Braciola di maiale

La braciola di maiale è un taglio di carne suina, tra i più conosciuti.

 

 

Anatomia della braciola di maiale

Le braciole sono ricavate dalla lombata, cioè dalla schiena del suino, per la parte che va dal capocollo fino allo scamone (o fondello), cioè fino all'inizio della coscia.

Caratteristiche della braciola di maiale

Le braciole di maiale sono bistecche, cioè fette di carne tagliate con spessore variabile (generalmente di un paio di cm), che hanno la caratteristica fondamentale di avere l'osso, costituito dalle vertebre dell'animale. In pratica, le braciole sono l'equivalente delle fiorentine e delle costate ricavate dai bovini.

Le braciole si possono differenziare in tre categorie: le braciole con filetto (o braciole di lombo), situate nella parte posteriore del suino, hanno una parte di lombo e una parte di filetto, separate dall'osso; le braciole di costa, situate nella parte centrale della lombata, senza filetto; e le braciole di costa a due colori, situate in prossimità del capocollo, presentano nella parte esterna zone di colore più scuro, costituite da fasce muscolari che non si trovano nelle altre due braciole descritte.

Fesa

Calorie della braciola di maiale

La braciola di maiale è una carne magra. Ha un contenuto di grasso variabile dal 4 al 7%, con una densità calorica intorno alle 100-120 kcal/hg. La maggior parte del grasso della braciola di maiale è visibile, e quindi eliminabile, mentre il grasso di marezzatura è in genere molto limitato, salvo che nei maiali di razze particolari (come il suino iberico o il Gran Suino Padano).

Utilizzo della braciola di maiale

Come suggerisce il nome, la braciola è adatta ad una cottura alla griglia, oppure in padella, fatta per pochi minuti per lato, finché non si raggiunge una cottura completa. La carne non deve essere al sangue, ma al limite leggermente rosata, per evitare il rischio di non eliminare tutti i batteri e i parassiti potenzialmente presenti nella carne di maiale).

 

 

La braciola di maiale può anche essere impanata, oppure cotta in umido, con intingoli o sughetti vari, facendo attenzione a non rendere oltremodo stopposa la carne del lombo con una cottura troppo prolungata.

Ritengo che la braciola di maiale sia il modo più interessante per valorizzare il lombo di maiale, un taglio piuttosto magro e stopposo. La presenza dell'osso, con le fasce muscolari e il grasso adiacenti, mantengono la parte centrale più morbida e gustosa, rendendo la braciola nel complesso una bistecca gustosa, facilissima da preparare, e molto economica.

 

- Consiglia questo articolo su Google

 

 

 

Ultimi articoli sezione: Alimentazione


Luganega trentina, veneta e lombarda

La luganega è un salume tipico del Nord Italia, in particolare delle regioni Trentino, Veneto e Lombardia, dove viene chiamata anche luganiga o luganica.


Cotechino

Il cotechino: il tipico salume che si consuma nel periodo natalizio con le lenticchie.


Salame

Salame: il tipico salume di carne macinata stagionato diversi mesi.


Uova di struzzo: valori nutrizionali, storia e curiosità

Le uova di struzzo sono le uova di uccello più grandi esistenti. Vengono usate sia a scopo decorativo che in cucina.

 


Uova di oca: proprietà e differenze con le altre uova

Le uova di oca sono più grandi di quelle di gallina e presentano delle differenze anche per quanto riguarda i valori nutrizionali.


Olio di crusca di riso: i reali benefici (pochi)

L'olio di crusca di riso ha diverse proprietà benefiche molte delle quali ancora da confermare.


Wet market: cosa sono e cosa provocano

I wet markets sono mercati in cui vengono venduti animali spesso ancora vivi e che vengono macellati al momento dell'acquisto.


Formaggini: una storia di pubblicità efficace

I formaggini hanno visto il loro picco d'uso negli anni del boom economico del dopo guerra, grazie ad una pubblicità di sicuro effetto.