Creatinina - Clearance (nel sangue e urinaria)

Cos'è la creatinina

La creatinina è un prodotto di scarto derivante dalla normale attività del tessuto muscolare. È una sostanza prodotta dalla degradazione della creatina, una proteina che si trova nella massa muscolare scheletrica di ogni individuo. Quando la creatinina viene prodotta passa attraverso i reni che la filtrano ed è infine escreta tramite le urine. Il livello di creatinina nel sangue può indicare la funzionalità e lo stato di salute dei reni. L'attività dei reni di eliminazione della creatinina è chiamata clearance (depurazione) della creatinina, questo processo indica la velocità di filtrazione glomerulare (GFR), ovvero la velocità del flusso sanguigno nei reni. 

 

 

Funzione renale normale e GFR

Tutto il sangue presente nel corpo scorre nei reni, essi svolgono il compito essenziale di separare la parte buona dai prodotti di scarto del sangue, che non vengono riassorbiti nel flusso sanguino, ma vengono escreti sotto forma di urina. La velocità del flusso sanguigno che passa attraverso i reni è definita velocità di filtrazione glomerulare o GFR. La velocità di filtrazione glomerulare non può essere misurata direttamente, ma si può determinare indirettamente grazie alla creatinina. Come detto precedentemente la creatinina è un prodotto di scarto e come tale i reni la filtrano dal sangue nelle urine, senza riassorbirla. La sua misurazione può quindi rilevare importati informazioni sullo stato di funzionalità dei reni e sulla velocità del sangue di scorrere attraverso essi. L'attività di separazione o depurazione del sangue dalla creatinina è detta clearance della creatinina. I valori della clearance della creatinina, in una persona giovane e sana, è di circa 95 millilitri al minuto per le donne e 120 millilitri al minuto per gli uomini. Ciò significa che ogni minuto, i reni depurano 95-120 ml di creatinina dal sangue. Se la funzionalità renale diminuisce, anche la clearance della creatinina diminuisce. Il GFR, o velocità di flusso sanguigno nei reni, può variare in base all'età, al sesso e al peso di una persona.

Test della creatinina

 

 

Esistono due principali test attraverso i quali si può osservare la creatinina per misurare indirettamente la funzionalità renale.

Raccolta delle urine: la clearance della creatinina può essere determinata con precisione misurando la quantità di creatinina presente in un campione di urina raccolto nell'arco di 24 ore. Il paziente deve raccogliere in un contenitore medico le sue urine e portarle al laboratorio d'analisi.

Analisi del sangue: la GFR può essere stimata anche attraverso le analisi del sangue. Più è alto il livello di creatinina nel sangue, più bassa è stimata la clearance della creatinina. Poiché la quantità di creatinina nel sangue aumenta con la massa muscolare, gli uomini hanno solitamente livelli di creatinina più alti rispetto alle donne. Questo metodo è più utilizzato rispetto al test delle urine.

Creatinina alta: quando preoccuparsi

Solitamente una bassa capacità di filtrare la creatinina è associata ad un problema o una malattia renale. Il declino della funzionalità renale può essere acuto, improvviso, spesso reversibile, o cronico, a lungo termine e irreversibile. Ripetute misurazioni della clearance della creatinina possono identificare la tipologia della malattia, acuta o cronica.

 

 

La funzionalità renale e la clearance della creatinina diminuiscono naturalmente con l'età. La maggior parte delle persone può perdere dal 30-40 per cento della funzione renale senza mostrare problemi significativi.

La gravità della malattia renale cronica e il suo decorso, misurato grazie alla velocità di filtrazione glomerulare, vengono così definiti:

  • fase 1: GFR 90 o superiore (normale funzionalità renale);
  • fase 2: GFR 60-89 (lieve declino della funzionalità renale);
  • fase 3a: GFR 45 - 59 (declino da lieve a moderato della funzione renale);
  • fase 3b GFR 30 - 44 (diminuzione da moderata a grave della funzionalità renale);
  • fase 4: GFR 15-29 (grave declino della funzionalità renale);
  • fase 5: GFR inferiore a 15 (insufficienza renale, che richiede solitamente dialisi).

