Pizza con kiwi: l'erede della pizza hawaiana

Come nasce la pizza al kiwi?

La pizza con il kiwi, chiamata anche "kiwifruit pizza", è un tipo di pizza inventata di recente, precisamente proprio a Gennaio del 2020, in Svezia, ad opera di un pizzaiolo, Stellan Johansson, che l'ha sperimentata per una sua cena domenicale di famiglia che aveva fatto presso una pizzeria della sua zona, la cittadina a sud della Svezia Skortopp. L'uomo ha condiviso la sua invenzione sui social, facendo diventare virale la foto della sua ricetta, che però è stata fortemente criticata dai molti sostenitori della pizza nella versione originale. 

 

 

Da molti, la pizza al kiwi è considerata la versione moderna della pizza con ananas, o pizza hawaiana, molto apprezzata in America e in altri paesi, meno gradita, invece, in Italia. 

Ma come nasce l'idea di Johansson di fare la pizza al kiwi? Tutto parte da un regalo che l'uomo riceve da suo fratello: 10 kg di kiwi freschi. Il pizzaiolo inizia così a sperimentare varie ricette a base di questo frutto, provando addirittura a friggerli, senza però rimanere soddisfatto. Ha deciso così di metterli sulla pizza, pensando che potesse essere l'idea migliore. I primi ad assaggiarla sono stati i suoi familiari, che l'hanno apprezzata, in particolar modo i suoi figli. 

Oggi, Johansson propone la pizza con i kiwi nel suo ristorante svedese, in cui realizza anche altri piatti a base di questo frutto. Lo stesso chef ha dichiarato che inizialmente i suoi clienti sono rimasti sorpresi dalla proposta della pizza con i kiwi, ma in molti l'hanno poi apprezzata. Al momento questo piatto non sembra essere stato proposto da nessun altro ristorante. 

 

 

Pizza con il kiwi: è buona? 

Visti i numerosi pareri discordanti tra chi sostiene questa ricetta e chi invece la ritiene quasi inammissibile, la giornalista Alyx Gorman, del "The Guardian" ha chiesto di prepararla per lei allo chef Enrico Sgarbossa, che lavora presso la pizzeria italiana "Al taglio", che si trova a Sydney. La scelta del pizzaiolo non è casuale, poiché questo pizzaiolo realizza di solito ricette innovative sulla pizza. Lui stesso, però, è rimasto perplesso dalla richiesta della giornalista. 

La giornalista Gorman, assaggiando la pizza ai kiwi, ha espresso parere positivo su questa pizza, ma a patto che la base sia molto buona. A suo parere, quindi, una buona pizza non può essere rovinata nemmeno dall'abbinamento con i kiwi. Ad onor del vero, però, la pizza assaggiata dalla Gorman era leggermente diversa dall'originale proposta da Johansson, in quanto conteneva il prosciutto crudo e non quello cotto

 

 

Di opinione contraria sono le tante persone che hanno commentato la foto dello chef svedese raffigurante la sua pizza ai kiwi. Molti l'hanno definita addirittura "un abominio contro natura", ricevendo il plauso di diverse persone. 

Riguardo le tante critiche sui tipi innovativi di pizza, la chef americana Emily Hyland ha detto che "le persone troppo rigide in fatto di pizza non si sanno divertire". 

In linea generale, nel nord dell'Europa sono molto apprezzati gli accostamenti tra la pizza e la frutta esotica. Infatti molto gradite sono la pizza alla banana e quella all'ananas. Per questo motivo, molte persone di questi paesi sono incuriosite e vorrebbero assaggiarla. 

I detrattori della pizza con i kiwi sostengono che questo abbinamento sia un vero e proprio insulto alla tradizione italiana e alla pizza, che è ora Patrimonio Unesco. In quanto tale, ha precise regole da rispettare, come l'altezza del cornicione e i condimenti da usare. Visto tutto questo, a molti risulta quindi un vero e proprio insulto abbinare alla pizza un frutto che non è nemmeno di origini italiane. Inoltre, per la sua acidità, il kiwi non viene visto idoneo come condimento per una pizza, che porta già in sè l'acidità del pomodoro

In una recente intervista, Stellan Johansson ha detto di aver addirittura ricevuto offese e minacce da parte di alcuni sostenitori della pizza tradizionale, per lo più di origine italiana e francese. L'uomo ha addirittura fatto le sue scuse a quanti si siano sentiti offesi dalla sua ricetta. Si è poi giustificato dicendo che nel suo paese sulla pizza si mettono gli ingredienti più strani, ma nonostante questo anche tra i suoi connazionali c'è chi ha avuto pareri negativi su questo abbinamento. 

Come si prepara la pizza con i kiwi?

La pizza con i kiwi non ha ancora una ricetta precisa, ma il suo inventore Johansson l'ha preparata per la prima volta, e continua a proporla nel suo ristorante, usando come base una margherita, quindi completa di salsa di pomodoro e mozzarella, con prosciutto cotto. A questa pizza ha poi aggiunto del kiwi tagliato a fettine. Il frutto, però, non è stato aggiunto alla pizza già cotta, ma in cottura, contestualmente agli altri ingredienti.

 

- Consiglia questo articolo su Google

 

 

 

Ultimi articoli sezione: Alimentazione


Borracce sportive di plastica: sono davvero sicure?

Le borracce sportive in plastica possono subire contaminazioni batteriche se non usate bene e vi sono dei dubbi sul loro rischio chimico.


Armelline: effetti positivi o negativi?

Le armelline sono i semi del nocciolo dell'albicocca che vengono usati in cucina ma anche in cosmetica.


Acqua gassata: fa male?

L'acqua gassata non ha controindicazioni se non per particolari condizioni patologiche.


La dieta South Beach

La dieta South Beach è un mix tra la dieta Atkins e la dieta a zona, e ne riprende pregi e difetti.

 


Bottiglie di plastica: sono riutilizzabili?

Le bottiglie di plastica sono riutilizzabili a patto che vengano rispettate delle norme per il lavaggio e la conservazione.


Contenitori in plastica: sono sicuri? Come utilizzarli in cucina

Quali tipi di contenitori in plastica esistono e quali sono i più pericolosi? Scopriamo quali si possono usare e quali dobbiamo evitare.


Mandorle amare: quali sono, usi, differenze con le dolci

Le mandorle amare non sono di libera vendita in Italia, se sfuse, perché tossiche. Hanno alcune applicazioni in cucina e cosmetica.


Prodotti dietetici: per dimagrire o per cosa?

I prodotti dietetici: regolamentati da un decreto legge del 1992 sono però un'illusione.