Statistiche alimentazione

Riporto dal sito del Corriere i risultati di uno studio dell'Istituto superiore di sanità sulle abitudini e stili di vita degli italiani. Secondo questo studio l'unica categoria che mangia in modo corretto sono le casalinghe del sud.

 

 

Seguono gli operai, i manager, gli anziani e i giovani, tutti con qualche pecca nella propria alimentazione.

"I manager, schiavi del pranzo fuori casa e di panini troppo imbottiti. Gli operai che si devono accontentare della mensa e ignorano la prima colazione. Un altro gruppo è formato dagli anziani che non possono permettersi menù bilanciati per questioni di reddito. Infine, i giovani studenti: ricche colazioni, troppi cibi grassi, ma compensano con lo sport."

Mi chiedo: qual'è il primo indicatore di una dieta corretta?

Il mantenimento del peso forma, lo sanno tutti.

Vado a vedere le statistiche, e scopro che al sud una donna su tre è obesa (una incidenza pari a circa il doppio rispetto alla media nazionale), e che le persone con più elevato grado di istruzione (i manager?) sono mediamente meno soggette al problema del sovrappeso e dell'obesità.

Evidentemente c'è qualcosa che non torna...

Obesity

È interessante allora chiedersi perché secondo questa statistica le casalinghe del sud mangiano bene.

Probabilmente perché la loro è una classica dieta mediterranea: tanto pane e pasta, alimenti semplici, frutta e verdura. Gli intervistatori, cioè, non hanno chiesto: lei è in forma? Ma solo: lei cosa mangia?

Credo che questa statistica, più che dimostrare che le casalinghe del sud mangiano bene, dimostra che la dieta mediterranea non funziona così bene come vogliono farci credere... Una alimentazione sana non la si valuta a seconda dei "cibi preferiti", ma prima di tutto dalla quantità di calorie ingerite, che deve rispettare il fabbisogno calorico senza superarlo.

 

 

Chiudo con la chicca di Cannella: "Gli italiani non mangiano tanto male. Rispetto agli europei possono scegliere prodotti sani. E non demonizziamo il panino. Va bene anche quello con il salame, ma poi a cena bisogna contenersi".

Chissà se Cannella considera il "mangiare male" in termini di gusto o di salute. Spero che sia la prima ipotesi, perché gli italiani sono il popolo più obeso di Europa dopo i tedeschi, evidentemente non mangiano poi così bene...

 

- Consiglia questo articolo su Google

 

 

 

Ultimi articoli sezione: Alimentazione


Saltare i pasti fa male?

Saltare i pasti fa male? Fa perdere i muscoli? Fa ingrassare? Sfatiamo i luoghi comuni e scopriamo perché saltare un pasto può aiutarci a dimagrire.


Alimenti light: non fanno male, ma sono inutili!

Gli alimenti light seguono Il Reg. Ce 1924/2006 e sono accompagnati da diversi claims in etichetta che ne indicano le caratteristiche particolari.


Dieta chetogenica: efficace, ma non per tutti

La dieta chetogenica è una dieta povera di carboidrati, è efficace ma solo se fatta in modo corretto, e non tutti possono seguirla.


Le diete "low carb"

Le diete low carb: scopri come queste diete possono essere utilizzate per dimagrire, ma non sono adatte come stile di vita.

 


Maltosio

Il maltosio è un dimero del glucosio, uno zucchero non presente in natura ma ottenibile tramite processi industriali.


Gelatina alimentare

La gelatina alimentare o colla di pesce è un materiale gelatinoso che viene usato dall'industria alimentare per aumentare la consistenza e la viscosità di alcuni alimenti.


Kirsch (liquore)

Il kirsch è un liquore (o meglio un'acquavite) ottenuta dalla distillazione delle ciliegie.


Fabbisogno proteico del sedentario e dello sportivo

Il fabbisogno di proteine e di amminoacidi essenziali varia a seconda del peso corporeo e dello stile di vita, sedentario o sportivo.