Calorie del cocomero: il TRIPLO di quelle che pensi

Il cocomero (o anguria) è il frutto dell'estate: fresco, dissetante, leggero... E dolce. Sì, dolce, soprattutto se stiamo parlando di un cocomero di alta qualità, mangiato al giusto grado di maturazione. Vi siete mai chiesti come si può conciliare la dolcezza di un frutto, con il fatto che contenga poche calorie? All'apparenza sembrerebbe un ossimoro. E infatti lo è: il cocomero è sicuramente fresco e dissetante. Ma se è anche dolce, non è di certo leggero, ipocalorico o dietetico.

 

 

Quante calorie ha (davvero) il cocomero?

Abbiamo già parlato diverse volte dell'inesattezza della tabelle nutrizionali italiane per quanto riguarda la frutta. I dati riportati dalle tabelle nutrizionali redatte dall'INRAN sono spesso sottostimati e molto lontani da quelli riportati da altre tabelle, quelle americane dell'USDA in primis. E il cocomero non solo non fa eccezione, ma è probabilmente l'esempio più eclatante. Secondo tali tabelle il cocomero avrebbe 16 kcal per 100 g. Per capire quanto strano è questo dato, considerate che la maggior parte della verdura ha una densità calorica superiore.

Come può un pomodoro avere più calorie del cocomero?

 

 

Questi alimenti (frutta e verdura) contengono praticamente solo carboidrati, e di questi la quasi totalità sono zuccheri. È praticamente impossibile che un alimento molto più dolce di un altro abbia meno zuccheri e quindi meno calorie. Certo, c'è l'acidità a mitigare o esaltare la dolcezza, ma anche l'acidità non può fare miracoli: un cocomero di qualità è clamorosamente più dolce di un comune pomodoro (non sto parlando di datterini o ciliegini). È impossibile che contenga solo 4 g di zuccheri per 100 g, e abbia quindi 16 kcal/hg.

Infatti il valore riportato dal database dell'USDA, troviamo un dato molto superiore, pari a quasi il doppio: 30 kcal/hg. In Italia molti siti riportano il dato italiano, ma alcuni riportano quello americano. L'appassionato di nutrizione che naviga sul web italiano rimane ovviamente confuso: qual è il dato corretto? 16 o 30 kcal/hg?

La bufala dei cocomeri dolcissimi e ipocalorici

In questo articolo sulle calorie della frutta ho riportato una tabella dalla quale si evince che la frutta può avere una quantità di calorie molto variabile, ma non solo. Da questo tabella si evince anche che le calorie del cocomero potrebbero essere (e sono) molto superiori anche a 30 kcal/hg. Nella tabella viene indicata la percentuale minima e massima dei cocomeri sul mercato: quella minima è 8 (cocomero scarso) e quella massima è 18 (cocomero ottimo). Questo significa che un cocomero scarso avrà 30 kcal/hg, mentre uno ottimo potrà arrivare a 70!

 

 

Da qualche anno è presente sul mercato una nuova varietà di cocomero chiamata "Perla nera". Sul loro sito i produttori si vantano di proporre un cocomero con una percentuale di zucchero più elevata rispetto alle altre varietà. Nel paragrafo "calorie e valori nutrizionali" leggiamo infatti che "Perla Nera è più dolce e più gustosa dei cocomeri tradizionali", tuttavia immediatamente dopo veniamo rassicurati sul fatto che "Con una percentuale di acqua superiore al 90% è un frutto ideale per diete ipocaloriche e contribuisce a idratare e disintossicare l’organismo durante l’estate". Curiosamente, però, non ci viene fornito il dato riguardante i valori nutrizionali. Quante calorie ha questo cocomero? Non si sa. O meglio: non ce lo vogliono dire. Probabilmente perché vogliono continuare a farci credere che il cocomero ha 16 kcal/hg e possiamo quindi mangiarne a chili senza preoccuparci delle calorie che stiamo assumendo.

Cerchiamo allora il dato in un altro articolo: cercando "perla nera gradi brix" su Google salta fuori questo articolo che ci informa del fatto che questa anguria ha dagli 11 ai 14 gradi Brix, il che significa che ha una percentuale di zuccheri tra l'11 e il 14%, il che vuol dire che ha 44-55 kcal/hg. Cioè il 50% in più rispetto al dato americano, e il 200% in più (come minimo) rispetto al dato italiano.

Ho preso il Perla nera solo come esempio (non ho niente contro questo frutto, anzi ne sono un entusiasta consumatore), quanto detto vale in realtà per qualunque varietà moderna di anguria.

 Ma allora il cocomero fa ingrassare?

Calorie del cocomero

La frutta è e rimane uno degli alimenti più sani che possiamo mangiare, ed è quindi giusto continuare a mangiarne in quantità, e il cocomero non fa eccezione. Questo deve essere estremamente chiaro.

Tuttavia bisogna togliersi dalla testa il fatto di poterne mangiare senza limiti di quantità. Se siete ghiotti di frutta come me, e non avete problemi a mangiarvi 1 kg di cocomero, allora sarà meglio fare due conti e considerare il fatto che probabilmente state assumendo 400-500 kcal, e non 160 come indicato dalle tabelle italiane, e non 300 come indicato da quelle americane. 3-400 kcal di differenza possono non essere un problema per chi è in peso forma, fa tanto sport e ha già imparato a gestire la propria alimentazione senza star troppo dietro alle calorie, ma basandosi sulle sensazioni e sull'intuito. Ma per chi è alle prime armi e magari deve ancora perdere parecchi chili prima di arrivare al peso forma, questo aspetto potrebbe diventare un problema. Perché assumere 3-400 kcal in più potrebbe vanificare gli sforzi fatti durante la giornata nel tentativo di dimagrire.

Ecco un metodo pratico per evitare di sottostimare (o sovrastimare) le calorie della frutta.

 

 

 

Ultimi articoli sezione: Alimentazione

L’alimentazione che ti migliora la vita: perché leggere The Open Ring

L’alimentazione che ti migliora la vita: perché leggere The Open Ring

Il digiuno: benefici, storia e evoluzione

Il digiuno: benefici, storia e evoluzione

L'aceto balsamico di Modena di Acetaia Leonardi nella cucina moderna: idee e ricette innovative

L'aceto balsamico di Modena di Acetaia Leonardi nella cucina moderna: idee e ricette innovative

Vitamine del gruppo B: in quali alimenti si trovano e quando integrarle

Tra i componenti più importanti rientrano le vitamine del gruppo B: vediamo in quali alimenti si trovano e quando integrarle.

 

Alimenti ricchi di vitamina B12 per una dieta equilibrata

La B12 è una vitamina che insieme a tiamina, riboflavina, niacina, acido pantotenico, piridossina, biotina e acido folico fa parte delle vitamine del gruppo B.

5 alimenti che supportano il sistema immunitario

Per contrastare la comparsa dei malanni di stagione, è fondamentale aiutare il sistema immunitario debole attraverso uno stile di vita più sano, l'assunzione di integratori e un'alimentazione equilibrata.

Alla scoperta del pangasio: perché fa bene e come usarlo in cucina

Il pangasio è un pesce che a oggi non è particolarmente conosciuto, tuttavia si sta sempre più ritagliando un ruolo di spicco sulle tavole di molte famiglie italiane.

Nutrizione Autunnale: Consigli per una Dieta Equilibrata

Con l’arrivo dell’autunno è normale avere voglia di cibi più calorici per contrastare l’abbassamento delle temperature, nonché rinforzare l’organismo per evitare i malanni di stagione.