Stomaco da leoni o da formiche?

Indice delle risposte pubblicate

Qualcuno vuole convincermi che chi mangia tanto ha lo stomaco più grande di chi mangia meno. E' vero?

 

 

Da un certo punto di vista, è sicuramente vero. Lo stomaco a digiuno ha una capacità, mediamente, di 0,5 l, ma si può dilatare fino a contenerne 4. Se ci pensiamo, un soggetto dotato di un grande appetito può mangiare più di 1 kg di cibo e bere qualche centinaio di ml di liquidi senza grossi problemi, tale quantità di cibo può arrivare anche a 2 kg e oltre durante una abbuffata, e questo sempre senza causare problemi di salute a breve termine, cioè malori dovuti a una eccessiva dilatazione dello stomaco.

Le persone che sono abituate a mangiare poco avranno uno stomaco che non viene mai dilatato in modo da avvicinarsi ai limiti fisiologici: tali soggetti avranno difficoltà ad ingerire notevoli quantità di cibo, poiché il loro stomaco non è abituato a dilatarsi oltre certi limiti. Al contrario, chi è abituato a mangiare molto avrà lo stomaco mediamente più dilatato, la sensazione di pienezza dovuta alla dilatazione dello stomaco giungerà più tardi e quindi sarà portato a saziarsi con una quantità di cibo maggiore di chi, invece, è abituato a mangiare poco.

Se invece mi parli di grandezza assoluta dello stomaco, cioè mi stai chiedendo se la causa del mangiare tanto è dovuta a una diversa grandezza dello stomaco, posso dirti che questo è senz'altro vero se prendiamo in considerazione soggetti di altezza diversa... Cioè la grandezza dello stomaco è relazionata con la grandezza del soggetto, e questo è un ovvio adattamento dell'organismo a una maggior richiesta di energia: un soggetto più alto consuma di più e di conseguenza deve mangiare di più di un soggetto più basso.

 

 

Se invece mi chiedi se due soggetti che hanno la stessa altezza possono avere stomaci di dimensione diversa, e se questo causi un appetito differente, non so risponderti. Probabilmente, esistono variabilità individuali che possono causare un differente appetito, dipendentemente dalla grandezza dello stomaco, ma queste variabilità non sono certamente tali da generare uno squilibrio tra calorie assunte e consumate che possa determinare uno stato di sovrappeso, per esempio. Le cause genetiche che portano ad assumere troppo cibo sono in genere legate agli ormoni che regolano l'appetito... Sono cioè cause chimiche, non fisiche. 

 

- Consiglia questo articolo su Google

 

 

 

Ultimi articoli sezione: Posta dei visitatori


Perseverare è diabolico

Ho un dubbio che mi turba da molto tempo, sono un ragazzo che ha fatto parecchie volte diete drastiche con risultati ottimi in breve tempo...


Il calcolo della massa grassa

Mi chiedevo come sia possibile che una semplice bilancia misuri anche il metabolismo, la massa grassa, magra ecc...


La dieta Lemme: geniale o banale?

Dieta Lemme: la dieta del farmacista di Desio basata su spaghetti insipidi a colazione.


Eritritolo: un nuovo dolcificante

Ho trovato un prodotto che mi ha incuriosita, il Lakanto, un dolcificante usato e proveniente dal Giappone...

 


Uova a colazione

Uova a colazione: per tutta la vita ho trovato disgustosa la colazione all'italiana fatta di marmellate, cornetti, latte ecc...


Alimentazione e sport serale

Che tipo di cena potrebbe fare per poter avere una "veloce" digestione dopo lo sport serale?


Facciamo confusione...

Come se già non ce ne fosse abbastanza. E poi ci si lamenta se crescono i problemi dovuti al rapporto tra la persona e il proprio peso.


Qualità del gelato

Ultimamente faccio caso alla tabella degli ingredienti ormai presente in molte gelaterie artigianali...