Aranciata

L'aranciata è un soft drink, una bevanda analcolica frizzante al gusto di arancia, spesso realizzata con additivi chimici, e commercializzata sia in lattina da 33 cl che in bottiglietta.

 

 

Secondo il disciplinare europeo l'aranciata deve contenere almeno un 12% di succo e polpa d'arancia, un limite davvero molto basso.

L'aranciata è una bevanda famosa in tutto il mondo, dove è conosciuta con vari nomi e dove viene prodotta da varie aziende, delle quali sicuramente la più conosciuta e diffusa è la Fanta, quella prodotta dalla Coca-Cola Company, e diffusa in 190 Paesi, tra cui il principale consumatore è il Brasile.

Le aranciate più famose in Italia sono, oltre alla Fanta, quella della San Pellegrino e l'Oransoda, oggi commercializzata da Campari. Recentemente sono nate aranciate prodotte da altre aziende italiane, più piccole e spesso artigianali e/o biologiche, come Ecor, Paoletti e Abbondio.

Nella scelta di un'aranciata bisognerebbe leggere gli ingredienti e puntare su quelle che:

  • non contengono conservanti (come il sorbato di potassio);
  • non contengono aromi chimici.

Ecor, Fanta e Abbondio soddisfano tutti questi requisiti.

Bisogna comunque considerare il fatto che queste bevande andrebbero bevute molto sporadicamente... E che gli ingredienti da evitare tutto sommato sono innocui, quindi alla fine anche solo il gusto personale può essere una discriminante accettabile.

San Pellegrino produce tre tipi di aranciata, la classica, la dolce e l'amara, realizzata quest'ultima con le arance amare che gli donano il tipico gusto che la San Pellegrino definì "adulto" negli spot degli esordi di questo prodotto. La Fanta ne commercializza anche un tipo ottenuta da arance rosse.

Storia dell'aranciata

 

 

Aranciata

L'aranciata (come bibita gassata) fu inventata durante la Seconda Guerra Mondiale quando i regimi fascisti di Italia e Germania proibirono ogni importazione dall'estero, in particolare dai Paesi anglosassoni. La Coca-Cola, che fino a quel momento aveva avuto un'importante fetta di mercato in Europa, decise di creare un nuovo marchio prodotto direttamente in loco, e fu così che l'imprenditore tedesco Max Kleith, il responsabile degli stabilimenti della Coca-Cola Company in Germania, ideò la ricetta della Fanta, prodotta utilizzando proteine del siero del latte ottenute dagli scarti di lavorazione del formaggio; e le fibre ottenute dai residui di lavorazione del sidro di mele.

Alla fine della guerra, Kleith cedette la ricetta della Fanta e tutto il business a Coca-Cola Company.

Una storia analoga avvenne in Italia, quando nel 1932 la San Pellegrino lanciò la prima aranciata italiana.

 

- Consiglia questo articolo su Google

 

 

 

Ultimi articoli sezione: Alimentazione


Budelli per salumi: tipologie, proprietà, preparazione all'uso

I budelli per salumi sono di diverse tipologie, con pro e contro che vanno valutati a seconda del risultato desiderato.


Luganega trentina, veneta e lombarda

La luganega è un salume tipico del Nord Italia, in particolare delle regioni Trentino, Veneto e Lombardia, dove viene chiamata anche luganiga o luganica.


Cotechino

Il cotechino: il tipico salume che si consuma nel periodo natalizio con le lenticchie.


Salame

Salame: il tipico salume di carne macinata stagionato diversi mesi.

 


Uova di struzzo: valori nutrizionali, storia e curiosità

Le uova di struzzo sono le uova di uccello più grandi esistenti. Vengono usate sia a scopo decorativo che in cucina.


Uova di oca: proprietà e differenze con le altre uova

Le uova di oca sono più grandi di quelle di gallina e presentano delle differenze anche per quanto riguarda i valori nutrizionali.


Olio di crusca di riso: i reali benefici (pochi)

L'olio di crusca di riso ha diverse proprietà benefiche molte delle quali ancora da confermare.


Wet market: cosa sono e cosa provocano

I wet markets sono mercati in cui vengono venduti animali spesso ancora vivi e che vengono macellati al momento dell'acquisto.