Dermatite periorale

La dermatite periorale è un'eruzione infiammatoria che coinvolge prevalentemente la pelle intorno alla bocca. La malattia si rivela spesso essere causata dall'applicazione di steroidi topici sulla pelle, prescritti per trattare un'altra patologia. La dermatite periorale, chiamata anche dermatite periferica, può coinvolgere anche naso, occhi e bocca, si manifesta con un'eruzione cutanea rossa e pruriginosa, a volte dolorosa e in alcuni casi può evolvere in dermatite periorale cronica. La dermatite periorale è più comune nelle donne di età compresa tra i 16 e i 45 anni, ma può colpire persone di tutte le età, anche i bambini e i neonati. Può scomparire anche senza trattamento, ma tende a riapparire e può durare settimane o mesi.

 

 

La dermatite periorale non è contagiosa.

Cause

La causa della dermatite periorale è sconosciuta. Tuttavia, può verificarsi dopo l'uso prolungato di steroidi topici sulla pelle (per esempio creme come il gentalyn beta), che possono essere prescritti per trattare un'altra condizione; anche gli spray nasali contenenti corticosteroidi possono causare la dermatite periorale. Ci sono anche alcuni ingredienti contenuti nei cosmetici che possono causare dermatiti periorali, o creme contenenti petrolato o con una base di paraffina che possono peggiorare questa condizione.

Altri fattori che possono causare questa patologia includono:

  • infezioni batteriche o fungine;
  • irritazione da saliva, nei bambini;
  • uso del ciuccio nei neonati;
  • dentifricio fluorurato;
  • contraccettivi orali (cause ormonali);
  • stress elevato;
  • protezione solare;

 

 

Dermatite periorale

Fattori di rischio

Alcune persone sono più inclini di altre alla possibilità di sviluppare dermatiti periorali. I fattori di rischio includono:

  • genere, le donne hanno maggiori probabilità di sviluppare questa condizione rispetto agli uomini;
  • uso di creme o oli con steroidi sul viso;
  • età, adolescenti, giovani adulti e adulti di mezza età sono maggiormente colpiti;
  • allergie;
  • squilibri ormonali.

Sintomi

La dermatite periorale di solito appare come un'eruzione cutanea, di colore rosso, attorno alla bocca, attorno alle pieghe intorno al naso, sotto gli occhi, sulla fronte e sul mento. La pelle risultata squamosa e può presentare del pus o del liquido. All'apparenza può assomigliare all'acne. Si possono verificare sintomi come bruciore o prurito.

Prevenzione

Poiché le cause della dermatite periorale variano e la causa non è completamente compresa, non esiste un unico modo per prevenire l'insorgenza della malattia, tuttavia ci sono alcuni accorgimenti che si possono prendere per alleviare la malattia e impedirgli di peggiorare:

  • Evitare le creme e gli oli contenenti steroidi, a meno che non sia specificatamente prescritto da un esperto. Nel caso in cui fosse necessario assumere degli steroidi cercare di prendere quelli meno forti.
  • Evitare di utilizzare cosmetici e creme pesanti per la pelle.
  • Passare a detergenti e idratanti delicati.
  • Limitare la quantità di tempo in cui la pelle entra in contatto raggi UV, calore e vento, tutti elementi che possono aggravare la dermatite periorale. Se si assumono farmaci, come antibiotici, per trattare la dermatite periorale la pelle può diventare particolarmente sensibile al sole e potrebbe macchiarsi, in questi casi è meglio non prendere il sole.

Diagnosi

 

 

È possibile che un dermatologo riesca a diagnosticare la dermatite periorale anche solo con un esame visivo della pelle, raccogliendo informazioni sui sintomi. È possibile eseguire per sicurezza una coltura cellulare (biopsia cutanea) per escludere una possibile infezione. Durante questa prova la zona di pelle interessata verrà tamponata per prelevare delle cellule. Il campione sarà poi spedito ad un laboratorio per testare se le cellule della pelle contengono batteri o funghi. Questo esame può essere svolto anche quando l'eruzione cutanea non risponde ai trattamenti standard.

