Informazione televisiva e alimentazione

Un modo per ottenere informazioni fuorvianti è quello di ascoltare i consigli dei nutrizionisti che intervengono periodicamente in televisione nelle rubriche di salute.

 

 

Viva la dieta mediterranea!

Il messaggio che comunemente viene dato santifica la dieta mediterranea e alimenti "buoni" come il pane e la pasta, l'olio di oliva e la verdura.

Con poco tempo a disposizione, non si può certo chiedere all'esperto di turno di insegnarci a mangiare. Ma almeno si potrebbe dare un messaggio utile, al posto di un messaggio che, alla fine, risulta essere dannoso.

Infatti l'ascoltatore capisce che sta mangiando bene (è italiano e quindi mangia "mediterraneo"!), mentre magari è sovrappeso e sta andando incontro a tutti quei problemi che la dieta mediterranea vorrebbe evitare. Non sarebbe meglio dire che mangiare in modo corretto significa anzitutto essere magri? Molte persone sovrappeso (almeno la metà degli italiani) sarebbero scosse da questo messaggio!

TV alimentazione

Ormai vengono diffuse periodicamente notizie che demoliscono le idee triofalistiche diffuse dai nutrizionisti che compaiono in TV: gli italiani sono sempre più grassi. I bambini italiani sono di gran lunga i più grassi dell'unione europea e gli adulti sono secondi solo ai tedeschi. Speriamo che prima o poi la gente (o i nutrizionisti) si renda conto che è ora di cambiare le proprie convinzioni.

Come se non bastasse, poi, a volte le sparano proprio grosse: ricordo che nell'Aprile del 2002, su TG2 salute, hanno consigliato agli anziani di assumere 100 grammi di olio di oliva al giorno (quasi 1000 kcal), per migliorare la memoria (si, erano proprio 100 grammi, con tanto di ampolla d'olio illustrativa)! Spero che nessuno abbia seguito questo consiglio...

 

 

Sempre su TG2 salute, nel Maggio del 2002, la dieta a zona è stata definita come "totalmente a base di proteine", "che esclude completamente pane e pasta", equiparandola con le diete chetogeniche strette come la Atkins. Chiunque conosca la zona sa che questo non è assolutamente vero: non sto cercando di difendere la zona, che se può essere indicata per dimagrire non lo è sicuramente come dieta a lungo termine, ma se si vuole criticare un tipo di dieta almeno lo si faccia con cognizione di causa, altrimenti è meglio tacere!

 

- Consiglia questo articolo su Google

 

 

 

Ultimi articoli sezione: Alimentazione


Cibi ultra-processati: fanno davvero male?

I cibi ultra-processati sono definiti dalla classificazione NOVA che ne sconsiglia il consumo, appoggiata da diversi paesi. Rimane da capire come sostituirli in modo efficace.


Caffeina

La caffeina è la sostanza psicoattiva più consumata al mondo, contenuta in diverse piante come caffè, cacao, tè, cola, guaranà e mate.


Quanta caffeina (e caffè) al giorno?

La quantità di caffeina considerata sicura dipende dalle condizioni patologiche e fisiologiche del soggetto, ma anche dalla tollerabilità individuale.


Pasta di legumi: utile solo per la celiachia

La pasta di legumi è utile solo in caso di patologie che richiedano l'eliminazione del glutine dalla dieta, per diverse ragioni che vedremo in questo articolo.

 


Prosciutto cotto senza conservanti (nitriti)

Il prosciutto cotto senza conservanti (nitriti) si sta oggi diffondendo grazie a nuove tecniche non sempre rese note dalle aziende produttrici.


Gli alimenti trasformati o processati: la classificazione NOVA

I cibi processati o trasformati sono classificati secondo la classificazione NOVA che li distingue in base al tipo di processo di produzione a cui sono sottoposti.


Arachidi

Le arachidi, una specie di leguminose tipica dei Paesi sudamericani.


Cosa mangiare durante lo sport

Troppi atleti mangiano a sproposito durante gli allenamenti. In realtà dovrebbe mangiare solo chi fa allenamenti molto lunghi.