Demenza vascolare

La demenza vascolare è un termine generale che racchiude una serie di deficit cognitivi riguardanti la compromissione del ragionamento, della pianificazione, del giudizio, della memoria e di altri processi di pensiero. Queste difficoltà sono dovute a dei danni cerebrali, in particolar modo al flusso sanguigno, che danneggiano il cervello. È possibile sviluppare la demenza vascolare a seguito di una malattia dei piccoli vasi sanguigni, ma ci sono altre possibili cause, come un ictus, che possono danneggiare i vasi sanguigni e ridurre la circolazione, privando il cervello di ossigeno e altri nutrienti vitali. Alcuni fattori che possono aumentare il rischio di demenza vascolare sono l'alta pressione sanguigna, il colesterolo alto e il fumo. Controllare questi fattori può aiutare a ridurre le probabilità di sviluppare demenza vascolare.

 

 

Cause

La demenza vascolare è il risultato di alcune possibili condizioni che danneggiano i vasi sanguigni del cervello, riducendo la capacità di fornire al cervello le quantità di nutrienti e ossigeno necessari per eseguire efficacemente i processi di pensiero.

Alcune condizioni comuni che possono portare alla demenza vascolare includono:

  • Ictus: è un danno che blocca un'arteria cerebrale, oltre alla demenza vascolare può causare una serie di altre complicazioni. A volte si verificano tanti mini-ictus che causano un tipo di demenza detta multi-infarto.
  • Malattia dei piccoli vasi sanguigni: causa un restringimento dei vasi sanguigni più profondi, causando un tipo di demenza sottocorticale.
  • Altre condizioni: ci possono essere altre condizioni che danneggiano i vasi sanguigni nel corso del tempo e sfociano in demenza vascolare, come per esempio usura associata all'invecchiamento, alta pressione sanguigna, indurimento delle arterie, diabete, lupus eritematoso, emorragia cerebrale e arterite temporale.
Demenza vascolare

Fattori di rischio

In generale i fattori di rischio per la demenza vascolare sono gli stessi di quelli delle malattie cardiache e dell'ictus.

I fattori di rischio per la demenza vascolare includono:

  • Età: il rischio di demenza vascolare aumenta con l'invecchiamento, il disturbo è raro prima dei 65 anni, e il rischio aumenta notevolmente a 80-90 anni.
  • Infarti, ictus: se si soffre di un attacco di cuore o di un ictus si è maggiormente a rischio di sviluppare problemi ai vasi sanguigni nel cervello.
  • Aterosclerosi: questa condizione si verifica quando dei depositi di colesterolo e di altre sostanze che formano delle placche si accumulano nelle arterie e restringono i vasi sanguigni. L'aterosclerosi può aumentare il rischio di demenza vascolare riducendo il flusso di sangue che arriva al cervello.
  • Colesterolo alto: livelli elevati di lipoproteine ​​a bassa densità (LDL), il cosiddetto "cattivo" colesterolo, sono associati ad un aumento del rischio di demenza vascolare.
  • Alta pressione sanguigna: quando la pressione sanguigna è troppo elevata, pone sotto stress i vasi sanguigni di tutto il corpo.
  • Diabete: alti livelli di glucosio danneggiano i vasi sanguigni in tutto il corpo.
  • Fumo: danneggia direttamente i vasi sanguigni, aumentando il rischio di aterosclerosi e di altre malattie circolatorie, compresa la demenza vascolare.
  • Obesità: essere in sovrappeso è un fattore di rischio ben noto per le malattie vascolari in generale e quindi presumibilmente aumenta il rischio di demenza vascolare.
  • Fibrillazione atriale: il ritmo anormale del battito cardiaco scoordina la contrazione delle camere superiori del cuore con quelle inferiori, aumentando il rischio di ictus.

Sintomi

 

 

I sintomi della demenza vascolare variano a seconda della parte del cervello in cui il flusso sanguigno è compromesso. I sintomi spesso si sovrappongono a quelli di altri tipi di demenza, in particolare con l'Alzheimer. I sintomi della demenza vascolare possono essere più riconoscibili quando si verificano subito dopo un ictus. I sintomi all'inizio della malattia si verificano in maniera non costante, presentando dei picchi alti e bassi di funzionamento del pensiero. A volte possono anche presentarsi in maniere graduale, proprio come la malattia di Alzheimer, che si verifica spesso in concomitanza. I sintomi interessano più aree del funzionamento cerebrale di una persona, per questo viene anche chiamata demenza mista. I sintomi della demenza vascolare includono:

  • confusione;
  • problemi di attenzione e concentramento;
  • ridotta capacità di organizzare i pensieri o le azioni;
  • declinazione della capacità di analizzare una situazione e di sviluppare un piano efficace;
  • incapacità di comunicare un'intenzione ad altri;
  • difficoltà a prendere decisioni;
  • problemi di memoria;
  • agitazione;
  • deambulazione instabile;
  • stimolo frequente di dover urinare, o incapacità di controllare il flusso d'urina.

