Pasta risottata con i cannolicchi

La pasta con i cannolicchi è un primo piatto di pesce tipico della cucina marinara delle coste italiane, non molto conosciuto a dir la verità, in quanto oscurato dalla fama della pasta alle vongole. A questo si aggiunge il fatto che i cannolicchi sono ormai una rarità nei banconi delle pescherie, veramente difficili da reperire, a differenza delle vongole, sia veraci sia lupini, che sono reperibili praticamente 365 giorni l'anno. 

 

 

La pasta con i cannolicchi viene proposta per lo più in bianco, semplicemente con olio, aglio e prezzemolo, ma ci possono essere anche versioni in rosso, con pomodoro fresco. 

I cannolicchi, chiamati anche cappelunghe o cannelli a seconda delle zone, sono dei molluschi bivalvi dalla forma rettagolare, stretti e allungati, che, come le vongole, vivono infossati nei fondali sabbiosi. Così come tutti gli altri molluschi bivalvi (cozze, vongole, ostriche...), devono essere immessi alla vendita vivi e vitali. A volte possono essere commercializzati anche già sgusciati e congelati, provenienti da altri mari, non italiani.

Una volta che li troviamo esposti in un bancone pescheria, vale la pena comprarli e provare questa ricetta che proponiamo, semplicissima e gustosa. 

Il formato ideale per la pasta con i cannolicchi sono gli spaghetti o le linguine, o anche dei tagliolini all'uovo, che si amalgamano bene, anche esteticamente, con questo mollusco di forma allungata.

 

 

I trucchi per un'ottima pasta ai cannolicchi

I cannolicchi vanno trattati come le vongole o le cozze. Quelli che compriamo vivi in pescheria sono già stati depurati e lavati, non necessitano di un ulteriore spurgo.

Si tratterà quindi di farli aprire cuocendoli al vapore, in una casseruola con coperchio per pochissimi minuti. Già solo visivamente ci renderemo conto di quando tutti i cannolicchi si saranno aperti (quelli che non si sono aperti vanno buttati poiché significa che erano morti, quindi non più sicuri dal punto di vista alimentare). Una volta apertisi, i cannolicchi vanno tenuti da parte in una ciotola, privati delle due valve, al limite se ne possono lasciare alcuni con una solo valva per garantire un effetto scenografico finale al piatto.

Anche l'acqua rilasciata dai cannelli dopo la cottura va tenuta da parte, opportunamente filtrata, perché molto saporita. Usando quest'acqua, non c'è bisogno di salare né i cannelli né l'acqua di cottura della pasta, dal momento che la quantità di cannolicchi prevista dalla nostra ricetta (1,5 kg per 4 persone) è sufficientemente sapida.

Il modo migliore di preparare questa ricetta è quello di risottare la pasta, usando come brodo di cottura proprio l'acqua rilasciata dai cannelli.

Ricetta della pasta ai cannolicchi

Spaghetti con cannolicchi cannelli

Autore:

Tempo di preparazione:

Tempo di cottura:

Tempo totale: 3

Ingredienti per 4 persone

  • 360 g di spaghetti (o linguine)
  • 1,5 kg di cannolicchi 
  • 8 cucchiai di olio extravergine di oliva
  • 150 g di vino bianco
  • 2 spicchi di aglio
  • pepe o peperoncino (facoltativi)
  • prezzemolo e timo
  • una piccola scorza di limone (facoltativa)

Preparazione

 

 

Sciacquare i cannolicchi e metterli in una casseruola con coperchio a fiamma media per farli aprire al vapore, per pochi minuti. Filtrare il liquido di cottura e tenerlo da parte, far raffreddare i cannolicchi e privarli delle valve (tranne alcuni che serviranno come decorazione, se piace) e della sacca nera piena di sabbia.

Tritare l'aglio e il peperoncino e preparare un soffritto in una padella con l'olio per pochissimi secondi (10 saranno sufficienti). Aggiungere anche la scorza di limone, che poi andrà eliminata. Sfumare con il vino e far evaporare per un minuto, quindi aggiungere il brodo dei cannolicchi e portare ad ebollizione.

Cuocere la pasta in poca acqua (meno di un litro è sufficiente) non salata per 3/4 minuti. Scolarla conservando l'acqua di cottura, mettere la pasta nella padella insieme al sugo. Far evaporare il brodo a fuoco alto, aggiungendo acqua di cottura della pasta, poca alla volta, se occorre. Quando la pasta è pronta, spegnere la fiamma quindi unire i cannollicchi, mescolare, spolverare con pepe nero macinato al mulinello, prezzemolo e timo tritati. Servire nei piatti con uno o due cannelli con guscio come guarnizione.

Informazioni nutrizionali per porzione

 

Energia

532 kcal - 2232 KJoule

 

Proteine ad alto VB 

5 g

Proteine

15 g - 11%

Carboidrati

72 g - 52%

Grassi

22 g - 37%

di cui

 

saturi

3.2 g

monoinsaturi

14.8 g

polinsaturi

2,7 g

Fibre

2 g

Colesterolo

17 mg

Sodio

32 mg

 

- Consiglia questo articolo su Google

 

 

 

Ultimi articoli sezione: Cucina


Ragù bolognese ricetta depositata e variante moderna

Ragù bolognese: uno dei sughi più famosi nel mondo. La ricetta depositata e la variante moderna, i tagli di carne e i segreti per prepararlo.


Angel cake

La Angel cake: può esistere davvero il cibo degli angeli? Provate questa torta sofficissima senza burro né uova.


Apple pie

La apple pie americana: la torta di Nonna Papera, un'icona pop nella gastronomia statunitense.


Anolini in brodo ricetta (con video)

Gli anolini: una pasta fresca diffusa nella zona tra Parma, Piacenza e Cremona da fare in brodo.

 


Mostarda mantovana di mele

La mostarda di Mantova con mele campanine: storia, produzione e ricette.


Torta sbrisolona

La torta sbrisolona, il dolce mantovano a base di farina di mais, tanto burro e farina di mandorle, dalla classica consistenza croccante e friabile.


Crema fritta - cremini fritti

La crema fritta: uno dei protagonisti del fritto misto all'italiana mangiato sia come contorno che come dessert.


Temperatura di cottura delle carni

La temperatura di cottura delle carni: un fattore fondamentale per gli arrosti e le carni povere di connettivo.