Piastrine e coagulazione del sangue

Le piastrine sono elementi corpuscolati del sangue.

Sono le principali cellule che contribuiscono al fenomeno della coagulazione: in particolari condizioni si aggregano insieme allo scopo di favorire l'emostasi e di bloccare le emorragie.

 

 

Le piastrine sono prodotte nel midollo osseo e hanno una vita media approssimativamente di 10 giorni. Sono cellule prive di nucleo, ma possiedono granuli e molti organelli citoplasmatici e RNA, hanno una forma tondeggiante o ovale.

Funzione delle piastrine

Piastrine

La coagulazione è un complesso processo a cascata che avviene a seguito della lesione di un vaso sanguigno. L'esposizione del collagene della parete danneggiata e il rilascio di alcune sostanze chimiche determinano l'attivazione delle piastrine, che aderiscono rapidamente al collagene esposto nella parete danneggiata e rilasciano a loro volta delle sostanze (citochine) che promuovono l'attivazione e l'associazione di altre piastrine: si forma così un tappo fragile chiamato trombo bianco.

Le piastrine sono estremamente fragili: pochi secondi dopo la lesione di un vaso si aggregano e si rompono, liberando nel sangue circostante il contenuto dei loro granuli e favorendo la formazione del coagulo. L'aggregazione delle piastrine è limitata da altri fattori rilasciati nella sede i (come ossido nitrico e prostaciclina, un eicosanoide), per evitare che il coagulo interessi un'area troppo vasta generando un trombo che blocca il flusso sanguigno.

 

 

Valori di riferimento delle piastrine: carenza ed eccesso

I valori di riferimento per le piastrine sono pari a 150.000-400.000 per millimetro cubo di sangue.

La coagulazione del sangue dovuta all'aggregazione delle piastrine è un fenomeno sfavorevole se avviene in condizioni normali, perchè può portare alla trombosi. La loro diminuzione causa alterazioni dell'emostasi con allungamento del tempo di emorragia.

Valori superiori al normale possono essere determinati da carcinomi, carenza di ferro, esercizio fisico molto intenso, febbre reumatica, infiammazioni, da leucemie, da morbo di Hodkin, da osteomieliti, da parto, da policitemia, da splenectomia, traumi, eccesso di vitamina B12.

Valori inferiori possono essere causati da anemia aplastica, deficit di vitamina B12, infezioni virali, leptospirosi, leucemia, linfomi, malaria, porpora, trasfusioni, uso di farmaci (antibiotici, barbiturici, diuretici, fenilbutazone), ipoglicemizzanti, PAS, piramidone e sulfamidici.

 

- Consiglia questo articolo su Google

 

 

 

Ultimi articoli sezione: Salute


Integratori salini - Sali minerali per sportivi

Gli integratori salini sono supplementi di sali minerali che vengono utilizzati spesso in eccesso, ma sono invece consigliati solo in alcuni casi particolari.


Yersinia enterocolitica

La Yersinia enterocolitica è un patogeno emergente che contamina gli alimenti di origine animale e quelli di origine vegetale di quarta gamma.


Ipertermia maligna: la rara complicanza degli anestetici

L'ipertermia maligna è una rara complicanza di predisposizione genetica, che si ha sopratutto in seguito all'anestesia generale. Difficile da diagnosticare, vi sono però delle precauzioni.


Alcolismo

L'alcolismo è una malattia costituita da un abuso cronico di alcol. Rappresenta un modello di consumo di alcol che porta a disagio o compromissione clinicamente significativi.

 


Morso (puntura) di zecca: come riconoscerlo, terapia e prevenzione

Il morso, o puntura, della zecca può portare alla trasmissione di malattie infettive diverse a seconda della specie di zecca e dell'ospite in cui essa è stata in precedenza.


Bioflavonoidi o flavonoidi

I bioflavonoidi, o flavonoidi, sono una classe di composti polifenolici a basso peso molecolare che si trovano in frutti e fiori delle piante e che svolgono moltissime funzioni.


Equilibrio idrosalino, rene, ormoni e apparato urinario

L'equilibrio idrosalino è regolato dal rene, in stretta connessione con l'apparato circolatorio, ma anche dalla sudorazione e dall'ipotalamo, attraverso la stimolazione delle sete.


Coma etilico - Sintomi - Valori - Cosa fare

Il coma etilico è una grave conseguenza derivante da un'eccessiva assunzione di bevande alcoliche e che deve essere trattato come una vera e propria emergenza per evitare conseguenze gravi.

Accedi ai servizi gratuiti

Se sei già registrato, clicca qui per accedere ai servizi gratuiti:

  • Database Alimenti
  • Calcola Ricetta
  • Slot Machine

Altrimenti, clicca qui per registrarti gratuitamente.