Cistite

La cistite è la più nota, e frequente, delle infezioni che colpiscono le vie urinarie.

La cistite in genere non passa inosservata, perché si accompagna a sintomi forti e molto fastidiosi: per fortuna è in genere facilmente curabile e, con la terapia adeguata, si risolve senza lasciare conseguenze.

 

 

Le cause della cistite

La cistite è quasi sempre causata da infezioni batteriche. In genere la contaminazione origina dall'ano, soprattutto nelle donne (molto più colpite da cistite rispetto agli uomini) che presentano una conformazione anatomica più favorevole alle infezioni (conformazione dei genitali esterni e brevità - 3 cm - dell'uretra).

Il 20-30% delle donne tra i 20 e i 50 anni sviluppa uno o più episodi di cistite ogni anno; l'incidenza aumenta con l'età, in gravidanza e nelle donne affette da diabete. I batteri risalgono l'uretra e arrivano alla vescica, dove si moltiplicano causando infiammazione e dolore.

La scarsa igiene personale è spesso la causa di queste infezioni, che sfociano in cistite; anche alcune pratiche contraccettive come l'uso del diaframma e di creme spermicide, che alterano la normale acidità della vagina e favoriscono la proliferazione dei batteri. Altre cause meno frequenti sono le allergie, le insufficienze del sistema immunitario e i traumi.

 

 

I sintomi della cistite e la diagnosi

Cistite

I classici sintomi della cistite sono la disuria (minzione difficoltosa), la stranguria (minzione dolorosa), la pollachiuria (frequente stimolo ad urinare, con emissione di scarse quantità di urine), la nicturia (necessità di alzarsi ripetutamente dal riposo notturno per urinare), l'ematuria (presenza di sangue nelle urine) e il tenesmo vescicale (dolore nella regione sovrapubica).

Oltre alla valutazione dei sintomi caratteristici, la diagnosi della cistite si basa sui risultati dell'esame delle urine e sull'urinocoltura, con conta delle colonie batteriche. L'analisi delle urine di un paziente affetto da cistite può evidenziare la presenza di un elevato numero di leucociti (globuli bianchi superiori a 10.000/ml), di batteri in numero significativo, di emazie (globuli rossi), di nitriti, e anche un aumento del pH.

L'urinocoltura evidenzia la presenza di una infezione attiva quando la concentrazione dei batteri supera i 100.000 batteri/ml di urina.

La cura della cistite

Dopo aver identificato il batterio responsabile dell'infezione che ha causato la cistite, tramite l'antibiogramma si identifica l'antibiotico più adatto per eliminarlo e lo si somministra per 6-10 giorni, facendo molta attenzione a rispettare le modalità e i tempi di assunzione.

Per evitare recidive occorre bere molta acqua (circa 2 litri al giorno) e prestare molta attenzione all'igiene personale, soprattutto dopo i rapporti sessuali e le mestruazioni.

 

- Consiglia questo articolo su Google

 

 

 

Ultimi articoli sezione: Salute


Coma etilico - Sintomi - Valori - Cosa fare

Il coma etilico è una grave conseguenza derivante da un'eccessiva assunzione di bevande alcoliche e che deve essere trattato come una vera e propria emergenza per evitare conseguenze gravi.


Congestione digestiva

La congestione digestiva è un evento che interessa l'apparato gastrointestinale e si ha quando vi sono sbalzi di temperatura particolarmente elevati.


Rimedi contro le zanzare

I rimedi contro le zanzare sono diversi, di sintesi o naturali, e sono di differenti tipi ed efficacia. La loro efficacia è molto soggettiva.


Allergia alle uova: cause, sintomi, diagnosi e terapia

L'allergia alle uova è la reazione allergica più frequente nell'infanzia che va però a risolversi in seguito ad una dieta priva di uova e alimenti che le contengano.

 


Allergia alle arachidi: sintomi, cause, terapia

L'allergia alle arachidi è molto frequente e si manifesta sopratutto nei bambini. Non si riscontra una guarigione ma si stanno studiando nuove terapie in merito.


Nichel negli alimenti

Il nichel è presente in moltissimi alimenti a differenti concentrazioni. Possiamo, però, trovarlo anche in utensili da cucina, nelle tubature dell'acqua e nelle falde acquifere.


Allergia ai crostacei

L'allergia ai crostacei è molto comune ma a volte difficile da diagnosticare. In caso di soggetti allergici si devono evitare i crostacei e gli alimenti derivati.


Allergia al latte

L'allergia al latte si distingue dall'intolleranza al lattosio e alla caseina in quanto coinvolge la reazione del sistema immunitario.

Accedi ai servizi gratuiti

Se sei già registrato, clicca qui per accedere ai servizi gratuiti:

  • Database Alimenti
  • Calcola Ricetta
  • Slot Machine

Altrimenti, clicca qui per registrarti gratuitamente.