Se viene mostrato un risultato di bassa clearance della creatinina, si deve approfondire la situazione e pensare alla causa scatenante, nonché ad un piano di interventi per risolvere il problema. Le cause principali di una malattia renale cronica solitamente sono l'ipertensione e il diabete. Il primo passo in questi casi è cercare di migliorare la propria situazione attraverso una dieta equilibrata ed esercizio fisico. Il controllo periodico della GFR o della clearance della creatinina consente di monitorare la situazione e rilevare un possibile declino della funzionalità renale nel tempo. Il medico potrebbe dover apportare modifiche ai farmaci per adattarsi a qualsiasi diminuzione della funzionalità renale.

Il test della creatinina può essere prescritto in persone che presentano i seguenti sintomi:

  • affaticamento, problemi di concentrazione, scarso appetito, disturbi del sonno;
  • gonfiore, soprattutto intorno a occhi, viso, polsi, addome, cosce o caviglie;
  • urina scura, con tracce di sangue o color caffè;
  • diminuzione della quantità di urina;
  • difficoltà ad urinare, bruciore, perdite anomale, cambiamento della frequenza nell'urinare soprattutto di notte;
  • dolore al fianco sotto le costole, nella zona dei reni;
  • pressione alta.

Il test della creatinina è un esame del sangue comune, solitamente non necessita alcuna preparazione specifica.

Creatinina alta: cosa fare?

La maggior parte delle persone non necessitano di dialisi finché la GFR e la clearance della creatinina non si abbassano eccessivamente. La dialisi è una procedura utilizzata per depurare il sangue dalle scorie prodotte dall'organismo quando i reni non sono più in grado di farlo. Una volta però concretizzato il problema è importante agire tempestivamente per preservare il più possibile la funzionalità renale.

Generalmente, un alto livello di creatinina significa che i reni non svolgono un'attività efficace. Ci sono però alcune variabili che possono influenzare il livello di creatinina nel sangue, per esempio la dieta: il livello può aumentare temporaneamente se si è disidratati o se si mangia un'eccessiva quantità di carne. Se il livello di creatinina risulta essere superiore al normale, si possono svolgere ulteriori esami per capire lo stato dei reni, la possibile causa e il trattamento.

 

- Consiglia questo articolo su Google

 

 

 

Ultimi articoli sezione: Salute


Medicina antroposofica: una storica terapia che non funziona

La medicina antroposofica è una pseudoscienza creata dopo la prima guerra mondiale, ma di cui non si hanno prove scientifiche circa la sua reale efficacia.


Omeopatia o medicina omeopatica: la pseudoscienza dell'effetto placebo

L'omeopatia è una pseudoscienza che fa parte della medicina alternativa. Ad oggi non vi sono studi che dimostrino una sua efficacia se non nell'indurre un effetto placebo.


Trapianto fecale: promettente utilizzo del microbiota intestinale

Il trapianto fecale è una promettente tecnica che ha diverse applicazioni promettenti, tra cui contro la colite ulcerosa e la colite pseudomembranosa.


Morbo celiaco o celiachia

Il morbo celiaco o celiachia è una malattia cronica, con caratteristiche lesioni della mucosa dell'intestino tenue e malassorbimento.

 


Le regole fondamentali per un'alimentazione senza glutine

Le regole fondamentali per un'alimentazione senza glutine sono state stilate da AIC e prevedono non solo alimenti da escludere ma anche comportamenti da adottare in cucina.


Yarsagumba: effetti dimostrati, ma solo sugli animali

Lo Yarsagumba, o Cordyceps sinensis, è un fungo parassita di diverse specie di larve, a cui sono attribuite proprietà non ancora dimostrate negli umani, ma solo in alcuni animali.


Fitoterapia: un aiuto ai farmaci di sintesi

La fitoterapia è una disciplina che usa principi attivi di origine vegetale per la cura o la prevenzione di alcune patologie.


Calvizie: che cos'è e differenza con l'alopecia

La calvizie si differenzia dall'alopecia, anche se spesso viene confusa con essa, perché è una condizione transitoria dovuta a diverse cause.