Terapia

Per prima cosa si raccomanda di interrompere l'uso di creme, dentifrici fluorati, steroidi topici o spruzzi nasali, perché questi prodotti possono peggiorare i sintomi o essere probabilmente responsabili dei sintomi. Tuttavia, è importante parlare con il proprio medico prima di interrompere qualsiasi medicinale. Una volta diagnosticata la condizione e la sua gravità si possono eseguire i seguenti trattamenti:

  • farmaci antibiotici topici, quali metronidazolo e eritromicina;
  • creme immunosoppressive, come pimecrolimus o crema di tacrolimus;
  • farmaci per l'acne, come adapalene o acido azelaico;
  • antibiotici orali, come la doxiciclina, la tetraciclina, la minociclina o l'isotretinoina, per casi più gravi.

Tra i rimedi naturali sono consigliati l'ossido di zinco e la vitamina E, mentre alcuni nuovi trattamenti consigliano la laser terapia, usata anche per il trattamento della rosacea. La dermatite periorale è difficile da trattare e prevede tempi di guarigione abbastanza lunghi visto che può durare per mesi, e in alcuni casi rivelarsi cronica. Parte del trattamento della dermatite periorale include anche dei cambiamenti nello stile di vita e nell'alimentazione (ci sono alcuni cibi da evitare) che possono aiutare a prevenire o velocizzare il processo di guarigione della dermatite.

Alcune azioni possibili includono:

  • evitare le creme steroidee;
  • smettere di usare o ridurre l'uso di trucco, cosmetici e creme solari;
  • lavare spesso i cuscini e gli asciugamani con acqua calda;
  • limitare i cibi eccessivamente salati o piccanti che possono irritare la pelle intorno alla bocca;
  • eliminare detergenti profumati e aggressivi, per pulirsi utilizzare solo l'acqua calda, e una volta scomparsa la dermatite utilizzate solo sapone neutro delicato, non strofinare la pelle bagnata ma tamponarla.

 

- Consiglia questo articolo su Google

 

 

 

Ultimi articoli sezione: Salute


Banane mature e cura dei tumori: una bufala lunga 10 anni

L'idea che le banane mature possano curare il tumore risale ad una ricerca di 10 anni fa che è stata mal interpretata e che presentava risultati solo preliminari.


Funghi allucinogeni: effetti positivi e negativi

I funghi allucinogeni sono funghi con sostanze attive a livello psicologico, fra cui la psilocibina, che ha potenziali effetti terapeutici ancora da confermare.


Medicina tibetana: dall'antico Oriente la cura personalizzata

La medicina tibetana è molto antica e conosciuta. Propone un approccio personalizzato alla terapia e un'attenzione verso la prevenzione della malattia.


Coppettazione: cosa significa, storia ed efficacia

La coppettazione è una tecnica antica tipica della medicina tradizionale cinese ma anche di altri paesi. Il suo effetto non è stato, però, ancora dimostrato da prove scientifiche valide.

 


Acqua idrogenata o acqua all'idrogeno: funziona davvero?

L'acqua idrogenata è un'acqua addizionata di gas a base di idrogeno a cui sono attribuiti diversi effetti benefici. La sua efficacia non è, però, ancora accertata con sicurezza.


Reiki: dal Giappone la tecnica placebo dell'energia

Il Reiki è una tecnica giapponese molto antica, che si basa sul fluire dell'energia universale da un soggetto ad un altro, ma gli effetti sembrano solo placebo.


Talassoterapia: promettente terapia ancora da confermare

La talassoterapia è un'insieme di terapie che usano il mare, il suo clima e i suoi prodotti per ricavarne un effetto terapeutico. L'azione positiva resta però ancora da confermare.


Naturopatia: l'unione di tecniche dall'efficacia non dimostrata

La naturopatia è una medicina che usa tecniche di altre medicine alternative e che propone un ritorno alla connessione con la natura. La sua efficacia non è però dimostrata.

Accedi ai servizi gratuiti

Se sei già registrato, clicca qui per accedere ai servizi gratuiti:

  • Database Alimenti
  • Calcola Ricetta
  • Slot Machine

Altrimenti, clicca qui per registrarti gratuitamente.