Crepes di castagne

Le crepes di castagne sono del tutto simili alle crepes normali, solo che sono fatte con la farina di castagne al posto della farina bianca di frumento, quindi cambia molto il loro gusto, che risulterà più selvatico e meno raffinato di quello delle crepes francesi. 

Le crepes di castagne si possono gustare sia dolci che salate, nel primo caso nell'impasto si mette un po' di sale e si abbinano ai salumi, alla ricotta o ad altri formaggi fusi, ma anche al pesto di basilico come fanno in Liguria, nel secondo caso si aggiunge lo zucchero anzichè il sale e si mangiano ripiene di marmellata, quella di frutti di bosco è l'ideale, oppure di crema di cioccolata, di panna montata, di mascarpone o di pere cotte. Una simpatica variante è quella di aggiungere all'impasto anche del cacao amaro così le crepes assumeranno un colore bronzeo molto accattivante, oltre a guadagnarci in gustosità.

In tutte le zone attorno all'Appennino Tosco-Emiliano queste crepes realizzate con la farina di castagne prendono il nome di necci o nicci o ciacci, e vengono considerate delle crepes povere anche se non hanno nulla da invidiare alle sorelle francesi. Vengono fatte con un impasto molto semplice di farina di castagne e acqua e poi cotte su apposite padelle piatte molto grandi dal manico molto lungho, i testi, sopra il fuoco del camino. Una volta cotti, i necci possono essere gustati da soli senza condimento, oppure ripieni di pancetta, di salsiccia, di ricotta, di miele o di cioccolata. Difficilmente a casa propria si può riprodurre fedelmente questa ricetta in mancanza di un camino, però ci si può attrezzare comprando un testo in un negozio di casalinghi.

 

 

Ricetta dei necci dolci o salati

Crepes di castagne

Ingredienti

  • 250 g di farina di castagne (sufficienti per 10 necci)
  • acqua tiepida q.b.
  • un pizzico di sale o zucchero a seconda dei gusti
  • 2 cucchiai di olio extra vergine di oliva

Procedimento

Setacciare la farina in una ciotola e aggiungervi l'acqua a poco a poco e l'olio fino ad ottenere un impasto fluido e setoso, non troppo liquido per intenderci, una pastella. Ogni farina di castagne ha una sua capacità di assorbimento quindi conviene regolarsi ad occhio. Aggiungere il sale o lo zucchero. Imburrare un testo o una grande padella antiaderente e porlo sul fuoco a fiamma sostenuta per farlo scaldare bene. Quando avrà raggiunto la temperatura giusta versare un mestolo di pastella con un movimento rotatorio del braccio e far cuocere circa 2 minuti per lato. Ripetere il procedimento con la restante pastella. I necci sono ottimi da gustare appena fatti, ma in caso si volesse aspettare di cuocerli tutti consiglio di tenerli in caldo man mano che si cuociono impilati in un piatto dentro il forno. Servire in tavola o con salumi e ricotta o con marmellate, cioccolate e mieli. 

Ricetta delle crepes di castagne con pecorino ed erba cipollina

Autore:

Tempo di preparazione:

Tempo di cottura:

Tempo totale:

Ingredienti

  • 200 g di farina di castagne (sufficiente per 10 crepes)
  • 3 tuorli d'uovo
  • 300 g di latte
  • sale e pepe q.b.
  • 200 g di ricotta fresca di pecora
  • 100 g di pecorino romano grattugiato
  • un mazzetto di erba cipollina

Preparazione

Mettere la farina, i tuorli, il latte ed il sale e pepe in una ciotola ed amalgamare il tutto fino ad ottenere una pastella semiliquida. Poi lasciarla riposare per 30 minuti in frigorifero. A parte preparare il ripieno mescolando la ricotta con il pecorino e l'erba cipollina triturata. Cuocere le crepes una ad una versando una mestolata di pastella in una padella ben calda di almeno 24 cm di diametro, circa 30 secondi per lato, riempire con l'impasto di ricotta e pecorino e servire.

Ricetta Sì delle crepes di castagne con ricotta e miele

Informazioni nutrizionali per crepe

 

Energia

185 kcal - 773 KJoule

 

Proteine ad alto VB 

8 g

Proteine

9 g - 20%

Carboidrati

16 g - 34%

Grassi

10 g - 46%

di cui

 

saturi

4.7 g

monoinsaturi

2.6 g

polinsaturi

1.0 g

Fibre

3 g

Colesterolo

185 mg

Sodio

94 mg

 

- Consiglia questo articolo su Google

 

 

 

Ultimi articoli sezione: Cucina


Porceddu (o porcetto?) sardo

Poscheddu, porcheddu, polcheddu, porceddu, porchetto, porcetto: sono tanti i nomi dialettali sardi per indicare questa tipicità della cucina regionale, il maialino da latte cotto allo spiedo.


Polpette di carne

Le polpette: le più conosciute sono quelle di carne ma esistono anche di pesce o di legumi.


Rösti di patate

Il rosti di patate: le frittelle che provengono dalla cucina svizzera, tutti i segreti per prepararle nel modo tradizionale.


Street food palermitano

Lo street food a Palermo, la città italiana dove il cibo di strada è una vera e propria tradizione gastronomica.

 


Tzatziki (salsa greca)

Il tzatziki: la famosissima salsa greca all'aglio e al cetriolo usata in abbinamento di piatti di carne.


Gramigna alla salsiccia

La gramigna alla salsiccia: la vera ricetta emiliana, senza panna, senza funghi, senza piselli, solo con ragù di salsiccia.


Il ceviche o cebiche di pesce

Il ceviche o cebiche: un piatto a base di pesce crudo marinato che viene dal Sud America e sta spopolando anche in Italia.


Le tapas

Le tapas sono piccoli accompagnamenti gastronomici che vengono serviti in tutti i locali spagnoli assieme alla bevanda ordinata. La moda dell'aperitivo nasce in Spagna.