Mariola, salame della bassa parmense

La mariola è un prodotto tipico della tradizione salumiera dell'Emilia Romagna, in particolare delle province di Parma e Piacenza. Un tipo di mariola viene prodotta anche in Lombardia in provincia di Cremona ma qui assume il nome di ciota, dal nome dell'intestino cieco del maiale nel quale viene insaccata. La mariola si presenta come un grosso salame tozzo, di forma sferica, ma si divide in due tipologie in base al tipo di carni suine usate e al suo consumo:

 

 

  • Mariola da consumare cotta: era la mariola dei poveri, ottenuta dalla cotenna e dagli scarti del maiale. Molto simile al cotechino modenese, va consumata previa bollitura (circa 3 ore) e accompagnata da purè di patate o lenticchie. Non è un salume pregiato, prodotto per lo più industrialmente e molto grasso, quindi non ci dilungheremo sulla sua lavorazione
  • Mariola da consumare cruda: era la mariola dei ricchi, quella ottenuta dalle parti nobili del maiale e sottoposta ad una lunghissima stagionatura. Essendo di difficile lavorazione, oggi la mariola cruda è molto rara, prodotta da pochissimi artigiani della zona parmense e piacentina, e per questo tutelata e valorizzata dal presidio Slow Food

Produzione e caratteristiche della mariola cruda presidio slow food

Mariola

La mariola tutelata da slow food è solo quella prodotta ancora come una volta, con una materia prima di qualità e una lavorazione artigianale, senza l'aggiunta di conservanti. Si scelgono le carni magre dei suini di razze locali (Nera Parmigiana, Mora Romagnola e Borghigiana), quali la spalla e lo stinco e le si triturano insieme alla cotenna sminuzzata. L'impasto viene aromatizzato con sale, aglio, pepe nero e vino bianco e poi insaccato nella mariola, l'intestino cieco del maiale, fino a formare una grossa palla irregolare. L'intestino cieco del maiale ha anche la particolarità di possedere delle pareti doppie e molto resistenti, all'interno delle quali, tra uno strato e l'altro, solitamente si sedimenta del grasso che conferisce alla mariola un gusto e un profumo davvero particolari. Segue una lunghissima stagionatura, di almeno un anno, la più lunga stagionatura di un insaccato di tutta la Pianura Padana, che permette alla mariola di far maturare le carni in tutta la superficie e mantenerle morbide all'interno.

 

 

La mariola ha un sapore molto aromatico, deciso ed elegante. Tradizionalmente veniva mangiata durante le festività natalizie dell'anno successivo al quale era stato macellato il maiale. 

 

- Consiglia questo articolo su Google

 

 

 

Ultimi articoli sezione: Alimentazione


Budelli per salumi: tipologie, proprietà, preparazione all'uso

I budelli per salumi sono di diverse tipologie, con pro e contro che vanno valutati a seconda del risultato desiderato.


Luganega trentina, veneta e lombarda

La luganega è un salume tipico del Nord Italia, in particolare delle regioni Trentino, Veneto e Lombardia, dove viene chiamata anche luganiga o luganica.


Cotechino

Il cotechino: il tipico salume che si consuma nel periodo natalizio con le lenticchie.


Salame

Salame: il tipico salume di carne macinata stagionato diversi mesi.

 


Uova di struzzo: valori nutrizionali, storia e curiosità

Le uova di struzzo sono le uova di uccello più grandi esistenti. Vengono usate sia a scopo decorativo che in cucina.


Uova di oca: proprietà e differenze con le altre uova

Le uova di oca sono più grandi di quelle di gallina e presentano delle differenze anche per quanto riguarda i valori nutrizionali.


Olio di crusca di riso: i reali benefici (pochi)

L'olio di crusca di riso ha diverse proprietà benefiche molte delle quali ancora da confermare.


Wet market: cosa sono e cosa provocano

I wet markets sono mercati in cui vengono venduti animali spesso ancora vivi e che vengono macellati al momento dell'acquisto.