Galantina di pollo

La galantina di pollo è una ricetta tradizionale bolognese, diffusa un po' in tutto il Centro Nord Italia, si tratta di una sorta di insaccato a base di carne di pollo o di cappone macinata, arricchita di verdure, aromi e spezie, impastata con le uova e quindi cotta nel brodo. La galantina si serve fredda, tagliata a fette, abbinata alle verdure lessate, all'insalata russa o ad altri contorni.

 

 

La galantina di pollo è un secondo piatto che appartiene alla categoria dei “rifreddi”, cioè di quegli alimenti che vengono prima cotti e poi consumati freddi e che riescono a mantenersi a lungo.

Storia della galantina di pollo

La galantina di pollo nasce come secondo piatto durante il Rinascimento a Bologna, prendendo spunto da un piatto francese, la “ballotine”, a base di carne di anatra e dalla forma rotonda, non allungata come la galantina.

Il termine deriva molto probabilmente dal latino “galatine”, ossia gelatina, anche se alcuni storici sostengono derivi dal francese “galine” (gallina) che ne è l'ingrediente principale.

La galantina di pollo è da sempre considerata un piatto nobile, preparata durante i giorni di festa utilizzando il brodo avanzato per fare il bollito misto.

 

 

Ricetta della galantina di pollo

Galantina pollo

Fare la galantina di pollo in casa è molto laborioso, un processo lungo e delicato, motivo per cui è un piatto ormai caduto in disuso. Alcuni ristoranti di Bologna la servono ancora, ma sono molto rari, uno è ad esempio il Bitone di Via Emilia Levante.

Più spesso si trova la galantina di pollo dal macellaio o al supermercato ma occorre prestare attenzione agli ingredienti utilizzati, spesso, infatti, queste galantine sono fatte con ingredienti di scarsa qualità e con procedimenti meccanici e industriali, non senza l'aggiunta di conservanti (nitriti e nitrati in primis). 

Un consiglio per cercare di velocizzare il procedimento di preparazione è quello di chiedere al proprio macellaio di disossare il pollo, di tenerci da parte le ossa per fare il brodo, di battere la carne del pollo che sarà l'involucro esterno e di tagliare il petto a cubetti che farà parte della farcitura.

Inoltre, occorre tener presente che la galantina va preparata con un po' di anticipo, almeno 1 o 2 giorni prima del consumo.

Autore:

Tempo di preparazione:

 

 

Tempo di cottura:

Tempo totale:

Ingredienti per 6 persone

  • 1 pollo intero disossato
  • 300 g di lombo di maiale
  • 200 g di mortadella
  • 50 g di pistacchi sgusciati e privati della pellicina esterna
  • 2 carote
  • 1 cipolla
  • 1 costa di sedano
  • 1 tartufo nero scorzone (facoltativo)
  • 2 uova
  • 100 g di Parmigiano Reggiano
  • 1 bicchiere di Marsala
  • una spolverata di noce moscata
  • sale e pepe q.b.

Preparazione

Per prima cosa preparare il brodo con le carote, il sedano, la cipolla e le ossa avanzate del pollo. Far bollire il tutto per almeno un'ora, poi filtrare il brodo che servirà successivamente per cuocere la galantina.

Marinare la carne (il petto di pollo e il lombo di maiale tagliati a dadini) nel Marsala per circa 2 ore.

Quindi in una ciotola unire la carne, le uova, il parmigiano, la noce moscata ed iniziare ad impastare il tutto. Aggiungere le carote lessate tagliate a dadini, la mortadella anch'essa tagliata a cubetti, i pistacchi sgusciati e privati della pellicina esterna, il tartufo nero sminuzzato.

Prendere la carne del pollo disossato e farcirla con il composto spalmandolo bene su tutta la superficie. Ripiegare i lembi del pollo e cucirli con l'ago e il filo da cucina formando un cilindro e serrando tutte le aperture.

Avvolgere la galantina in un panno di lino pulito oppure in una carta apposita reperibile in un negozio di casalinghi. Chiudere le estremità a caramella e cuocere la galantina nel brodo per circa 2 ore, lentamente e a fuoco basso.

Scolare la galantina dal brodo e lasciarla freddare, quindi liberarla dal telo o dalla carta e appoggiarla in un piatto coperta da un altro piatto. Conservarla in frigorifero per almeno 24 ore prima del consumo.

Servirla tagliata a fette spesse circa 1 cm.

Informazioni nutrizionali per porzione

 

Energia

457 kcal - 1910 KJoule

 

Proteine ad alto VB 

43 g

Proteine

45 g - 40%

Carboidrati

3 g - 3%

Grassi

29 g - 57%

di cui

 

saturi

10.0 g

monoinsaturi

13.2 g

polinsaturi

4.1 g

Fibre

2 g

Colesterolo

216 mg

Sodio

437 mg

 

 

 

 

Ultimi articoli sezione: Cucina

Frittelle di mele - Gonfie e soffici

Le frittelle di mele sono un dolce tipico della regione Trentino Alto Adige, ma diffusa in tutta Italia. Scopri come farle gonfie e soffici!

Scapece

Scapece ovvero la marinatura in aceto ed erbe aromatiche di verdure o pesci fritti tipica del Meridione.

Alici marinate - Ricetta classica e veloce con aceto

Le alici marinate sono un piatto semplice, ma è importante adottare alcuni accorgimenti per essere sicuri del risultato. Scopriamo questa ricetta con aceto, vino e limone.

Pasta con pesto di pistacchi e gamberi

Pasta con pesto di pistacchi e gamberi: una raffinata e gustosa ricetta di origine siciliana, patria tanto dei gamberi, quanto dei pistacchi.

 

Zeppole di San Giuseppe

Zeppole di San Giuseppe: i dolci tipici campani, diffusi un po' in tutto il sud Italia, a base di pasta per bignè che però viene fritta, dopo un passaggio in forno.

Ziti alla genovese - Origini e ricetta napoletana

Ziti alla genovese: la ricetta originale napoletana di questo primo piatto a base di cipolle e carne di manzo.

Gulasch (o gulash) : ricetta originale e light

Il gulasch, il famoso piatto ungherese qui proposto con la ricetta originale, ma anche rivisitato in chiave dietetica.

Pici all'aglione - Ricetta toscana

I pici all'aglione sono un piatto di origine toscana, preparato con un particolare aglio molto grosso come dimensioni, ma più delicato.

Accedi ai servizi gratuiti

Se sei già registrato, clicca qui per accedere ai servizi gratuiti:

  • Database Alimenti
  • Calcola Ricetta
  • Slot Machine

Altrimenti, clicca qui per registrarti gratuitamente.