Filetto di maiale

Il filetto di maiale è un taglio di carne suina tra i più conosciuti, in vendita in tutti i supermercati e nelle macellerie.

 

 

Anatomia del filetto di maiale

Il filetto di maiale si trova nella lombata, nella parte posteriore. Confina con lo scamone nella sua parte posteriore, chiamata testa, e con le ultime vertebre dorsali con la parte anteriore, più sottile, chiamata coda.

È composto da quattro muscoli: il grande psoas (Psoas major); il piccolo psoas (Psoas minor), il quadrato dei lombi (Quadratus lomborum) e l'iliaco laterale (Iliacus).

Caratteristiche del filetto di maiale

Il filetto di maiale, come quello di vitellone, è il taglio in assoluto più tenero, ed è anche quello più costoso, con un prezzo che varia tra i 10 e i 15 euro al kg. Tuttavia, il filetto di maiale è molto più piccolo di quello bovino, e quindi ha un pregio molto inferiore, perché non si possono fare le preparazioni tipiche che si eseguono con il filetto di vitellone. Per esempio, col filetto di maiale non si possono fare le bistecche, perché ha una sezione troppo piccola.

Filetto di maiale

Calorie del filetto di maiale

Il filetto di maiale è un taglio magro: dipendentemente dalle caratteristiche dell'animale, ha un contenuto di grasso variabile dall'1 al 4%, con una densità calorica intorno alle 100-120 kcal/hg.

Utilizzo del filetto di maiale

Il filetto di maiale può essere lasciato nelle braciole con filetto, oppure venduto tal quale. Viene spesso venduto intero, perché pesa pochi etti, in media 400 g per un filetto intero (ogni maiale ne possiede due).

 

 

Il filetto di maiale ha un gusto delicato e contiene poco grasso. La sua tenerezza non è paragonabile a quella del filetto di vitellone, e dunque non ha nemmeno questo vantaggio nei confronti degli altri tagli di maiale, anche perché non è opportuno lasciarlo al sangue, ma andrebbe cotto almeno a 70 gradi, per garantire l'assenza di batteri e parassiti potenzialmente pericolosi.

Di conseguenza, il filetto non è preferibile ad altri tagli, decisamente più gustosi perché più grassi, come il capocollo o la polpa di prosciutto (soprattutto lo scamone, una parte della coscia).

Il filetto di maiale è interessante per alcune preparazioni in cui viene aromatizzato e cotto intero, e poi scaloppato; oppure arricchito in grasso avvolgendolo di pancetta o di rete di maiale; o ancora meglio, quando viene lasciato insieme alle braciole, dove benefica della presenza dell'osso per rimanere più tenero e gustoso.

Il filetto di maiale all'estero

Ecco come viene chiamato il filetto di maiale all'estero.

Francia: Filet de porc

Paesi alglosassoni: Pork tenderloin

Germania: Schweinefilet

Spagna: Solomillo de cerdo

 

 

 

Ultimi articoli sezione: Alimentazione

Polli allevati a terra o all'aperto: quali sono le differenze?

L'allevamento dei polli a terra o all'aperto presenta notevoli differenze, sia per quanto riguarda le modalità, sia per la salubrità degli alimenti prodotti.

Meduse in cucina

Le meduse in cucina: una novità per noi Occidentali, entrate a far parte dell'elenco dei "novel foods", ma una tradizione in Asia.

Fitoplancton come alimento

Il fitoplancton marino: l'alimento del futuro, il cibo che più sta destando curiosità tra i grandi chef.

Dieta per le gengive infiammate

La dieta per le gengive infiammate consiste in cibi e nutrienti che possono prevenire e rallentare l'infiammazione, bisogna inoltre evitare alcuni alimenti.

 

Caffè espresso

Caffè espresso: la preparazione del classico caffè italiano con la macchina da caffè espresso

Storia del caffè in Italia: tra leggenda e reali innovazioni

Il caffè è diventato simbolo di un'abitudine tutta italiana ma la sua origine è in Oriente. Nel corso del tempo è diventato simbolo di socialità ma la sua diffusione ha avuto ostacoli.

Riso

Il riso è il cereale più diffuso al mondo e originario dell'Asia.

Mindful eating: alimentarsi in ottica mindfulness

Negli ultimi anni si è assistito a un crescente interesse per mindfulness, una pratica che sarebbe alquanto riduttivo definire in poche parole.