Piastrine e coagulazione del sangue

Le piastrine sono elementi corpuscolati del sangue.

Sono le principali cellule che contribuiscono al fenomeno della coagulazione: in particolari condizioni si aggregano insieme allo scopo di favorire l'emostasi e di bloccare le emorragie.

 

 

Le piastrine sono prodotte nel midollo osseo e hanno una vita media approssimativamente di 10 giorni. Sono cellule prive di nucleo, ma possiedono granuli e molti organelli citoplasmatici e RNA, hanno una forma tondeggiante o ovale.

Funzione delle piastrine

Piastrine

La coagulazione è un complesso processo a cascata che avviene a seguito della lesione di un vaso sanguigno. L'esposizione del collagene della parete danneggiata e il rilascio di alcune sostanze chimiche determinano l'attivazione delle piastrine, che aderiscono rapidamente al collagene esposto nella parete danneggiata e rilasciano a loro volta delle sostanze (citochine) che promuovono l'attivazione e l'associazione di altre piastrine: si forma così un tappo fragile chiamato trombo bianco.

Le piastrine sono estremamente fragili: pochi secondi dopo la lesione di un vaso si aggregano e si rompono, liberando nel sangue circostante il contenuto dei loro granuli e favorendo la formazione del coagulo. L'aggregazione delle piastrine è limitata da altri fattori rilasciati nella sede i (come ossido nitrico e prostaciclina, un eicosanoide), per evitare che il coagulo interessi un'area troppo vasta generando un trombo che blocca il flusso sanguigno.

 

 

Valori di riferimento delle piastrine: carenza ed eccesso

I valori di riferimento per le piastrine sono pari a 150.000-400.000 per millimetro cubo di sangue.

La coagulazione del sangue dovuta all'aggregazione delle piastrine è un fenomeno sfavorevole se avviene in condizioni normali, perchè può portare alla trombosi. La loro diminuzione causa alterazioni dell'emostasi con allungamento del tempo di emorragia.

Valori superiori al normale possono essere determinati da carcinomi, carenza di ferro, esercizio fisico molto intenso, febbre reumatica, infiammazioni, da leucemie, da morbo di Hodkin, da osteomieliti, da parto, da policitemia, da splenectomia, traumi, eccesso di vitamina B12.

Valori inferiori possono essere causati da anemia aplastica, deficit di vitamina B12, infezioni virali, leptospirosi, leucemia, linfomi, malaria, porpora, trasfusioni, uso di farmaci (antibiotici, barbiturici, diuretici, fenilbutazone), ipoglicemizzanti, PAS, piramidone e sulfamidici.

 

 

 

Ultimi articoli sezione: Salute

Come prendersi cura dei genitori anziani che vivono soli

In questo articolo abbiamo deciso di raccogliere gli elementi principali da considerare quando ci si trova a prendersi cura di genitori anziani che vivono da soli.

Intolleranze alimentari: conoscerle, per prevenirle

Le intolleranze alimentari sono reazioni avverse dell'organismo provocate dall'ingestione di particolari cibi.

Il vantaggio dell'upscaling: come l'intelligenza artificiale sta migliorando l'imaging medico.

Il vantaggio dell'upscaling: come l'intelligenza artificiale sta migliorando l'imaging medico.

Lattulosio come prebiotico: un'analisi scientifica

Tra i vari prebiotici disponibili, il lattulosio ha suscitato un crescente interesse per le sue potenziali proprietà benefiche per la salute intestinale.

 

Tetralogia di Fallot

La tetralogia di Fallot è una malformazione cardiaca congenita complessa, caratterizzata da quattro difetti anatomici.

Naturopatia: l'unione di tecniche dall'efficacia non dimostrata

La naturopatia è una medicina che usa tecniche di altre medicine alternative e che propone un ritorno alla connessione con la natura. La sua efficacia non è però dimostrata.

Calcio

Il calcio è un elemento fondamentale, per questo molti soggetti possono valutare l'assunzione di un integratore.

Il cuscino per gambe: come funziona e quali sono i vantaggi per la circolazione sanguigna e la postura

Per migliorare la circolazione sanguigna e la postura, il cuscino per gambe è un prodotto immancabile.