Iniziare la dieta: il blocco psicologico

Indice delle risposte pubblicate

Salve, mentre facevo delle ricerche sul web, con le parole chiave in oggetto, ho trovato il vostro sito e, trovandolo interessante, l'ho salvato tra i preferiti. Ho letto con molta attenzione i vantaggi di chi fa sport, ho praticato calcio a livello semiprofessionistico! Adesso ho 37 anni, sono alto 180 cm e peso circa 90 kg. Vivo un problema psicologico dal duplice aspetto: il primo riguarda il fatto che guardandomi allo specchio non accetto di vedermi con questa pancia; il secondo dipende dal fatto che non faccio nulla per cambiare stile di vita. Il mio è un blocco psicologico che mi impedisce di prendere decisioni, e così continuo ad ingozzarmi quotidinamente, rimandando ogni giorno l'inizio di una seria attività fisica e di un'alimentazione più corretta. Il problema è assolutamente psicologico, non riesco a far scattare la molla che mi faccia decidere. Cosa posso fare? Avete un consiglio da darmi? Ve ne sarei davvero grato...

 

 

Dieta: il blocco psicologico

Il successo di qualunque dieta, come spiego in modo dettagliato nell'articolo "dieta: quando funziona", non dipende da combinazioni miracolose di alimenti o da chissà quali meccanismi metabolici, ma nella maggioranza dei casi è una questione di motivazione e di costanza. Inizialmente occorre una forte motivazione per iniziare, quindi il primo problema è trovarla. Il secondo passo è quello di mantenerla sufficientemente alta nel tempo (costanza), cosa senz'altro più difficile della prima.

 

 

Per superare il primo ostacolo ci sono diverse strategie... La prima è quella di capire perché è così difficile iniziare la dieta. Molto semplice: l'uomo è un animale pigro, che tende ad assumere abitudini e a mantenerle il più a lungo possibile. Le abitudini sono comode perché consentono all'uomo di vivere in automatico, con routine assodate, senza doversi adattare in continuazione a nuove situazioni. Cambiare abitudini è faticoso, per questo c'è qualcosa dentro di te che lotta contro la tua volontà di cambiare.

Per farlo devi prendere il coraggio a due mani e metterti nelle condizioni di cambiare. Le strategie sono tante, scegline una e agisci. L'importante è fare una mossa che ti costringa ad iniziare, per esempio elimina dalla dispensa tutto il cibo che non puoi mangiare, oppure prometti a un tuo amico che non mangerai più certi alimenti per un mese (o che tra un mese sarai dimagrito 2 kg).

E soprattutto, cerca di non pensare in negativo (che palle, da domani non si può più mangiare nulla...), ma in positivo: da domani starò meglio, avrò più energia, imparerò a conoscere meglio il mio corpo, e una volta acquisite buone abitudini, non mi peserà più rinunciare alle abbuffate, anzi mi farà piacere perché quando mi abbufferò mi sentirò stanco...

 

- Consiglia questo articolo su Google

 

 

 

Ultimi articoli sezione: Posta dei visitatori


La dieta Lemme: geniale o banale?

Dieta Lemme: la dieta del farmacista di Desio basata su spaghetti insipidi a colazione.


Eritritolo: un nuovo dolcificante

Ho trovato un prodotto che mi ha incuriosita, il Lakanto, un dolcificante usato e proveniente dal Giappone...


Uova a colazione

Uova a colazione: per tutta la vita ho trovato disgustosa la colazione all'italiana fatta di marmellate, cornetti, latte ecc...


Alimentazione e sport serale

Che tipo di cena potrebbe fare per poter avere una "veloce" digestione dopo lo sport serale?

 


Facciamo confusione...

Come se già non ce ne fosse abbastanza. E poi ci si lamenta se crescono i problemi dovuti al rapporto tra la persona e il proprio peso.


Qualità del gelato

Ultimamente faccio caso alla tabella degli ingredienti ormai presente in molte gelaterie artigianali...


Alimentazione per crescita muscolare

La giusta alimentazione per la crescita muscolare senza incappare in pregiudizi alimentari.


Il miele fa bene... Ma non per la tosse!

Salve ho letto il vostro articolo e sono andata anche nel sito dell'istituto nazionale apicoltura, che avevate sottolineato...