Le campagne di informazione per una alimentazione sana

Durante la primavera del 2003 il ministero della salute ha portato avanti una campagna di sensibilizzazione a favore di una attenzione maggiore della popolazione riguardo all'alimentazione. All'inizio eravamo soddisfatti: qualcosa, pensavamo, sta cambiando.

 

 

In realtà analizzando i messaggi che venivano proposti, siamo giunti alla conclusione che non è servito a nulla. Si continua a proporre messaggi troppo "generali", in stile "Viva la dieta mediterranea!". I responsabili della nostra salute non possono pensare di cambiare le cose con provvedimenti così leggeri.

Cos'è che non funziona nel messaggio proposto?

Ministero Salute
  1. Il messaggio è poco chiaro. Perché mangiamo male? Semplice: siamo troppo grassi. E allora diciamolo che il sovrappeso è il nemico numero uno, e chiaramente! Non ci vuole molto, ma non si capiva.
  2. Appurato che dobbiamo mangiare meglio, non si capisce come dobbiamo farlo. Ascoltando i pareri degli esperti i TV? Lasciamo perdere: vedere l'articolo in merito.

Se il ministero della salute vuole prendere provvedimenti efficaci deve fare molto di più. E non può sperare di avere risultati efficaci a breve termine. Le abitudini alimentari sono talmente radicate nella popolazione che per cambiarle ci vogliono anni. E quello che diciamo non è una cosa nuova: lo diceva Flaminio Fidanza in tempi non sospetti, 27 anni fa:

 

 

"Dato il notevole numero di fattori che concorrono a formare le nostre abitudini alimentari è facile incorrere in ripetuti errori dietetici e instaurare situazioni dannose per il nostro organismo che potranno essere evitate o controllate se un'opera lenta e graduale di educazione nutrizionale sarà svolta in modo così efficiente da creare nella popolazione una coscienza nutrizionale, meta questa il cui raggiungimento incontrerà notevoli difficoltà e richiederà vari anni di applicazione, dato che le abitudini alimentari hanno così profonde radici nella personalità umana e nelle tradizioni socio-culturali." Flaminio Fidanza, "Nutrizione Umana", 1976.

 

- Consiglia questo articolo su Google

 

 

 

Ultimi articoli sezione: Alimentazione


Saltare i pasti fa male?

Saltare i pasti fa male? Fa perdere i muscoli? Fa ingrassare? Sfatiamo i luoghi comuni e scopriamo perché saltare un pasto può aiutarci a dimagrire.


Alimenti light: non fanno male, ma sono inutili!

Gli alimenti light seguono Il Reg. Ce 1924/2006 e sono accompagnati da diversi claims in etichetta che ne indicano le caratteristiche particolari.


Dieta chetogenica: efficace, ma non per tutti

La dieta chetogenica è una dieta povera di carboidrati, è efficace ma solo se fatta in modo corretto, e non tutti possono seguirla.


Le diete "low carb"

Le diete low carb: scopri come queste diete possono essere utilizzate per dimagrire, ma non sono adatte come stile di vita.

 


Maltosio

Il maltosio è un dimero del glucosio, uno zucchero non presente in natura ma ottenibile tramite processi industriali.


Gelatina alimentare

La gelatina alimentare o colla di pesce è un materiale gelatinoso che viene usato dall'industria alimentare per aumentare la consistenza e la viscosità di alcuni alimenti.


Kirsch (liquore)

Il kirsch è un liquore (o meglio un'acquavite) ottenuta dalla distillazione delle ciliegie.


Fabbisogno proteico del sedentario e dello sportivo

Il fabbisogno di proteine e di amminoacidi essenziali varia a seconda del peso corporeo e dello stile di vita, sedentario o sportivo.