Biologico e disinformazione

Questo articolo deve il suo titolo alla disinformazione che si incontra quando si visita una sagra di paese, meglio se orientata al biologico. Su 10 banchetti, almeno 5 trattano prodotti "salutistici" e di questi, il 100% riporta informazioni errate o contraddittorie, al solo fine di vendere per salutistico qualcosa che non lo è.

 

 

Vediamo qualche esempio.

Marmellate senza zucchero

Quella delle marmellate senza zucchero è un esempio di come il terrorismo alimentare possa nuocere gravemente alla qualità organolettica dei prodotti. Le marmellate sono un prodotto a bassissima reddittività, e questo comporta una qualità mediamente molto scarsa. Per questo motivo consigliamo i nostri visitatori ad autoprodurle (vedi corso di cucina Sì), una pratica che richiede un po' di tempo ma èmolto vantaggiosa in termini di salute, gusto e denaro.

Incredibilmente non abbiamo ancora trovato una marmellata che sia migliore di quelle che facciamo in casa, nemmeno tra quelle di qualità elevata, e questo è gravissimo perché dimostra quanto scarsa sia la materia prima utilizzata.

Biologico

Se questo non bastasse, le marmellate potenzialmente di qualità, ovvero quelle artigianali, prodotte da piccole aziende che spesso trasformano la frutta di loro proprietà, cadono vittima del mercato che richiede prodotti "dietetici" e "senza zucchero". Si trovano quindi marmellate con zucchero di canna biologico, che inquina il gusto della frutta peggiorandone le qualità organolettiche, marmellate dolcificate con succo di mela o ciliegia, che inquina in modo tremendo il gusto, rendendo spesso irriconoscibile il gusto della frutta di base (tutte le marmellate sanno di mela!).

Quello che fa male in una marmellata è l'eccesso di zuccheri, qualunque sia la loro provenienza. L'eccesso di zuccheri "alternativi" fa male quanto l'eccesso di zucchero raffinato.

 

 

Volendo fare una proporzione, lo zucchero raffinato sta all'olio extravergine di oliva come la barbabietola sta alle olive.

Gli unici produttori che puntano sulle calorie, per esempio proponendo marmellate di sola frutta, spesso eccedono scendendo sotto al 30% di zuccheri, con marmellate che sono poco più che succhi di frutta. Una marmellata è come un dolce: senza zucchero perde appetibilità a tal punto da diventare immangiabile.

 

 

 

 

Ultimi articoli sezione: Alimentazione

Uva: fa ingrassare?

L'uva è uno dei frutti più calorici in assoluto. Ma fa ingrassare? Dipende da quanto amiamo questo frutto!

Popcorn: storia, preparazione, calorie

Popcorn: la storia, la chimica, le calorie, i segreti per cucinarli. Perché sono adatti a una dieta ipocalorica?

Popcorn: fanno ingrassare o sono un alleato della dieta?

I popcorn sono un cibo ipercalorico che tuttavia, a determinate condizioni, non solo non fanno ingrassare ma potrebbero addirittura far dimagrire!

Cibi che non fanno ingrassare ma saziano

Scopriamo che caratteristiche devono avere i cibi che non fanno ingrassare ma che saziano.

 

Legumi - Elenco - Proprietà

I legumi appartengono alla famiglia delle Papillonacee. I legumi più comuni sono il fagiolo, la fava, il pisello, il cece, la lenticchia, la soia e l'arachide.

I fagioli fanno ingrassare?

I fagioli fanno ingrassare? No, ma ovviamente dipende molto da come vengono cucinati.

Salame

Salame: il tipico salume di carne macinata stagionato diversi mesi.

Luganega trentina, veneta e lombarda

La luganega è un salume tipico del Nord Italia, in particolare delle regioni Trentino, Veneto e Lombardia, dove viene chiamata anche luganiga o luganica.

Accedi ai servizi gratuiti

Se sei già registrato, clicca qui per accedere ai servizi gratuiti:

  • Database Alimenti
  • Calcola Ricetta
  • Slot Machine

Altrimenti, clicca qui per registrarti gratuitamente.