vengono insaccate nella vescica di maiale intervallate da pezzi di grasso . Segue poi la maturazione di circa 15 giorni, e poi la stagionatura, secondo il disciplinare del Vastese di almeno 100 giorni, ma che si può prolungare anche per oltre un anno. 

Preparazione del trito di peperoncini

Una discussione a parte merita la preparazione del trito di peperoncini che vengono accuratamente selezionati freschi, della qualità "corno", sia dolci che piccanti, poi fatti essiccare in un forno a legna a bassa temperatura e infine pestati nel mortaio in modo da polverizzarli. Il sapore di questo trito di peperoncini ricorda un po' quello della più esotica paprika, nè troppo dolce, nè troppo piccante.

Caratteristiche organolettiche della ventricina

La ventricina del vastese, compresa quella di Guilmi, si presenta come un insaccato di forma conica piramidale (più largo alla base e più appuntito in alto), dato che viene insaccata nella vescica e non in un budello, ma in altre zone, specialmente in Molise, può assumere anche la classica forma del salame, allungata e stretta, in quanto viene insaccata nel classico budello.

Il colore è aranciato, per via della presenza del peperoncino, e a prima vista si possono distinguere bene i pezzi di carne magra o grassa presenti nell'impasto. Tradizionalmente la ventricina veniva mangiata al cucchiaio, scavandola dentro per poter scegliere quale pezzo mangiare, ma si può consumare anche a fette come qualsiasi altro salume.

Il sapore e l'odore sono irresistibili, delicati ma speziati, dolci e saporiti al tempo stesso. Si abbina egregiamente al pomodoro maturo.

 

- Consiglia questo articolo su Google

 

 

 

Ultimi articoli sezione: Alimentazione


Cookie dough: l'impasto per biscotti goloso e crudo

Il cookie dough è un impasto per biscotti che si consuma crudo. Per questo motivo si prepara in genere senza uova. Ne esistono di diverse versioni con diversi gusti.


Acqua riciclata: come, perché e usi pratici

L'acqua riciclata può essere realizzata a partire dall'acqua piovana anche a livello casalingo attraverso impianti specifici; essi non hanno costi elevati.


Pizza con kiwi: l'erede della pizza hawaiana

La pizza con i kiwi è stata di recente proposta da uno chef svedese, che ha ricevuto per questo anche diversi insulti per aver fatto un'offesa alla tradizione culinaria italiana.


Pizza con ananas: gusto, ricetta e variante gourmet

La pizza all'ananas è una variante nata in Canada ma molto diffusa in America. Il gusto è soggettivo: molti la apprezzano, altri la ritengono inaccettabile.

 


Kombucha: benifici e come si prepara

Il kombicha è una coltura simbionte di lieviti e batteri che viene usato per la preparazione di un tè che i microrganismi fermentano. I suoi benefici sono ancora in dubbio.


Cannucce commestibili: alternativa amica dell'ambiente

Le cannucce commestibili sono una valida alternativa a quelle di plastica, di cui consentono di ridurne l'uso. Sono state realizzate con diversi alimenti fra cui mais, zucchero e alghe.


Amido resistente

L'amido resistente è composto da quella parte di amido che resiste al processo di digestione (idrolisi) da parte degli enzimi digestivi dell'intestino tenue.


Carne vegetale: sembra carne ma non lo è

La carne vegetale, poco nota in Italia, è un preparato di origine vegetale che ha sapore, gusto e consistenza simili a quello della carne da allevamento.