Leucociti - Globuli bianchi

I leucociti, o globuli bianchi o WBC (White Blood Cell) sono cellule del sangue coinvolte nella risposta immunitaria.

 

 

Grazie ai globuli bianchi il corpo umano si difende dai microorganismi ostili (virus, batteri, miceti e parassiti) e da corpi estranei che penetrano al suo interno.

L'attività dei globuli bianchi si esplica soprattutto a livello dei tessuti: grazie a movimenti ameboidi, attraversano le pareti dei vasi sanguigni e si muovono negli spazi interstiziali secondo un processo chiamato diapedesi.

I vari tipi di globuli bianchi

Il sangue contiene cinque tipi di leucociti maturi:

  • Linfociti
  • Monociti (precursori dei macrofagi)
  • Neutrofili
  • Eosinofili
  • Basofili (chiamati mastociti a livello tissutale)

Un sesto tipo di leucociti, le cellule dendritiche, non si trova nel circolo sanguigno.

I globuli bianchi circolanti nel sangue possono essere classificati anche in base ad altre caratteristiche funzionali e/o morfologiche.

Abbiamo quindi i fagociti (neutrofili, monociti e macrofagi), in grado di inglobare e digerire le molecole estranee; i granulociti (basofili, eosinofili e neutrofili), che presentano un aspetto granulare; gli immunociti (linfociti T e B), globuli bianchi che scatenano risposte immunitarie specifiche e selettive contro gli antigeni estranei all'organismo; le cellule citotossiche (alcuni tipi di linfociti T ed eosinofili), in grado di rilasciare sostanze in grado di uccidere le cellule; e infine le cellule che presentano l'antigene o APC (alcuni tipi di linfociti, macrofagi, monociti e cellule dendritiche).

 

 

Valori di riferimento dei leucociti

Leucociti - Globuli bianchi

I globuli bianchi sono presenti in concentrazione variabile a seconda dell'età, del sesso e delle condizioni di salute. Un deficit di globuli bianchi viene detto leucopenia, mentre un eccesso di leucociti nel sangue si definisce leucocitosi.

I leucociti vengono contati durante l'esame emocromocitometrico: in media un millimetro cubo di sangue contiene 7000 globuli bianchi.

Valori superiori alla media possono essere determinati da infiammazioni o infezioni: se aumentano i neutrofili l'infezione è di natura batterica, se aumentano i linfociti è tendenzialmente di origine virale, gli eosinofili aumentano più spesso a causa di allergie o infestazioni da parassiti.

In caso di leucemie i globuli bianchi raggiungono livelli molto alti, da 30mila a più di centomila.

Valori bassi dei leucociti si riscontrano durante gravi infezioni (a causa dell'esaurimento del sistema di difesa), di danni al midollo osseo (dove vengono prodotti), in molte infezioni da virus e in alcune malattie del sistema sanguigno.

 

- Consiglia questo articolo su Google

 

 

 

Ultimi articoli sezione: Salute


Obesità in Italia: un problema reale?

L'obesità in Italia ha avuto un arresto nel suo aumento ma ha dati comunque preoccupanti. I giovani italiani risultano, infatti, tra i più obesi in Europa.


Lingua bianca: che cosa significa, cause e rimedi

La lingua bianca è la formazione di una patina bianca sulla lingua. Essa ha diverse cause, spesso non gravi e facilmente risolvibili.


Meteoropatia: cos'è, cause, conseguenze e rimedi

La meteoropatia è un disturbo che si ha in seguito ai cambiamenti climatici e causa problemi psicologici e fisici. La causa principale sembra essere lo stress.


Coronarografia: perchè si pratica?

La coronarografia è una tecnica radiologica usata per valutare morfologia e funzionalità delle arterie, ma anche per piccoli interventi.

 


Colonscopia virtuale: rischi e aspetti generali

La colonscopia virtuale è un tipo di colonscopia meno invasiva e più rapida che permette di ottenere immagini virtuali delle pareti del colon.


Colonscopia

La colonscopia è un esame diagnostico utilizzato per rilevare le anomalie che interessano il colon e il retto.


Angiografia: cos'è, rischi e preparazione

L'angiografia è una tecnica che, usando i raggi X, permette di valutare la morfologia e le alterazioni eventuali dei vasi sanguigni.


Perdita dell'olfatto o anosmia: cause, diagnosi, cura

La perdita dell'olfatto, o anosmia, è l'assenza totale di olfatto che può essere transitoria o permanente. Le cause che la determinano sono molte così come i metodi di diagnosi.