Diagnosi

 

 

Non esiste un test specifico per la demenza vascolare, la diagnosi si baserà sui sintomi e sulla base delle informazioni riportate dalla persona. Alcuni test che possono contribuire a chiarire la diagnosi sono:  

  • pressione sanguigna;
  • livelli di colesterolo;
  • glicemia;
  • disturbi della tiroide;
  • livello di vitamine;
  • esame neurologico (riflessi, sensi, coordinazione, equilibrio).

Si possono eseguire anche dei test di imaging del cervello che possono aiutare ad individuare anomalie causate da ictus, da malattie dei vasi sanguigni, da tumori o da altri traumi che possono compromettere il pensiero e il ragionamento. Le procedure di imaging del cervello raccomandabili per diagnosticare la demenza vascolare comprendono:

  • Tomografia computerizzata (TAC): esame indolore e non invasivo che permette di avere immagini dettagliate del cervello da più angolazioni. Richiede circa 20 minuti di tempo.
  • Risonanza magnetica (RM): utilizza onde radio e un campo magnetico per produrre immagini dettagliate del cervello. L'intera procedura può richiedere un'ora o più, è indolore, ma alcune persone possono soffrire di claustrofobia all'interno della macchina di risonanza. Può fornire ancora più dettagli, rispetto alle scansioni TAC, sul cervello.
  • Ecografia carotidea: questa procedura utilizza onde sonore ad alta frequenza per determinare se le arterie carotide, arterie che passano sul lato del collo e forniscono sangue al cervello, mostrano segni di restringimento.
  • Prove neuropsicologiche: questo tipo di esame valuta la capacità di parlare, scrivere e comprendere la lingua, lavorare con i numeri, imparare e ricordare le informazioni, sviluppare un piano e risolvere un problema, rispondere efficacemente a situazioni ipotetiche.

Terapia

È importante controllare anche i fattori di rischio, in modo da prevenire la demenza vascolare, a seconda della situazione individuale, possono essere prescritti dei farmaci per:

  • abbassare la pressione sanguigna;
  • ridurre il livello di colesterolo;
  • evitare la coagulazione del sangue e mantenere le arterie libere;
  • aiuta a controllare lo zucchero nel sangue in caso di diabete.

Non esistono farmaci specifici per la demenza vascolare e i suoi sintomi, tuttavia, alcuni farmaci approvati per l'Alzheimer possono aiutare le persone affette da demenza vascolare a controllare i deficit causati dalla malattia.

 

- Consiglia questo articolo su Google

 

 

 

Ultimi articoli sezione: Salute


Terapia sostitutiva con testosterone: pro e contro

La terapia sostitutiva con testosterone è un trattamento che deve essere prescritto dal medico dopo diagnosi accurata della reale necessità.


Strappo (distrazione) muscolare

Lo strappo (o distrazione) muscolare è una lesione muscolare di gravità variabile. Terapia, cura e prevenzione.


Chetoni esogeni e sport: sono davvero utili?

I chetoni esogeni sono degli integratori proposti per incrementare la rese sportiva degli atleti. Gli effetti in tal senso non sembrano però reali.


Chetoni esogeni per dimagrire: NON FUNZIONANO!

I chetoni esogeni sono integratori usati per innescare la chetosi. Ma non fanno dimagrire e possono avere effetti collaterali.

 


Andropausa

L'andropausa ovvero il graduale calo di testosterone negli uomini.


Integratori per la tiroide: quali sono davvero efficaci?

Gli integratori proposti contro le patologie tiroidee sono molti ma nella maggior parte dei casi sono necessarie delle prove a supporto della loro efficacia.


Crisina (integratori)

La crisina è un integratore che inibisce l'enzima aromatasi, è utilizzato per aumentare il livello di testosterone ma la sua efficacia non è dimostrata.


Cooking therapy: quando cucinare aiuta a guarire

La cooking therapy è una terapia nuova che si applica a diversi disturbi di tipo psicologico e cognitivo, su persone di diverse età e abilità neurologiche.