La proteina C reattiva

La proteina C reattiva (PCR) è una proteina pentamerica (globulina), ovvero formata da 5 subunità identiche associate ad uno ione Ca2+.

 

 

È sintetizzata dal fegato in risposta ad una serie di stimoli di tipo infiammatorio, in particolare l’interleuchina 6 (IL6) e riversata poi nel sangue.

Valori di riferimento e cause di alterazione

I valori normali della proteina C reattiva oscillano tra 5 mg/l e 6 mg/l, anche se possono arrivare a 10 mg/l pur rientrando nella normalità.

Questi valori aumentano velocemente (a volte fino a 1000 mg/L) in caso di stati infiammatori dell'organismo.

I livelli di PCR aumentano entro 4-8 ore dalla comparsa del processo infiammatorio e raggiungono il picco entro 2-3 giorni.

Solitamente l'aumento della proteina C reattiva (PCR) precede le manifestazioni con i classici sintomi dell’infiammazione (febbre e dolori).

Quando lo stato infiammatorio cessa, anche la proteina C reattiva si riporta ai valori normali.

Significato della proteina C reattiva

Per misurare la concentrazione di questa proteina, basta fare un semplice esame del sangue.

Il suo valore però non è indicativo di nessuna malattia nello specifico, semplicemente indica che c'è un processo infiammatorio in atto e questo spinge ad effettuare esami più approfonditi per fare la diagnosi della malattia che ne ha provocato il rialzo.

Proteine C reattiva

Possibili cause di aumento della PCR:

 

 

La determinazione del valore della proteina C reattiva è anche utile per valutare:

  • L'efficacia di terapie messe in atto contro l'infiammazione (se si ritrova un valore inferiore di proteina C reattiva dopo un trattamento antiinfiammatorio è indice di efficacia della terapia)
  • L'insorgenza di possibili infezioni in pazienti a rischio (come nel post-operatorio)
  • Per il monitoraggio di alcune patologie (riattivazione della malattia in caso di aumento della PCR)

Oltre alla semplice determinazione della proteina C reattiva che, come abbiamo detto, è solo un esame indicativo di un fenomeno infiammatorio in corso, esiste un altro esame più specifico detto test della proteina C reattiva ad alta sensibilità.

 

 

Questa valutazione permette di misurare concentrazioni anche molto basse di proteina C reattiva comprese tra 0,5 e 10 mg/l.

E' utile per la valutazione del rischio cardiovascolare. Si è visto infatti che c'è un associazione tra la malattia cardiovascolare e l'aumento della proteina C reattiva.

Un livello di PCR superiore a 2,4 mg/L è correlato con un rischio doppio di sviluppare coronaropatie e infarto del miocardio, rispetto ai pazienti che hanno un valore di proteina C reattiva inferiore a 1 mg/l.

Questo perché il processo di formazione delle placche aterosclerotiche all'interno dei vasi sanguigni è dovuto anche all'infiammazione dell'endotelio (il tessuto che riveste la parete interna dei vasi sanguigni).

L'ipertensione, il fumo, l'inattività fisica fanno aumentare i valori di proteina C reattiva.

Alcuni interventi (sia farmacologici che non) messi in atto per la prevenzione primaria e secondaria della cardiopatia ischemica possono ridurre i livelli nel sangue di proteina C reattiva.

Essi sono:

  • Modificazioni dello stile di vita
  • Perdita di peso (riduce le concentrazioni di IL6 e PCR)
  • Farmaci anti-piastrinici: mostrano un'azione riducente i livelli di PCR, a sostegno della stretta relazione esistente tra attivazione piastrinica ed i livelli plasmatici di questa proteina.
  • Le statine riducono i livelli circolanti di PCR.

Per questo il valore della proteina C reattiva, insieme ai valori del colesterolo totale, del rapporto LDL/HDL, e dei trigliceridi (tutti valori calcolabili con un semplice prelievo di sangue) danno un quadro del possibile rischio cardiovascolare del paziente.

 

- Consiglia questo articolo su Google

 

 

 

Ultimi articoli sezione: Salute


Medicina alternativa o complementare

La medicina alternativa comprende una tipologia variegata di discipline che si basano su terapie la cui efficacia non sempre viene dimostrata con metodo scientifico.


Chiropratica: che cos'è, controindicazioni e applicazioni

La chiropratica è una disciplina usata per la terapia del dolore ma non solo, che si basa sulle manipolazione a livello della colonna vertebrale.


Osteopatia: è efficace?

L'Osteopatia è una medicina complementare che si basa sulle manipolazioni per giungere ad una guarigione. Risulta ancora oggi difficile capire se l'efficacia sia reale o meno.


Omotossicologia: un derivato placebo dell'Omeopatia

L'Omotossicologia nasce dall'Omeopatia di cui usa gli stessi principi, ampliandone la farmacopea e usando alcuni principi della medicina convenzionale.

 


Medicina tradizionale cinese: una lunga tradizione senza conferme scientifiche

La medicina tradizionale cinese ha una lunga tradizione millenaria alle spalle e ha basi filosofiche con diversi tipi di cure, non ancora però confermate scientificamente.


Medicina ayurvedica: un'antica pratica dalla dubbia efficacia

La medicina ayurvedica è un'antica pratica nata in India, di cui non è ancora certa l'efficacia. Nei preparati ayurvedici è stata riscontrata la presenza di metalli tossici.


Medicina antroposofica: una storica terapia che non funziona

La medicina antroposofica è una pseudoscienza creata dopo la prima guerra mondiale, ma di cui non si hanno prove scientifiche circa la sua reale efficacia.


Omeopatia o medicina omeopatica: la pseudoscienza dell'effetto placebo

L'omeopatia è una pseudoscienza che fa parte della medicina alternativa. Ad oggi non vi sono studi che dimostrino una sua efficacia se non nell'indurre un effetto placebo.