Leucociti - Globuli bianchi

I leucociti, o globuli bianchi o WBC (White Blood Cell) sono cellule del sangue coinvolte nella risposta immunitaria.

 

 

Grazie ai globuli bianchi il corpo umano si difende dai microorganismi ostili (virus, batteri, miceti e parassiti) e da corpi estranei che penetrano al suo interno.

L'attività dei globuli bianchi si esplica soprattutto a livello dei tessuti: grazie a movimenti ameboidi, attraversano le pareti dei vasi sanguigni e si muovono negli spazi interstiziali secondo un processo chiamato diapedesi.

I vari tipi di globuli bianchi

Il sangue contiene cinque tipi di leucociti maturi:

  • Linfociti
  • Monociti (precursori dei macrofagi)
  • Neutrofili
  • Eosinofili
  • Basofili (chiamati mastociti a livello tissutale)

Un sesto tipo di leucociti, le cellule dendritiche, non si trova nel circolo sanguigno.

I globuli bianchi circolanti nel sangue possono essere classificati anche in base ad altre caratteristiche funzionali e/o morfologiche.

Abbiamo quindi i fagociti (neutrofili, monociti e macrofagi), in grado di inglobare e digerire le molecole estranee; i granulociti (basofili, eosinofili e neutrofili), che presentano un aspetto granulare; gli immunociti (linfociti T e B), globuli bianchi che scatenano risposte immunitarie specifiche e selettive contro gli antigeni estranei all'organismo; le cellule citotossiche (alcuni tipi di linfociti T ed eosinofili), in grado di rilasciare sostanze in grado di uccidere le cellule; e infine le cellule che presentano l'antigene o APC (alcuni tipi di linfociti, macrofagi, monociti e cellule dendritiche).

 

 

Valori di riferimento dei leucociti

Leucociti - Globuli bianchi

I globuli bianchi sono presenti in concentrazione variabile a seconda dell'età, del sesso e delle condizioni di salute. Un deficit di globuli bianchi viene detto leucopenia, mentre un eccesso di leucociti nel sangue si definisce leucocitosi.

I leucociti vengono contati durante l'esame emocromocitometrico: in media un millimetro cubo di sangue contiene 7000 globuli bianchi.

Valori superiori alla media possono essere determinati da infiammazioni o infezioni: se aumentano i neutrofili l'infezione è di natura batterica, se aumentano i linfociti è tendenzialmente di origine virale, gli eosinofili aumentano più spesso a causa di allergie o infestazioni da parassiti.

In caso di leucemie i globuli bianchi raggiungono livelli molto alti, da 30mila a più di centomila.

Valori bassi dei leucociti si riscontrano durante gravi infezioni (a causa dell'esaurimento del sistema di difesa), di danni al midollo osseo (dove vengono prodotti), in molte infezioni da virus e in alcune malattie del sistema sanguigno.

 

- Consiglia questo articolo su Google

 

 

 

Ultimi articoli sezione: Salute


Intolleranza agli additivi alimentari: cosa sappiamo davvero?

L'intolleranza agli additivi alimentari è una reazione da ipersensibilità al cibo non ancora molto studiata. Non esiste un test diagnostico e una cura specifica.


I test per le intolleranze alimentari

I test per le intolleranze alimentari: quelli riconosciuti dalla medicina e quelli non convenzionali.


Intolleranza all'istamina: sintomi, diagnosi e terapia

L'intolleranza all'istamina è una reazione avversa ai cibi difficile da diagnosticare ma con alcuni sintomi caratteristici.


Obesità ginoide: cos'è e come si combatte

L'obesità ginoide ha una diversa localizzazione del grasso rispetto a quella androide. In essa risulta però difficile da ridurre il grasso corporeo.

 


Gradi di obesità: classificazione valida?

I gradi di obesità si basano sul BMI. Non sempre, però, questo metodo fornisce indicazioni valide per tutti.


Misuratore della glicemia: tipologie, affidabilità e funzionamento

Il misuratore della glicemia, o glucometro, è uno strumento facile da usare che viene utilizzato per monitorare la glicemia in modo autonomo.


Glicemia

La glicemia è la concentrazione di glucosio nel sangue, un esame molto importante.


Peste suina: classica, africana, diffusione e prevenzione

La peste suina esiste sia nella forma classica che in quella africana. Entrambe hanno sintomi simili e non sono trasmesse all'uomo, ma sono causate da virus diversi.