Casatiello

Guarda il video >>

Il casatiello è una torta salata fatta a forma di ciambella tipica della cucina napoletana, che viene consumata durante le feste pasquali ed è composta da un impasto di pane, strutto, formaggi e salumi misti.

Oltre al casatiello, esiste anche il tortano, molto simile ma più "povero" di ingredienti, una sorta di pane arricchito con formaggi e salumi.

La differenza fondamentale tra il casatiello e il tortano sta nelle uova: il casatiello è sormontato da uova crude, compreso il guscio, mentre il tortano no. Le uova in rialzo, tenute ferme da intrecci di pasta di pane, stanno a simboleggiare la corona di spine di Cristo. Inoltre, un'altra differenza essenziale è che il tortano può essere consumato durante tutto l'anno, non solo a Pasqua, ed è facile da reperire nelle panetterie napoletane.

Il primo documento storico che testimonia la presenza del casatiello nella cucina napoletana risale già al Seicento ed è La gatta Cenerentola di Gianbattista Basile dove il casatiello viene affiancato ad un'altra famosissima specialità napoletana, la pastiera.

Il nome sembrerebbe derivare dalla deformazione dialettale del termine "cacio", in quanto il formaggio è uno degli ingredienti principali del casatiello.

Nel casertano esiste anche la versione dolce del casatiello fatta con uova, strutto, glassa di zucchero e confetti.

 

 

Ricetta del casatiello napoletano

Casatiello

Un modo per rendere la ricetta del casatiello più semplice e veloce è quello, adottato da tanti napoletani, di comprare la pasta di pane lievitata direttamente in panetteria. Altrimenti, facendola in casa, si dovrà aspettare la lievitazione naturale di almeno 4-5 ore.

I salumi e i formaggi usati possono variare in base ai gusti, anche se la ricetta tradizionale prevede l'uso di salame napoletano, ciccioli, scamorza, provola e pecorino, quindi ingredienti tipici campani.

Autore:

Tempo di preparazione:

Tempo di cottura:

Tempo totale:

Ingredienti per circa 12 persone

Per la pasta di pane:

  • 500 g farina forte (manitoba o altro con W 300 o superiore)
  • 50 g di strutto
  • 200 g di acqua
  • 100 g di latte
  • 12 g di lievito di birra
  • 12 g sale
  • pepe

Per il ripieno:

  • 150 g di formaggi misti (pecorino, provola, scamorza, parmigiano...)
  • 120 g di salame napoletano (o un salame abbastanza stagionato e speziato)
  • 60 g di ciccioli (o pancetta)
  • 4 uova
  • 1 tuorlo (per spennellare)

Preparazione

Sciogliere il lievito nell'acqua tiepida, unire 100 g di farina e far lievitare per 30', quindi unire il resto della farina, il latte, impastare bene fino a incordatura, quindi unire lo strutto, il sale, il pepe e reincordare. Coprire a campana o mettere in un contenitore ermetico e far lievitare fino al raddoppio (circa 90 minuti).

Stendere l'impasto su un tagliere (conservarne una piccola parte per le striscioline da mettere sulle uova), ottenendo una forma rettangolare di circa 1 cm di spessore, quindi farcirlo con il salame a cubetti, i ciccioli e i formaggi tagliati a dadini. Arrotolare l'impasto e metterlo in uno stampo per le ciambelle leggermente oliato, unendo le due estremità. Disporre le uova sulle quali metteremo due strisce di pasta a mo' di croce. Lasciar lievitare al caldo (forno spento con la luce accesa) fino al raddoppio (circa 60 minuti).

Portare il forno a 180°C, lucidare la superficie con un pennello imbevuto nel tuorlo e cuocere per 30-40 minuti.

Il casatiello può essere mangiato sia caldo che freddo e si mantiene per alcuni giorni.

Informazioni nutrizionali per porzione

 

Energia

303 kcal - 1267 KJoule

 

Proteine ad alto VB 

13 g

Proteine

18 g - 23%

Carboidrati

32 g - 42%

Grassi

12 g - 35%

di cui

 

saturi

3.9 g

monoinsaturi

2.6 g

polinsaturi

0.9 g

Fibre

1 g

Colesterolo

89 mg

Sodio

282 mg

 

- Consiglia questo articolo su Google

 

 

 

Ultimi articoli sezione: Cucina


Dolma (foglie di vite ripiene)

Le foglie di vite non sono un ingrediente usuale in Italia ma vengono molto usate nella cucina mediorientale per fare i dolma, involtini ripieni di carne e riso.


Pasta al tonno in bianco

La pasta al tonno in bianco: un classico della cucina moderna poiché semplice e veloce. Fatta con il tonno in scatola sott'olio.


Pappa al pomodoro

La pappa al pomodoro: la preferita di Gian Burrasca, scopriamone la tradizione e la ricetta.


Civet di capriolo

Il civet di capriolo: una ricetta tradizionale di origine francese per cucinare la selvaggina e non solo.

 


Sanguinaccio dolce

Il sanguinaccio dolce: una crema al cioccolato che per tradizione veniva fatta con il sangue di maiale, tipica del periodo di carnevale.


Casatiello

Il casatiello napoletano salato: una torta salata tipica della cucina napoletana che si consuma a Pasqua. Fatta con pasta di pane condita con salumi e sormontata da uova sode.


Ragù di cervo

La ricetta del ragù di cervo: un condimento da abbinare alla polenta oppure alla pasta fresca all'uovo. Tutti i consigli per trattare al meglio la carne di selvaggina.


Gnocchi alla romana

Gli gnocchi alla romana, fatti di semolino e non di patate, sono un primo piatto tradizionale laziale.